LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TRANI - Il Comune non ha i soldi, gli scavi restano coperti. Chiusa al pubblico la villa romana a sud della citt.
Carmen Carbonara
CORRIERE DEL MEZZOGIORNO, edizione di Bari 10 giugno 2009

Sono in salvo, ma non saranno fruibili al pubblico i resti della villa di epoca romana ritrovati l'anno scorso a Trani, lungo la costa Sud nella zona della cosiddetta seconda spiaggia, Motivo: il Comune non ha i fondi per poter sistemare l'area in maniera tale che diventino una sorta di museo a cielo aperto. Per questo, su indicazione della Soprintendenza ai Beni archeologici, lo scavo, che ha riportato alla luce sia i resti della villa che quelli ancora pi datati di un villaggio Neolitico e di uno del Bronzo, stato ricoperto con un telo che ha lo scopo di preservare il sito sia dalle intemperie che dai vandali. Ma oltre non si andr, dal momento che rendere lo scavo visibile richiederebbe soldi che il Comune non ha. Parte dei soldi destinati al rifacimento della costa Sud - spiega il sindaco, Giuseppe Tarantini - li abbiamo usati gi per realizzare lo scavo archeologico e ora non ce ne sono pi nemmeno per completare i lavori necessari. O meglio rimane una parte residua del finanziamento iniziale di 4,9 milioni di euro disposto dalla Regione alcuni anni addietro proprio per bloccare l'erosione del litorale Sud, che ora serviranno - non appena la Soprintendenza approver la relativa perizia di variante - a completare i lavori alla costa senza intaccare gli stessi scavi e senza inserire altri piloni in cemento armato nella falesia, come invece si fatto per tutta la zona. Ed erano proprio in corso i lavori, quando un anno fa furono individuati i resti della villa. I lavori vennero bloccati nella zona interessata e si scav. Si scopr quindi la presenza di resti risalenti addirittura a 6-7mila anni fa, come tracce dei villaggi dell'epoca sino ad arrivare ai resti della villa romana. I reperti individuati, come ceramiche e strumenti in selce del Neolitico, tracce di capanne con relative suppellettili del Bronzo e i frammenti di pavimento a mosaico della villa romana, sono stati tutti rimossi e potranno essere esposti nel museo archeologico che il Comune intende realizzare nel monastero di Colonna. La zona interessata allo scavo sar invece protetta ulteriormente, modificando il progetto iniziale per il rinforzo della falesia. Cio, mentre in tutta la zona della seconda spiaggia sono stati inseriti dei piloni in cemento armato per rinforzare la falesia, in corrispondenza del ritrovamento sui piloni saranno poggiate delle solerte che poi saranno ricoperte in pietra di Trani in modo da creare la strada, Sulla parete della falesia sar invece creato un dirupo a decrescere. Mentre per arrestare il processo di erosione della costa sar creato un altro frangiflutto (l'undicesimo) e i cinque a pelo d'acqua gi esistenti saranno elevati rispetto al livello del mare, E' chiaro che l'aver coperto gli scavi non preclude la loro futura fruizione, Normalmente si coprono per evitare che si deteriorino - spiega Ruggero Martines, il sovrintendente regionale per i Beni culturali - in attesa che vengano trovati i soldi necessari, E' chiaro che ogni Comune ha le sue priorit e magari a Trani ce ne sono di pi urgenti degli scavi.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news