LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Arcus Spa- Dovevamo avere 3,75 miliardi, per il 2003-2004 sono solo 50 milioni
Adriano Donaggio
Giornale dell'Arte, 1 MAG 2004


Per il presidente, Mario Ciaccia, la neo-società sarà un volano di sviluppo per altri soggetti con risorse.

Dovrà erogare ai beni culturali il 3% della spesa per le grandi infrastrutture

ROMA. «Se qualcuno pensa ad Arcus come a un distributore di soldi a fondo perduto, spreca il suo tempo. Se invece ha delle idee per realizzare un progetto interessante, possiamo discutere su forme, modi, impegni. Alla domanda "Quanto mi dai?", la nostra risposta sarà: "Niente o tutto, dipende dalle tue idee, dal progetto che proponi, dalle forme di collaborazione che intendi instaurare, da quello che il tuo progetto riuscirà a mettere in moto"».

Mette le mani avanti Mario Ciaccia, presidente di Arcus, la Società, nata come sostegno dell'attività del Ministero dei Beni culturali, con il vantaggio di finanziamenti certi (il 3% dei fondi stanziati dalla Legge obiettivo per la realizzazione delle grandi opere infrastnitturali), e di essere più agile di un Ministero pur essendone, in qualche modo, e allo stesso tempo, un braccio esecutivo, un interlocutore, un punto di incontro tra esigenze di Regioni, Comuni, Province, e la progettualità e l'operatività del Governo.

Mario Ciaccia, 56 anni, magistrato della Corte dei Conti, «servitore delle istituzioni e gran commis dello Stato», come lui stesso si definisce, ha sempre lavorato con Ministri e Governi, dove le esigenze di un corretto ordinamento giuridico si intersecano con quelle dell'economia e della finanza, dove lo sviluppo del Paese porta all'incontro di finanza pubblica e finanza privata, dove le istituzioni pubbliche si incontrano con la logica del privato.

Dottar Ciaccia, che cos'è esattamente Arcus?
Arcus è una grande occasione che finalmente si affaccia nel nostro ordinamento. Sappiamo ormai che lo straordinario patrimonio che possediamo deve essere conservato, ma anche che possiamo operare un'attenta valutazione dell'indotto che da tutto ciò può derivare.

L'art. 60 della Legge 289 del 2002 prevede che il 3% delle somme destinate alla realizzazione delle grandi infrastrutture finisca ai beni culturali, che per la prima volta nel nostro Paese vengono visti come elemento del sistema infrastrutturale.

La società Arcus diventa lo strumento nel quale poter veicolare tutto o parte di quel 3%. In parole povere, Arcus è lo strumento operativo per effettuare tutte quelle operazioni volte a realizzare promozione, sostegno finanziario, tecnico, economico e organizzativo, di progetti e altre iniziative di investimento per interventi, restauro e recupero di beni culturali, e altre iniziative a favore delle attività culturali e dello spettacolo.

Il progetto ambizioso di Arcus è quello di non effettuare interventi diretti, anche perché sarebbe stato improvvido in ragione del fatto che c'è un Ministero che a questo è preposto con singoli capitoli di spesa.

Arcus deve essere in qualche modo il collante diretto, o attraverso la partecipazione ad altre società, che consente di rendere operativa questa canacità di nromozione e sostegno progettuale per la realizzazione di iniziative mirate a migliorare il quadro dei beni e delle attività culturali, di inserirle in una sorta di marketing territoriale.

Che cosa intende con la parola «collante»?

L'ambizione è quella di unire tutti i possibili interventi di altri soggetti importanti nel territorio, siano essi enti territoriali, organismi come il Fai, associazioni come Civita, le Fondazioni di origine bancaria. Noi riteniamo che se Arcus saprà muoversi con la dovuta attenzione e impegnare i diversi soggetti che operano nel territorio, questo porterà a un grande sviluppo delle risorse e delle nostre potenzialità.
Fino a oggi verso i beni e le attività culturali abbiamo avuto un'ottica che definisco sepolcrale: o da addetti ai lavori o come beni che consumano risorse, certamente necessarie per la loro tutela, ma che potrebbero forse generare nuove risorse in un 'ottica di sviluppo.

