LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La cultura in bolletta, la salva il Governo
Marco Bastiani
il Giornale - Toscana 11/5/2004

Il governo salver la cultura a Firenze. Con una boccata d'ossigeno per il turismo e le attivit economiche collegate. A sottolinearlo sono il presidente della Camera di commercio, Luca Mantellassi, e Mario Ciaccia, presidente dell'Arcus, neonata societ governativa per lo sviluppo dell'arte, della cultura e dello spettacolo.
stato Mantellassi, durante la seconda giornata nazionale dell'economia promossa a livello nazionale, a dichiarare che l'ente camerale ha gi attivato i primi contatti con Arcus per rilanciare il settore culturale. Partiamo da un dato -esordisce Mantellassi -, in due anni la spesa turistica in citt calata del 29 per cento, occorre ribaltare questo trend e l'obiettivo quello di realizzare una fondazione per la cultura nella quale possa inserirsi come socio la stessa Arcus insieme al Comune, gli istituti bancari, le associazioni e altre forze vive della societ. Se non fosse possibile creare una societ insieme dobbiamo essere pronti a intercettare gli stanziamenti di cui Arcus dispone. In base a quanto previsto dalla legge 291/03 la societ, di propriet del ministero delle Infrastrutture ma gestita dal ministero dei beni culturali, ha lo scopo di promuovere e sostenere progetti e iniziative di investimento nell'arte, nella cultura e nello spettacolo.
La copertura data dalla Finanziaria del 2003 e prevede lo stanziamento ad Arcus del 3 per cento del denaro previsto per infrastrutture e grandi opere, sia per gli interventi di tutela del patrimonio artistico, sia per quelli a favore delle attivit culturali. In dieci anni significa che l'investimento sar di circa 2 miliardi e mezzo di euro, con un fondo subito spendibile quest'anno di 250 milioni di euro. La cultura non ha mai avuto stanziamenti cos consistenti - ha dichiarato il mini-
stro per i beni culturali, Giuliano Urbani, al momento della costituzione della societ -. La societ ancora neonata, ma gi ricchissima, era comunque il minimo che si potesse fare considerando che finora l'Italia complessivamente ha sempre speso la met della Francia e dell'Inghilterra per la tutela dei beni culturali. direttamente il presidente della Ar-nis Ciaccia (gi magistrato della Corte dei conti) a palesare l'interesse per Firenze e la Toscana: Siamo favorevoli a sostenere iniziative che siano il volano per lo sviluppo culturale, artistico ed economico dei territori, insieme agli enti locali e non solo, per questo siamo disponibili
a dialogare su queste basi. Entro l'autunno le linee programmatiche per la societ saranno tracciate dal ministero e allora i contatti fra le autorit fiorentine e la Arcus potranno sfociare nella nascita della Fondazione auspicata da Mantellassi.
Una volta stanziati i soldi per il Gabinetto Viesseux e il Comunale Palazzo Vecchio non ha pi disponibilit per la cultura - aggiunge ancora il presidente della Camera di commercio -, invece servono almeno 5 o 6 milioni l'anno per tornare a essere competitivi non solo con Parigi, Londra o Vienna ma anche con Parma, Mantova o Perugia che negli anni sono riuscite a costruire calendari culturali di grande interesse. Noi dobbiamo recuperare il terreno perduto.
Gli stanziamenti attraverso Arcus saranno un boccone amaro per una parte della sinistra. I Ds in Parlamento hanno gi criticato la nascita della societ sottolineando che ancora non si capisce n la struttura n il modo in cui verranno recuperate le somme da spendere. Il timore che nasca un nuovo carrozzone. Ciaccia, nominato presidente solo a marzo, conta per di partire con i primi interventi gi in autunno e oltre a Firenze so-
no gi in calendario stanziamenti per l'area archeologica Luni sull'autostrada La Spezia-Livorno e il porto romano di Pisa che prevede la sistemazione di 21 navi storiche e un collegamento che permetter a chi viaggia in treno di andarle a visitare.
La Camera di commercio fiorentina per incoraggiare il business in citt sta, infine, cercando di attirare in citt la nuova Authority per la sicurezza ferroviaria europea. Un contentino dopo la perdita dell'Agenzia internazionale delle Ferrovie, che per potrebbe innescare nuovi investimenti nel settore.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news