LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Archeologia sempre al verde
Enrico Tantucci
Nuova Venezia-Mattino di Padova-Tribuna di Treviso, 5/5/2004

Centonovanta milioni di vecchie lire in otto anni. Questa la cifra che il Ministero dei Beni Culturali ha stanziato fino ad oggi per la realizzazione del nuovo Museo Archeologico di Aitino, inserito in una grande area di scavo che continua a riservare straordinarie scoperte, con i 45 mila reperti gi catalogati legati all'importante santuario votivo attivo dal VI secolo avanti Cristo al III dopo Cristo e i moltissimi altri che giacciono stipati in magazzini provvisori, in attesa dei fondi per catalogarli. Un esempio clamoroso di malagestione della cultura da parte di un Ministero che con il suo titolare Giuliano Urbani si fa bello di codici e leggi, ma poi come accadr anche quest'anno non stanzia un euro per gli scavi archeologici in tutta l'area veneta, privata anche dalla valvola di sfogo dei fondi del lotto destinati ai beni culturali, ora bloccati.
Aitino il caso pi evidente di questa situazione vergognosa e per questo ieri, nella sede della Soprintendenza regionale del Veneto, in Piazza San Marco, si tenuta una conferenza stampa per illustrare da una parte le notevolissime possibilit di questo museo ancora virtuale confinato per ora nelle due salette della vecchia sede e dall'altra la realt di una situazione che dice che senza aiuti dei privati, difficili da trovare, tutto rester solo sulla carta. Servono infatti sei milioni di euro, perch il progetto del museo, gi pienamente cantierabile addirittura con l'indicazione di ci che andr in ogni singola teca delle cinque sezioni della raccolta possa essere realizzato in due anni di lavori. Gli edifici ci sono gi con i due magnifici casoni rurali ottocenteschi che il Demanio ha acquisito per il museo fin dal 1985, ma l'ironia amara che anch'essi cominciano a deperire per consunzione, e servono gi fondi per la manutenzione, di infissi, nuovi, gi compromessi per non essere mai stati utilizzati. Se qualcosa sino ad oggi si fatto per portare avanti il progetto predisposto dalla direttrice del Museo di Aitino Margherita Tirelli e dall'architetto Stefano Filippi, ora anche sovrintendente regionale reggente, per i contributi stanziati dai "cugini" della Soprintendenza ai Beni Ambientali e Architettonici di Venezia. Abbiamo usufruito - ha spiegato il sovrintendente Giorgio Rossini - di cinque miliardi di vecchie lire, che non sono pochi ma non bastano, tanto pi perch giunti grazie a finanziamenti ordi-nari, che quindi arrivano in maniera saltuaria, a seconda degli anni. Amara la sovrintendente ai Beni Archeologici del Veneto Maurizia De Min: Se avessimo i soldi, in circa due anni riusciremmo a completare il recupero dei due casoni ottocenteschi sede delle esposizioni, la costruzione dei nuovi edifici di servizio e delle infrastrutture, oltre a ristrutturare la sede storica e soprattutto catalogare, restaurare ed esporre i 45 mila reperti presenti. Ma i fondi, che chiediamo ogni anno, continuano ad esserci negati, e, senza di essi, non c' futuro per il museo. Del resto, per tutto il Veneto stato stanziato un miliardo e 300 milioni di vecchie lire, che bastano appena per la manutenzione ordinaria. In particolare, per Aitino mancano le risorse per il restauro dei reperti, mentre nell'attuale sede del museo non neppure possibile allestire un percorso espositivo visto l'eccessivo numero di oggetti. Eppure, di grande interesse il progetto, che prevede un percorso ciclopedonale nell'area archeologica, una torre d'osservazione per studiare l'area, percorsi espositivi personalizzati per le esigenze dei visitatori, collegamenti via vaporetto o bus, la possibilit di portare al museo in sei minuti i passeggeri dell'aeroporto in attesa di partire per voli internazionali. Un museo archeologico moderno e ricchissimo contestualizzato nell'area da cui prevengono i suoi reperti romani e preromani di eccezionale interesse in grado di interagire in circuito C9n il vicino museo di Torcello e con le altre vicine raccolte archeologiche dell'area veneziana e trevigiana. Per richiamare fondi privati spiega la sovrintendente De Min bisognerebbe riattivare la legge 512, che prevede agevolazioni fiscali per chi sostiene i restauri, estendendola anche ai beni archeologici e soprattutto tornando agli sgravi consistenti, anche del 70 per cento, previsti negli anni '80. Chiss se il sorridente ministro Urbani avr voglia di occuparsene.



news

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

16-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 agosto 2019

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news