LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LA POLEMICA: Fa discutere la normativa su beni culturali e paesaggio firmata dal ministro Urbani e presentata oggi a Roma
Pasquale Esposito
IL MATTINO 29-APR-2004

Il Museo di Capodimonte fino a pochi mesi fa sede della Soprintedenza, ora a Sant'Elmo.

Sul Codice voci di protesta.

Critici Spinosa, Guglielmo e Donatone, favorevole De Negri (Archivio di Stato)

SAR presentato questa mattina, ma le polemiche son sorte subito, al varo in Consiglio dei ministri, il 16 gennaio scorso, del Codice dei Beni culturali e del Paesaggio: nell'imminenza della presentazione - oggi alle 12 a Roma da parte del ministro Urbani con l'intervento di Sabino Cassese e Salvatore Settis - le perplessit, le contrariet si sono rifatte vive. Aumento di lavoro contestualmente alla carenza di organici, rischio di soppressione per alcune Soprintendenze (Pompei tra queste) e -peggio, e pi ancora - rischio di alienazione (leggi: vendita) di alcuni edifici monumentali: attorno a questi tre punti si arroccano le ragioni di quanti non apprezzano il "Codice" di Urbani, che tra i suoi commi conterrebbe - dicono i critici pi allarmati - le condizioni per una sanatoria programmata di abusi, perpetrati e perpetrabili, e per peggiorare lo stato della tutela e della conservazione dei beni culturali e paesaggistici. Esattamente il contrario di quanto afferma Urbani.
, quello della vendita, uno dei punti-cardine della protesta, della polemica. Le Soprintendenze devono dare un parere, entro 120 giorni, alla richiesta di alienazione di un immobile di pregio storico-monumentale ( il caso, a Napoli, della ex Manifattura Tabacchi a via Galileo Ferraris: in un primo momento nell'elenco c'era - pare - anche la Certosa di San Martino...) ma dagli uffici territoriali di chi ha la responsabilit del patrimonio museale non uscita una voce favorevole a questa normativa, che prevede la "tagliola" del silenzio-assenso: se non ci sar il parere, equivarr ad un "s" e il monumento (certo, non il Colosseo...) passer ai privati.
Contro questo aspetto, e altri passaggi del "Codice", si pi volte espresso il soprintendente per il Polo museale di Napoli, Nicola Spinosa: Abbiamo pochissimo personale, come pensabile in queste condizioni di poter rispondere alle richieste d'acquisto? Il rischio di dare via libera alle alienazioni, stando cos le cose, altissimo.... E il suo collega di Palazzo reale (Beni ambientali, architettonici, artistici, storici, paesaggistici) Enrico Guglielmo, concorda: II "Codice" ci carica di compiti e impegni, ma contestualmente assistiamo ad un depauperamento delle risorse umane e finanziarie, invece che ad un potenziamento delle stesse... Sul fronte paesistico, poi, la nuova normativa priva le Soprintendenze del parere di annullamento: dall'entrata in vigore del "Codice", sabato, questo parere diventer non vincolante, un sindaco potr andare avanti nella redazione dei piani paesistici anche in difformit di quanto sosterranno le Soprintendenze... Certo, potremo ricorrere al Tar, ma a che cosa servir?.
Ma quale attendibilit pu avere la legge di un ministro che dipende totalmente da Tremonti? si chiede con la consueta vis polemica il presidente della sezione napoletana di Italia Nostra, Guido Donatone. Che continua: A livello nazionale prepareremo un documento per esprimere tutta la nostra contrariet al "Codice" che comporta molti e seri rischi per il patrimonio artistico e paesaggistico nazionale: tra questi, per limitarci alla Campania, il passaggio alle Regioni di alcuni beni come la Reggia di Caserta, il che vuol dire che sar l'assessore il responsabile delle decisioni. E il soprintendente che fa, il funzionario dell'assessorato? Le Soprintendenze, poi, vengono incaricate di un lavoro di catalogazione impensabile per quantit assoluta e ancor di pi in relazione alle carenze d'organico pi volte lamentate. Quanto al coinvolgimento dei privati, Italia Nostra non pu che manifestare grandi perplessit per un'apertura senza regole nella gestione dei beni culturali. In definitiva, per noi il "Codice" non assicura garanzie di tutela n ai monumenti n al paesaggio, siamo preoccupati per la possibilit di vendita di edifici storici che il "Codice" contempla.
Tra tante voci di dissenso, c' chi guarda con fiducia alle nuove norme. Nel settore di cui ho competenza - spiega Felicita De Negri, direttrice dell'Archivio di Stato - il "Codice" da accogliere positivamente perch finalmente i beni archivistici vengono considerati beni culturali: mi sembra, questo, un aspetto importante, gli Archivi dovrebbero essere valorizzati e tutelati dalla nuova normativa. Certo, ci sono aspetti da capire meglio... Il lavoro aumenter? La catalogazione in parte gi partita, ad ogni modo noi siamo pieni di buona volont.



news

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

20-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news