Può esemplificare il concetto? La possibilità di configurare dei veri e propri bacini culturali, cioè delle aree geografiche nelle quali insistano beni di proprietà di soggetti diversi (Stato, Regioni, Coni, Fondazioni di Teatri lirici ecc.), in una visione integrata, sistemica, collegata al turismo, con trasporti ben organizzati, con l'individuazione di veri e propri percorsi culturali, con un'adeguata politica dell'accoglienza alberghiera, della ristorazione.
Dovremo saper approfittare del numero sempre maggiore di persone che vogliono viaggiare, vedere, di un turismo sempre più attento ed esigente che può costituire una grande potenzialità se riusciremo a fornire un'immagine migliore del nostro Paese sia dal punto di vista paesaggistico, sia dal punto di vista della fruibilità, dell'appeal dei nostri beni culturali.

Quindi non più il singolo bene culturale, ma un marketing territoriale che parte dal bene culturale.
Un solo dato. In Italia abbiamo 1.180.000 imprese artigiane. Con un'adeguata politica di merchandising opportunamente attivata in determinati bacini culturali potremmo favorire una sviluppo di creatività, di produttività, di ritorno economico molto interessante. Un progetto ambizioso, ma
quali sono le vostre risorse economiche?
// documento di programmazione economico-finanziaria lascia pensare a interventi per 125 miliardi di euro, il cui 3%
significherebbe 3,75 miliardi.

Purtroppo così non è, perché gli impegni di spesa cui è possibile fare riferimento non possono essere che quelli che fanno riferimento alla legge obiettivo, vale a dire impegni di misura assai limitata che, calcolati al 3%, danno luogo a un ammontare, con riferimento agli anni 2003-2004, considerati i mutui che sarà possibile sviluppare, a una cinquantina di milioni di euro. La società nasce con 8 milioni di euro, che non è molto, ma ha il vantaggio di avere un introito cerio, appunto il 3%, una percentuale.

Arcus deve porsi, come dicevamo prima, come un volano di sviluppo e collante di altri soggetti che possiedono risorse, gli Enti locali, le Fondazioni di origine bancaria, senza contare che lo statuto prevede che si possano fare convenzioni anche con privati.


Quali sono i primi interventi che intendete fare?

Il programma, varato dal Consiglio d'Amministrazione (che non si è ancora espresso) deve essere approvato dai Ministeri dei Beni culturali e delle Infrastrutture. Intanto però vi sono degli interventi ritenuti prioritari dallo stesso legislatore, che ha già determinato l'importo, 7,7 milioni di euro: riguardano il recupero di alcune zone della provincia di Lecce con famosi esempi del Barocco.

Personalmente poi immagino interventi di tipo diretto e interventi di tipo strumentale.

I primi volti a raccogliere iniziative progettuali per favorire una migliore fruizione di, faccio un esempio, bacini archeologici, situati anche lungo le direttrici autostradali. Poi interventi volti a mitigare l'impatto che potrà esserci nella realizzazione di infrastrutture strategiche, sviluppando azioni mirate a favorire la riscoperta di siti storici minori.

Ma soprattutto, come dicevo, cercare di sviluppare questa struttura integrata del territorio, attraverso la definizione condivisa di bacini culturali nei quali utilizzare un nuovo merchandising, dal momento che quello vecchio non c'è stato.

Ma, per esempio, un'istituzione come Palazzo Grassi la finanziereste?

Se Palazzo Grassi potesse far parte di un grande progetto sarebbe bello.

E che altri progetti vorreste finanziare e promuovere? Per esempio sarebbe interessante intervenire su Aquileia, prolungare nei prossimi anni le iniziative di Genova Capitale della cultura, creare un rapporto nuovo con l'Università, studiare un progetto con la Biennale di Venezia, per la quale il ministro Urbani ha ipotizzato anche la possibilità di un nostro intervento per il nuovo Palazzo del Cinema al Lido. Che altro ancora?

Intendiamo impegnarci molto per rendere fruibili i beni culturali, quindi formazione per migliorare gestione e comunicazione, ma anche fruibilità materiale. Il 40% dei nostri siti archeologici non sono fruibili dai disabili. C'è di che riflettere.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news