LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il ministro del Beni culturali, Giuliano Urbani: Giuro: nessun bene andr in saldo
Panorama 31/1/2003

Giuliano Urbani, ministro per i Beni culturali, cade dalle nuvole: Davvero Francesco Nuti ha detto una cosa simile?. S, ha annunciato che se non gli saranno dati i soldi per girare un film, il 15 febbraio si suicider. Poich aveva chiesto un finanziamento al suo ministero, in caso di rifiuto, lei potrebbe essere considerato responsabile del suo gesto... Ma io non c'entro nulla. La sorte di Muti nelle mani delle due commissioni che scelgono e finanziano i film di qualit, commissioni assolutamente indipendenti. Non potrebbe fare un controllo? Urbani allarga le braccia e scuote il capo. Finita l'intervista, Panorama ha compiuto una verifica in altre stanze del ministero. Risultato: la commissione Cinema ha bocciato all'unanimit il finanziamento al film di Nuti. Una decisione presa prima che il regista minacciasse il suicidio.

Ministro Urbani, tutti i suoi colleghi di governo si lamentano della tirchieria di Giulio Tremonti. E lei? Come sono messe le casse del suo ministero?

Non mi posso lamentare: grazie all'ultima Finanziaria, la dotazione dei Beni culturali stata aumentata. Si infatti stabilito che nei prossimi anni il 3 per cento degli investimenti in grandi opere dovr essere destinato ai beni culturali. un bel passo avanti: il budget annuo del ministero passer quest'anno da 2,1 a 3,8 miliardi di euro. Finora, dei 2,1 miliardi a disposizione, potevamo destinare ai restauri solo 500 milioni di euro.

Insomma, per una volta Tremonti non stato avaro...

Lo ringrazio pubblicamente. Con le nuove possibilit di spesa possiamo avvicinarci agli altri paesi europei, che pur avendo meno beni culturali dell'Italia destinano alla loro conservazione una quota del pil superiore alla nostra. La Spagna impegna lo 0,35 del pil, la Germania lo 0,33, il Portogallo lo 0,25 e la Francia lo 0,18, noi appena lo 0,17. C' di pi. Con le nuove strutture create dal governo, la Patrimonio spa e la Infrastnitture spa, si potranno fare interventi ulteriori, in aggiunta al 3 per cento.

Per esempio?

Pensiamo di valorizzare le grandi aree archeologiche situate in prossimit della rete autostradale, come quella di Luni, vicino a La Spezia. Vogliamo che non ci siano solo il parcheggio e l'autogrill, ma una vera e propria struttura museale all'aperto. Lo stesso faremo poi a Pompei, a Ercolano e in altri siti archeologici di cui stiamo redigendo la mappa. Pensiamo anche di intervenire sui centri storici e su alcuni grandi palazzi demaniali che oggi ospitano uffici pubblici e che di certo non possiamo trasformare in supermercati. Tremonti ha fatto una battuta perfino sulla sede del suo ministero: Il palazzo di via XX Settembre? Potremmo trasformarlo in un grande museo dell'economia. Condivido.

Dopo tante polemiche, si capito che il Colosseo e la Fontana d Trevi non possono essere alienati. Ma per il resto? Avete stabilito quali beni lo Stato potr vendere e quali no?

Vorrei fugare ogni dubbio una volta per tutte. Quando ha firmato i decreti costitutivi della Patrimonio spa e della Infrastnitture spa, il presidente Carlo Azeglio Ciampi ci ha invitato a mettere in chiaro quali erano i beni alienabili e quali no. Una giusta preoccupazione, che il presidente Silvio Berlusconi ha raccolto facendo proprio il decreto presidenziale di Carlo Azeglio Ciampi, che gi nel 2000 aveva fissato i confini di inalienabilit del patrimonio artistico. In pi, ora cercheremo di fissare bene la soglia oltre la quale, come ha detto bene il professor Salvatore Setts, direttore della Scuola normale superiore di Pisa, vendere il patrimonio dello Stato non un diritto, ma un dovere. Abbiamo talmente tanta roba che sembriamo un paese socialista.

Chi deve decidere questa soglia?

Da pi di un mese al lavoro una commissione che ha il compito di predisporre un vero e proprio Codice dei beni culturali. costituita da autorevoli giuristi, tra cui Sabino Cassese, ed . presieduta da Gaetano Trotta, — del Consiglio di Stato. In pratica, questa commissione deve raccogliere le norme che regolano il settore, secondo il principio della codifica piuttosto che del semplice testo unico, individuando anche le norme che si intendono abrogare. Un codice che sar un punto di riferimento strategico per il riassetto e la codificazione dei beni culturali, quindi anche per le privatizzazioni, che cos saranno sottratte il pi possibile a criteri di discrezionalit soggettiva.

Ha citato il professor Setts, autorevole storico dell'archeologia, considerato una nuova icona culturale della sinistra. Come mai l'ha chiamato a fare parte dei suoi consiglieri?

Sono convinto che tra persone che si stimano si pu collaborare anche partendo da punti di vista diversi. Per questo, tenendo conto della competenza scientifica e senza curarmi dell'etichetta politica, ho costituito un consiglio scientifico che mi assister nella riforma del ministero e nella scelta degli indirizzi strategici in materia di tutela dei beni culturali. Oltre a Settis, ne fanno parte il costituzionalista Giuseppe De Vergottini, l'economista Giacomo Vaciago, il professor Louis Godard, accademico dei Lincei e consigliere di Ciampi, e il professor Antonio Paolucci, soprintendente del polo museale di Firenze.

In Italia che cosa state facendo, in concreto?

Abbiamo 2.742 cantieri aperti, piccoli e grandi, compresi quelli per i restauri del teatro La Fenice di Venezia e la Villa Reale di Monza.

In pochi mesi lei stato prima in Cina e poi in India, su invito dei rispettivi governi. Che cosa le stato chiesto?

Sono affascinati dalle nostre capacit di fare buoni restauri e ci invitano a studiare e a eseguire anche quelli dei loro monumenti. Il segreto, oltre che nella bravura dei nostri restauratori, in un apparecchio tecnologico d'avanguardia: una macchinetta che viene sistemata sul tetto di un'automobile e a velocit molto bassa gira intomo al bene da restaurare, rilevando i vari aspetti da considerare, compresi quelli di rischio, con una precisione assai elevata. La Cina ci ha chiesto questa apparecchiatura per restaurare la Citt proibita: la porteremo a Pechino la settimana prossima.

Se i film italiani che fanno cassetta sono come Natale sul Nilo, immagino che in materia di cooperazione cinematografica le sia rimasto poco da fare all'estero.

Sbaglia. Dovunque ricordano i nostri grandi registi del dopoguerra e vogliono fare accordi di coproduzione con noi. Non solo. Per non farci schiacciare in un angolino dalle major americane, stiamo portando avanti una nuova politica, facendo anche e soprattutto accordi di codistribuzione. Non siamo cos presuntuosi da voler fare la guerra alle major, ma salvare un'oasi per le cinematografie nazionali, questo s. E poich la codistribuzione richiede condizioni di reciprocit, riuniremo in un'unica struttura le sale a partecipazione pubblica, cos da avere un circuito nostro, dove fare vedere il cinema italiano e, secondo gli accordi che stringeremo di volta in volta, il cinema francese, quello tedesco e quello inglese: ho scoperto che anche quest'ultimo, che pure non ha il problema della lingua, soffre non poco il dominio distributivo delle major.



news

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

25-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

Archivio news