LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NUOVO CODICE Italia Nostra mette le mani avanti. Il silenzio/assenso voluto dal ministro gi decaduto
Guglielmo Ragozzino
Il Manifesto, 29-04-2004


Dopodomani, primo maggio, entra in vigore il nuovo codice dei beni culturali. Oggi il ministro Giuliano Urbani ne riferisce in una conferenza stampa, tutta difensiva, anticipata da un'intervista comparsa ieri sul Corriere della sera (Mariolina Iossa, "Demanio da socialismo reale, lo Stato si ritiri". Il ministro si lamenta: non ha soldi per le opere d'arte, il patrimonio immobiliare in sfacelo, non restano che le dismissioni e/o la valorizzazione con l'intervento dei privati. Il ministro, lord protettore delle bellezze italiche, si consegna cos - mani e piedi legati - alle scelte del suo collega dell'Economia, Giulio Tremonti, insensibile alle bellezze, deciso a fare cassa di tutto. Al centro del sistema di dismissioni, vi un banale sistema di silenzio-assenso previsto all'articolo 12 del codice che ha per titolo: Verifica dell'interesse culturale. Ove l'interesse non sussista, si pu vendere. Per i beni sono previsti elenchi, anzi, elenchi dei beni con schede descrittive; le amministrazioni (per esempio le sovrintendenze regionali) sono tenute a rispondere nei termini di 120 giorni e in modo motivato alle richieste di vendita. Il silenzio, come noto, sar ritenuto un assenso. Non solo le schede descrittive, sulle quali il codice all'articolo 12 si dilunga (precisando una serie di specifiche in una serie di decreti) non esistono, ma ovviamente non esistono neppure gli elenchi dei beni culturali: n dei beni da dismettere, n dei beni da tenere.

In sostanza non esiste niente: non elenchi, non schede, non decreti validi. Esistono solo le opere; questo almeno indubitabile. Il ministro ha messo in campo l'ennesima furbizia. Mancando l'anagrafe dei beni, il tempo per fare le verifiche nelle sovrintendenze, la possibilit di rispondere in 120 giorni, anche per l'accumulo di casi, il ministro riteneva di avere mano libera e forse anche di poter cartolarizzare in anticipo ogni ricchezza culturale.

Italia Nostra ritiene fortemente che questo non avverr. L'associazione ambientalista infatti ha presentato in una conferenza stampa la sua obiezione. A un ministro spaesato (Urbani), a un altro (Tremonti) che forse non vender il Colosseo, pur trovando insensata l'impossibilit, Italia nostra oppone la decadenza del silenzio assenso, motore immobile della faccenda.

Tutto parte dal procedimento di verifica dei beni. Esso regolato dall'articolo 27 della legge 326/2003. E' previsto un doppio regime: transitorio o di prima applicazione e poi stabile. Nel regime transitorio l'agenzia del demanio deve trasmettere entro 30 giorni dall'emanazione del decreto ministeriale, concertato tra il ministero dei beni culturali e l'agenzia del demanio, l'elenco dei beni immobili di cui si vuole verificare l'interesse storico, artistico e culturale. il decreto datato 6 febbraio e l'agenzia avrebbe dovuto inviare alle sovrintendenze regionali l'elenco entro il 7 marzo 2004. Cosa che non avvenuta. Se invece che dell'emanazione si tiene conto della pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale, le conseguenze sono le stesse: i 30 giorni sono scaduti il 2 aprile e gli elenchi non si sono visti. La norma transitoria del silenzio assenso dunque scaduta.

In altre parole si pu capire che alla batteria formidabile di carte, commi e regolamenti, tutti inapplicabili, Italia Nostra risponda con la prospettiva di un numero infinito di vertenze, rendendo impervia la corsa dei ministri verso il mercato del bello.



news

17-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news