LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIGURIA - Il futuro in un gigantesco plastico
Ino Gazo
05/07/2009 IL SECOLO XIX


Al "cremlino" l'esposizione dei progetti su imperia realizzati dagli studenti

Tra le idee pi originali anche un casin sotto il livello del mare nel bacino onegliese
Imperia. Progetti e sogni per il futuro della citt e quelle aree dismesse ancora da "scoprire" sotto il profilo architettonico. Sono nati dalla fantasia degli studenti della Facolt di Architettura di Genova e, da ieri, sono ospitati nel vecchio palazzo comunale di piazza Dante. Una citt che si trasforma, che vuole guardare al futuro con lo sguardo dei giovani studenti del terzo anno del corso che, quei sogni, li hanno disegnati su carta e "spiegati" con plastici nella sala del "Cremlino". Tra questi uno grandissimo che riproduce tutto il capoluogo rivierasco in scala 1:500.
Guidati dal professor Marco Casamanti, i 35 giovani divisi in cinque gruppi di sei elementi pi un altro gruppo di cinque, hanno lavorato per tutto l'inverno scorso a costruire il plastico che riproduce Imperia, dai moli dei due porti fino all'immediato entroterra collinare. stato concluso soltanto nell'insonne notte tra venerd e ieri, prima dell'inaugurazione della mostra. Sei sono i progetti che prendono in esame soprattutto il water front imperiese e il suo collegamento con le sponde del torrente Impero. Ci siamo impegnati moltissimo, abbiamo lavorato sodo - racconta Antonio Bovero, uno degli studenti imperiesi coinvolti - Tanto che ci siamo autotassati per acquistare il materiale necessario per il grande plastico: abbiamo speso 1.800 euro. La Facolt ce ne ha rimborsato soltanto 180.
Il capoluogo rivierasco, insomma, stato al centro del lavoro di un intero anno accademico. Abbiamo scelto Imperia perch una citt in trasformazione - spiega il professor Casamanti - Per questo pu diventare un grande laboratorio. Un'occasione unica, a quanto pare, che ha offerto l'opportunit di sognare il futuro urbanistico imperiese con parametri originali. In Italia il discorso industriale - continua Casamanti - stato affrontato soltanto in termini di dismissioni. Noi, invece, abbiamo tentato di integrare la citt con le strutture industriali presenti. Un principio che il docente dell'ateneo genovese definisce all'avanguardia e che stato ampiamente condiviso e sviluppato dai ragazzi. E' il caso del progetto "Mimesi industriale" concepito da un gruppo di cui fanno parte il rivierasco Davide Giauna di Dolceacqua con Luca Drago, Beatrice Colombo, Chiara Centanaro, Sara Amielli e Maurizio Forno. Abbiamo pensato di creare una quinta di case sopraelevate di sei metri - illustra il progetto Davide - Alla quota inferiore rimarrebbe e continuerebbe la sua attivit l'Olio Carli che, per, sarebbe mimetizzata. Sogni? Forse. Tra questi persino una piazza e un casin sotto al livello marino nel bacino onegliese. Sorpreso e entusiasto, l'architetto Luca Lanteri, assessore all'urbanistica. Confrontarsi con una figura di livello internazionale come il professor Casamanti una grande esperienza - ha detto - E noi non potremo non tenere conto dei progetti concepiti. Sono affascinato dal grande plastico - afferma Gianfranco Gaggero, assessore ai lavori pubblici - E' uno strumento prezioso ideato da menti giovani senza condizionamenti. Un lavoro che ha colpito gli amministratori e le circa 500 persone che hanno gremito la sala della mostra.





news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news