LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali, la tutela parte dal Codice
Antonello Cherchi
Il Sole 24 ore 30/04/2004

Dal colabrodo alla gabbia: la metafora che ha usato ieri il ministro dei Beni culturali, Giuliano Urbani, nel presentare il "suo" Codice, in vigore da domani. Come dire: da un sistema di norme dispersivo e che presentava una falla enorme lasciare fuori dalla porta la tutela del paesaggio a un nuovo impianto che cerca di riportare ordine nella complessa materia della tutela e della valorizzazione dei monumenti, raccogliendo sotto lo stesso tetto anche la salvaguardia del bene paesaggistico.
Abbiamo cercato ha affermato il ministro di scrivere il Codice in maniera semplice, compatibilmente con la difficolt di certi temi. Dove possibile, sono stati abbandonati i termini complicati e si fatto ricorso a un linguaggio di facile lettura, cos che il Codice rappresenti anche uno strumento di controllo da parte dei cittadini. Uno strumento di democrazia.
stato un Urbani accalorato quello che ieri ha voluto segnare la novit. La foga ha preso il sopravvento quando il ministro ha inteso rispondere alle polemiche che hanno accompagnato la nascita del Codice. Polemiche, anche recentissime, scatenate soprattutto dalla possibilit di vendita del patrimonio pubblico e dal meccanismo del silenzio assenso che incombe sulle decisioni dei soprintendenti, che devono dire se un immobile di interesse artistico e va tutelato oppure pu essere messo all'asta. Se la risposta non arriva entro 120 giorni, il bene viene comunque dichiarato alienabile.
Tesori in vendita. Superficiali: cos Urbani ha definito le critiche di coloro che hanno parlato di alienazione dei gioielli dello Stato. Definizione usata poco prima da Salvatore Settis, direttore della Scuola Normale di Pisa, che pure verso il silenzio assenso non stato tenero. Una decisione sciagurata, il tallone d'Achille del Codice, lha definito Settis, che in qualit di consulente ha partecipato alla stesura del provvedimento. Allo stesso tempo, per, Settis ha affermato che il Codice rappresenta un importante punto di partenza e che molte critiche non hanno ragione di esistere. Sono, appunto, superficiali.
Sono tali, ha spiegato Urbani, perch non vero che si intendono vendere i monumenti. Il Codice, anzi, erige un muro fra beni che devono essere assolutamente sottoposti a tutela e gli altri che invece possono essere dismessi. E quando gli immobili sono di incerta destinazione, sono le soprintendenze a sciogliere il dubbio. Ma ha continuato Urbani prima ancora del soprintendente locale, il ministero che valuta la scheda del bene "dubbio", scheda preparata in collaborazione con gli uomini del Demanio. Alle soprintendenze locali, pertanto, arriveranno solo casi molto particolari, che potranno avere una risposta anche sotto la "mannaia" del silenzio assenso.
La ricostruzione non ha convinto l'opposizione. L'ex ministro dei Beni culturali, Giovanna Melandri, ritornata a parlare di Codice pericoloso e, a proposito del silenzio assenso, ha sottolineato che esiste un effettivo rischio di svendita nei prossimi giorni non gi dei pi famosi monumenti nazionali, ma di decine e decine di beni meno noti, il cui valore storico-artistico sar difficile da far valutare in tempi cos ridotti da soprintendenze territoriali sempre pi private di uomini e mezzi da tre anni di costanti tagli di bilancio.
Il silenzio assenso. Al momento nessuno pu dire se alla fine l'avranno vinta le rassicurazioni di Urbani e le previsioni catastrofiche della Melandri. Quello del silenzio assenso un capitolo tutto da scrivere. C' anche chi, come Italia nostra, sostiene che, a causa di scadenze normative rispettate in ritardo, quel meccanismo non possa pi essere invocato.
Sta di fatto che il Codice si limitato a ereditare il silenzio assenso dal decretone di accompagnamento della Finanziaria di quest'anno. l che il tempo contingentato per la risposta dei soprintendenti ha fatto la sua comparsa. E, nelle intenzioni di Urbani, l doveva rimanere confinato. Nel Codice, infatti, non ve n'era traccia. Almeno sino a poche ore prima che il Codice entrasse a Palazzo Chigi per l'approvazione da parte del Governo.

