LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il ministro della Cultura francese al tempo di Mitterrand ora si occupa di Lorenzo il Magnifico
Giancristiano Desiderio
Secolo d'Italia, 30 GEN 2003

Jack Lang stregato dai Medici. -In un libro un'accurata indagine sul personaggio chiave del Rinascimento fiorentino.


"TANTO nomini nullum par elogium" (Nessun elogio sar mai degno di tanto nome), il celebre epitaffio di Machiavelli, inciso a Santa Croce, potrebbe applicarsi alla perfezione ad un personaggio universalmente noto che ha dominato il suo tempo: Lorenzo de' Medici. Quale elogio, infatti, potrebbe rendere la grandezza di colui che ancora oggi , semplicemente, il Magnifico? Qual il segreto di tanta sconfinata ammirazione? Perch dal Quattrocento ad oggi la fama del Principe senza corona di un piccolo Stato repubblicano non ha conosciuto crisi?

Un francese colto e innamorato dell'Italia qual Jack Lang, ci svela nel suo ultimo libro (Il magnifico, vita di Lorenzo de'Medici, Mondadori, pagg. 172, euro 16,00) il ritratto dell'uomo di potere che per primo si serv della cultura come alleata della politica.
L'ex ministro della Cultura all'epoca di Francois Mitterrand sceglie di indagare su due direzioni: la storia della potenza di una famiglia e il mito dell'uomo simbolo del Rinascimento.
Quando Lorenzo nasce, nel 1449, i Medici sono tra le famiglie pi potenti di Firenze e d'Italia, la loro Banca rappresenta l'istituzione finanziaria principale dell'epoca. Il potere politico acquisito e consolidato frutto dell'enorme influenza che l'amministrazione delle banche e i commerci internazionali hanno garantito al casato. Ma Lorenzo va oltre, diventa infinitamente pi potente e rispettato di suo padre, Piero il Gottoso e di suo nonno, Cosimo. la sua visione moderna ad elevarlo e a consegnarlo alla leggenda. Egli crede al progresso fondato sull'esperienza illuminata della ragione. Il suo sogno un nuovo mondo stimolato dalla fantasia, dalle energie, dalla creativit. Egli il principe di una rivoluzione culturale. Intuisce che occorre collegare l'Antichit al gusto contemporaneo, liberando la curiosit artistica, letteraria o scientifica sepolta sotto la polvere medievale e facendo rinascere il genio italico. E innegabile che il punto di partenza dell'attivit di Lorenzo politico, egli in competizione con le grandi casate fiorentine - gh Acciaiuoli, gli Strozzi, i Salviati - deve lottare, scendere nei labirinti della politica. Ma i mezzi che spesso adotta sono inusuali. La diplomazia al posto della violenza, la persuasione in luogo dell'imposizione. Il sapere, la conoscenza, il gusto, la raffinatezza, la filosofia, la scienza. Ecco le armi di Lorenzo
il Magnifico. Ecco il mito del grande mecenate. Filosofi pittori scultori orafi: questo il suo personale esercito silenzioso che far la sua fortuna e quella dei fiorentini. L'influenza e i meriti di Lorenzo vanno oltre i confini del Quattrocento, egli conduce Firenze e l'Italia dal Medioevo all'era moderna. L'arte dopo di lui cambier volto. In un certo senso, Lorenzo si comporta da produttore. Fa capire die l'investimento, il rischio, il commercio, tutto ci che fa appello all'abilit umana pi importante del lavoro nei campi. Scuote la pigrizia mentale dei suoi contemporanei, inclini a valutare un'opera d'arte in base al costo dei materiali utilizzati: il blu vale pi del rosso e la folla dei pastori vale pi del ritratto. Con le sue commissioni riesce a convincere i fiorentini del fatto che tutti possono essere filosofi o che tutti sono in grado d apprezzare una statua esposta in piazza della Signoria. Il suo impegno nel realizzare questa visione innovativa del potere e del sapere quotidiano. Deve organizzare le botteghe, finanziarle, suscitare e incanalare la loro rivalit, fare in modo che il

nome di un artista non offuschi quello del committente con una firma che indebolirebbe il messaggio propagandistico. Organizzare la promozione critica di opere che, indirettamente, esaltino la sua capacit di giudizio, controllare il ritmo della produzione, la frequenza delle copie, il tratto distintivo delle singole botteghe affinch non inflazionino le opere, che devono rimanere creazioni rare. lui che designa il pittore, sceglie i colori e detta il messaggio. Tutto ci costa tempo, fatica, denaro, ma rende tantissimo. Soprattutto al potere dei Medici, che diviene immenso. Egli ha l'abilit di superare gli schemi consueti dell'arte di allora e, contemporaneamente, di trarre vantaggio da ogni sua intuizione. Con lui si comincia ad abbandonare il contenuto quasi esclusivamente religioso dei quadri e delle sculture. Si impongono nuovi soggetti pagani e temi metafisici, il tutto sempre con un occhio alla politica. La scelta di Platone e delle sue preoccupazioni cosmiche, piuttosto che l'insistenza sulle intuizioni aristoteliche relative ai rapporti tra l'individuo, la citt e la societ, era l'ideale per il potere dei Medici. Certo Lorenzo non l'unico principe che abbia adottato questa strategia. Stendhal nel suo "Storia della pittura in Italia" scrive che i sovrani vivevano come ricchi privati, tra tutti i piaceri della mente e delle arti. Nel 1441 Pisanello aveva inciso per Francesco Sforza una medaglia sul cui rovescio apparivano il libro, il cavallo e la spada, emblemi di un condottiero che desiderava presentarsi come sapiente. Ma Lorenzo il Magnifico fece tutto con un'altra sensibilit e con una visione globale. Le passioni filosofiche nate dalla frequentazione di Cristoforo Landino, Marsilio Ficino e Leon Battista Alberti, esponente di punta del primo umanesimo, gli conferirono una statura superiore a quella di tanti altri che iniziarono, sulla sua scia, a circondarsi di artisti e letterati.
Jack Lang perfettamente cosciente della grandezza di Lorenzo: Si liberi di sostenere che Lorenzo finanziasse soprattutto grandi botteghe - quella del Pollaiolo e quella del Verrocchio -, che non si accorgesse subito della statura del Botticelli; ma resta il fatto che questi artisti e i loro altrettanto geniali assistenti - basti pensare a Leonardo Da Vinci e a Lorenzo di Credi, nel caso del Verrocchio - costituirono effettivamente una generazione d'oro. E non fu Lorenzo a farli fuggire, ma la fama delle loro opere a Firenze a generare un inevitabile rilando da parte degli altri prindpi d'Italia.
Infine, un'ultima, fondamentale considerazione. Il Rinascimento culturale innestato da Lorenzo imped la scomparsa di pratiche e tradizioni, grazie all'attivit degli orafi, degli incisori o dei tornitori in legno che lavoravano per i vari artisti. Allo stesso tempo, non si pu negare il valore educativo delle infinite opere nate sotto l'egida de il Magnifico. Opere ineguagliabili che hanno contribuito a sviluppare le potenzialit creative della societ fiorentina, l'affinamento di quella sensibilit famosa ancor oggi in tutto il mondo.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news