LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MARCHE - La Pineta di San Benedetto: i rischi del restyling
Cristiano Marchegiani
SAMBENEDETTO OGGI Quotidiano on-line di S. Benedetto del Tronto Riviera delle Palme 18/06/2009

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Lasciatemi così / come una / cosa / posata / in un / angolo / e dimenticata», implora, come il soldato Ungaretti, la natura di certi luoghi: belli di una bellezza che ad alcuni sembra dimessa e inattuale, e invece è naturale e vitale. La pineta distesa al centro di San Benedetto, coi suoi alberi ritorti ed altissimi, è un’icona della nostra città marinara e turistica. Per quante generazioni è stata importante: ombroso giardino d’infanzia, selva di vigilate scorribande bambinesche, luogo dei semplici giochi di sempre, adatto per portarsi un libro o la ragazza, o per riposarsi e basta.
Il destino della secolare pineta – rasserenante ambiente di tradizione, nonostante certi scempi subìti, nel cuore di una città che cambia e cresce freneticamente –, con la sua verde e quieta semplicità, che sa placare gli alienanti ritmi di vita di oggi, è deciso. Prima che abolissero la commissione edilizia integrata di cui ho fatto parte fino al dicembre scorso, sentii parlare dell’idea di un pubblico intervento di «riqualificazione» per una «Pineta più decorosa», come si legge nel Bollettino Ufficiale Municipale da poco arrivato alle famiglie. «Subito dopo l’estate», con 900 mila euro «disponibili» (derivanti da un finanziamento statale giunto durante il governo Berlusconi 2, ndr), l’area dell’ex viale delle Palme «acquisirà ordine ed eleganza ulteriori», col «recupero dell’antico disegno dei giardini»: ma al tempo stesso, creando «un nuovo spazio di straordinaria suggestione», abbattendo «piante e arbusti secchi» (?), dotato, fra l’altro, di «pavimentazione» di conglomerato «tipo Levocell», «panchine e arredi», pista ciclabile, nuovo impianto d’illuminazione per «un gioco scenografico di luci e di ombre» (?!), e la vistosa «attrazione» tecnologica di un’enorme «biosfera», «al fine di riprodurre uno scorcio “naturale” all’interno di una struttura artificiale» (?!?).
La «scenografica» artificiosità di una simile costosa «attrazione» altro non sembra, data la pretesa dell’intervento, che un emblema dell’odierna incultura della spettacolarizzazione e banalizzazione del tutto (un eminente sociologo inglese, Alan Bryman, parla di attuale tendenza alla «Disneyzzazione della società»). Del resto, l’inserzione di una biosfera avrebbe un senso nell’immenso parco pubblico di una metropoli. Noto è il caso, a Montreal, del Parc Jean-Drapeau o delle Isole, azzurro scenario fluviale per megaeventi (Expo 67 World’s Fair, Grand Prix, festival e concerti di musica classica, rock, pop) e megastrutture stabili di divertimento, come l’avveniristico Casinò: in tale vastità di cielo ed acque la grandiosa struttura reticolare della Biosphère dialoga col paesaggio in modo interessante. Al contrario, l’effetto concentrato di tutto quanto è in programma nel quadro ristretto dello storico ‘monumento verde’ sambenedettese ne stravolgerà inevitabilmente la natura.
Per la nostra piccola e bella pineta non basta una buona manutenzione? E alla Soprintendenza per i Beni architettonici e per il Paesaggio che dicono? Ricorderanno il caso della celebre Pineta di Ravenna: fu preda di tali interessi che il coro di proteste seguìto – altri tempi! – portò nel 1905 ad una specifica legge di tutela, pietra miliare della politica italiana di salvaguardia dei beni ambientali e culturali.



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news