LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - Cemento e menzogne il disastro ci circonda
LUCA ROSSOMANDO
GIOVED, 11 GIUGNO 2009 LA REPUBBLICA - Napoli





Sabato scorso gli artisti napoletani Cyop&Kaf hanno inaugurato una mostra particolare, en plein air, sotto i piloni di un cavalcavia abbandonato, in uno spazio di risulta nei dintorni di Quarto, una terra di nessuno al confine tra un centro commerciale, i binari della Circumflegrea e un Macello mai entrato in funzione, ex centro sociale occupato e ora discarica comunale di rifiuti ingombranti. Pi che un vernissage stata una festa, lunga unintera giornata, con musica e tavole imbandite, giochi per bambini e proiezioni serali, unarea dedicata alle autoproduzioni, dagli alimenti biologici a saponi e detersivi. I dipinti erano visitabili anche prima dellinaugurazione e lo saranno a lungo, fin quando il passare del tempo o lattuazione di qualche piano urbanistico non canceller i piloni del cavalcavia.
Le opere "esposte", infatti, sono dipinte sui lati degli enormi pilastri che sostengono la strada sopraelevata: figure di grandi dimensioni, esseri mutanti a mezza strada tra lanimale, il vegetale e lumano, oppure ritratti grezzi, volti che emergono dallaccostamento di oggetti e simboli inanimati, realizzati nel corso degli ultimi tre anni con la collaborazione episodica di artisti amici (Malov, Diego Miedo, Eno, Aria).
L
effetto visivo quello di una lunghissima navata che si estende a perdita docchio; una fuga di colonne, punteggiate sui lati dai cumuli di piccole discariche abusive. Il titolo della mostra, "CeMento. La menzogna come collante sociale", da un lato gioca con il senso e la combinazione delle parole (le bugie, dicono Cyop e Kaf, sono diventate i pilastri della societ; non una possibile via di fuga, ma lunica unit di misura del nostro mondo), dallaltro evoca i luoghi che circondano il cavalcavia: da una cittadina come Quarto, che nel giro di ventanni passata da poche migliaia a quasi cinquantamila abitanti, a tanti altri posti dellhinterland napoletano, ex paesi diventati citt di fatto, ma solo quantitativamente, mentre le campagne intorno scomparivano rapidamente, sepolte da colate di cemento abusivo e discariche legali e illegali, industrie dismesse e un vasto assortimento di non-luoghi del cosiddetto terziario.
Il giorno prima di questa mostra, Antonio di Gennaro, di professione agronomo, aveva presentato in via Orsi al Vomero, nella bottega del commercio equo e solidale "Il Pappice", il suo libro intitolato "La terra lasciata" (edizioni Clean), una sequenza di brevi capitoli in cui riepiloga le fasi salienti del disastro che ha sconvolto il nostro territorio, la cosiddetta "Campania Felix", ecosistema di terreni fertilissimi che si formato nel corso di duemila anni e che lopera delluomo ha dimezzato negli ultimi cinquanta.
Di Gennaro stato, qualche anno fa, il maggiore artefice del ritiro del Piano territoriale della Provincia di Napoli. Un piano che, sotto lo slogan della riqualificazione, dichiarava edificabili 25 mila ettari di suolo agricolo pregiato, il quaranta per cento del territorio rurale della provincia. Analizzando le cartografie, di Gennaro fu colpito dagli spazi bianchi che circondavano le aree pi fertili. Venivano definite "aree di prevalente riqualificazione urbana", ma si trattava di espansione camuffata. La normativa prevedeva la possibilit di localizzarvi servizi, infrastrutture e abitazioni. Negli anni Sessanta dice di Gennaro i Comuni della provincia conservavano la loro individualit, avevano intorno un territorio rurale che serviva da cintura verde nei confronti della grande citt. Oggi esiste unameba urbana che continua a crescere. La conurbazione ha saldato tra loro i tre capoluoghi di provincia, tanto che ormai si pu andare da Caserta a Salerno senza mai lasciare il paesaggio urbano.
Il danno stato compiuto. Adesso si pu provare a salvare il salvabile, dice di Gennaro. Gli strumenti ci sarebbero. Per la prima volta dopo quarantanni, la Regione ha approvato un Piano territoriale che introduce regole severe di tutela dello spazio rurale, non pi considerato come "area bianca" ma come ecosistema che fornisce a noi tutti una serie di servizi essenziali: acqua da bere, aria pulita, alimenti, biodiversit, paesaggio, occasioni di vita allaria aperta. necessaria una bonifica organica non un semplice elenco di siti da bonificare di ampiezza e profondit mai affrontate prima. Ma un piano da solo non basta. E meno che mai un governo demergenza. Occorre una buona politica, un patto sociale tra amministrazioni, imprese e cittadini, ovvero la responsabilit di ciascuno verso un ambiente di vita percepito come patrimonio comune.
Come Cyop&Kaf, anche di Gennaro attira lattenzione sul disastro che ci circonda. A modo loro, con il loro linguaggio, i due artisti ci invitano ad affrontare i risultati di questo sfacelo, a non distogliere lo sguardo dalle macerie, a utilizzarle, a trovargli un senso; con i loro interventi ci chiedono di non dare per scontato questo panorama, di continuare a porci domande, di non dimenticare le responsabilit. Lagronomo, a modo suo, con i suoi strumenti, ci indica una strada, forse lunica da percorrere nel futuro. La riduzione del danno, una ricognizione dei frammenti scampati al disastro, il ripristino di questo mosaico di isole verdi, la loro difesa, connessione e valorizzazione. Due sfide non proprio allordine del giorno nella campagna elettorale appena conclusa.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news