Secondo un'interpretazione sostenuta dallo stesso ministero il silenzio assenso si applicher solo nella prima fase di verifica dei beni demaniali e poi si potr metterlo nel dimenticatoio. Si deve almeno attendere che inizi l'operazione di valuta-zione degli immobili potenzialmente da vendere. Il Demanio ha messo a punto un primo elenco di beni da esaminare e l'ha trasmesso ai Beni culturali. Ma la verifica, i cui criteri sono stati stabiliti da un decreto di febbraio, deve ancora iniziare.
Costituzione e Codice. Tutela e valorizzazione. Questi due termini sono diventati la bestia nera del ministero dei Beni culturali da quando la riforma del Titolo V della Costituzione li ha separati: la prima di competenza dello Stato, la seconda delle Regioni. O meglio, trattandosi di materia di legislazione concorrente, lo Stato fissa i principi generali, ma come valorizzare i monumenti lo si decide a livello regionale.
Una frattura che ha bloccato diverse iniziative del ministero e che con il Codice si cercato di ricomporre. stato chiarito, ha spiegato il professor Sabino Cassese, che l'esigenza della valorizzazione subordinata a quella della tutela. Anche per questo Cassese che ha fatto parte della commissione che ha predisposto il Codice e che ieri lo ha presentato insieme al ministro e a Settis ha potuto dire che si messo ordine in un magma normativo.
Il ruolo dei privati nei musei. un'altra novit del Codice. Tutto contenuto nell'articolo 115, dove si spiega con quali formule possono essere gestiti i beni culturali. Dai grandi musei, come gli Uffizi, ai piccoli monumenti: la norma delinea il possibile loro futuro. Che pu essere affidato, come sempre stato finora, alla mano pubblica, ma pu anche riconoscere maggiore spazio ai privati. La novit , infatti, che potranno essere dati in concessione non solo i servizi dei musei (biglietterie, caffetterie, ristoranti, librerie), ma anche lo stesso bene. Un lungo passo oltre la legge Ronchey, che con il Codice si deve considerare implicitamente abrogata. Il paesaggio. Per paesaggio si intende una parte omogenea di territorio i cui caratteri derivano dalla natura, dalla storia umana e dalle reciproche interrelazioni. La definizione contenuta nell'articolo 131 del Codice. La novit quella che Urbani ha definito rivoluzione copernicana che il paesaggio cos inteso entra a fai parte del patrimonio culturale e, in quanto tale, sottoposto a tutela.
Un ruolo centrale avranno i piani paesaggistici, il cui fine di "tagliare" il territorio in ambiti omogenei, da quelli di elevato pregio a quelli degradati. In relazione ai differenti livelli di valore paesaggistico, il piano attribuisce a ogni ambito gli obiettivi di qualit: mantenere le caratteristiche che quella porzione di paesaggio possiede, indicare le linee di sviluppo urbanistico compatibili, recuperare e riqualificare gli edifici. Sui problemi del paesaggio urgente avviare un tavolo di concertazione cui partecipino le associazioni ambientaliste. Questo il giudizio di Roberto Della Seta, presidente di Legambiente, che aggiunge: Valutiamo positivamente l'introduzione nel Codice della convenzione europee del paesaggio e la realizzazione concreta dei piani paesaggistici. Rimane la nota dolente della scarsit di risorse delle soprintendenze e la confusione nell'interpretazione delle norme.

Le tappe
I natali. Il Codice dei beni culturali e del paesaggio nasce da una delega affidata al Governo dalla legge 137 del 2002, la quale chiedeva all'Esecutivo di mettere ordine nella materia.
La commissione. Il 21 novembre 2002 il ministro dei Beni culturali, Giuliano Urbani, insedia la commissione che dovr lavorare alla stesura del Codice. La commissione presieduta dal consigliere di Stato, Gaetano Trotta. Urbani indica i tre pilastri del Codice: inalienabilit dei beni storici e artistici, definizione del rapporto tra Stato e Regioni, valorizzazione del patrimonio.
I primi passi.
Dopo molte bozze, il Codice vede la luce il 20 settembre del 2003, quando Urbani lo sottopone al Consiglio dei ministri, dove riceve il via libera preliminare. Dopodich passa al vaglio del Parlamento e della Conferenza Stato-Regioni, per ritornare a Palazzo Chigi il 16 gennaio 2004 e ottenere il s definitivo.
La veste legislativa.
Il Codice diventa il decreto legislativo 41 del 22 gennaio 2004 e viene pubblicato sul Supplemento ordinario 28/L alla Gazzetta Ufficiale n. 45 del 24 febbraio. L'entrata in vigore viene prevista per il primo maggio.
La struttura.
Il Codice si compone di 184 articoli ed suddiviso in cinque parti: la prima dedicata ai principi generali, la seconda ai beni culturali (tutela, valorizzazione, vigilanza, conservazione, vendita), la terza al paesaggio, la quarta al sistema sanzionatorio, la quinta alle disposizioni transitorie e alle abrogazioni.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news