LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Soprintendenze: signori si chiude
Francesco Erbani
la Repubblica, 28/4/2004

Una decina di Soprintendenze rischiano di essere soppresse. O di rimanere senza dirigente e di finire accorpate o smembrate. Non sono Soprintendenze di scarso rilievo. Tutt'altro: nel mirino ci sono le Soprintendenze ai beni artistici e storici di Mantova, di Modena e Reggio Emilia e di Parma e Piacenza; d Siena, di Pisa e di Arezzo. Tutti uffici con competenze su aree e su patrimoni fra i pi ricchi d'Italia: dal Palazzo Ducale d Mantova con gli affreschi di Mantegna, alla Galleria Estense di Modena; dalle opere di Ambrogio Lorenzettie di Duccio da Buoninsegna a Siena al ciclo di Piero della Francesca di Arezzo. Per Mantova, Modena e Parma si tratta inoltre di strutture antiche (il decreto che istituisce Mantova del 1904, quando nasce la rete delle Soprintendenze in Italia), la cui tradizione culturale risale agli Stati preunitari (il ducato di Modena e Reggio, ad esempio) e a una sperimentata concezione della tutela.
Al ministero per i Beni e le Attivit culturali l'attivit ferve e si svolge coperta dal riserbo. Ma le voci circolano insistentemente. E cresce la preoccupazione negli uffici pi esposti. Ma qual il motivo di questo taglio? Sempre lo stesso: riformare quanto pi possibile, risparmiando quanto pi possibile.
La riforma del ministero, voluta da Giuliano Urbani, va nel senso di accrescere la testa romana del ministero a scapito delle Soprintendenze territoriali, che da sempre svolgono (o dovrebbero svolgere) un doppio compito, quello di conoscenza e di tutela. Con l'istituzione dei Dipartimenti e con l'innalzamento a 10 delle direzioni generali, le figure di vertice dei ministero (come ha ricordato qualche giorno fa su queste pagine Salvatore Settis) sono cresciute da 4 a 15 (erano diventate 9 con il minisrro Melandri). Ma dato che le riforme vanno fatte a costo zero, per ogni nuovo capo di Dipartimento salta un Soprintendente. In totale, stando ai conti di Urbani e del suo staff, sono 16 i soprintendenti eccedenti.
L'intenzione del ministero ha gi provocato molte proteste, come quella sull'eventuale soppressione delle Soprintendenze archeologiche di Pompei e Roma. Il senatore Luciano Guerzoni ha presentato un'interrogazione al ministro, preoccupato soprattutto per la Soprintendenza di Modena e Reggio Emilia. Gli ha risposto il sottosegretario Nicola Bono: tagli ci saranno, ma non sull'organico effettivo. In altri termini potrebbero non venire coperti quei posti che sisono resi liberio per l'andata in pensione del Soprintendente o per altri motivi. (Ma Bono lo stesso che, in un'intervista, ha detto che le Soprintendenze devono trasformarsi in sportelli di riferimento dei cittadini per licenze e modernizzazioni).
Fra gli uffici che molti ritengono in pericolo figura quello di Arezzo, retto fino alla sua scomparsa, qualche settimana fa, da Anna Maria Maetzke, una delle pi apprezzate studiose d'arte medioevale e curatrice, fra le altre cose, del restauro degli affreschi di Piero della Francesca. Cosa ne sar del suo ufficio, se dovesse realizzarsi l'intento di non sostituirla stabilmente? Non chiaro. Secondo alcuni la Soprintendenza ai beni artistici di Arezzo, come quella di Siena o di Pisa, potrebbe essere assorbita dall'ufficio che tutela i beni architettonici e ambientali. Oppure entrambe potrebbero trasformarsi in sedi distaccate di un'unica Soprintendenza ai beni storici e artistici per tutta la Toscana o della Soprintendenza regionale. Entrambe le ipotesi non sono ben viste da molti funzionari. Nel primo caso la competenza specifica degli storici dell'arte verrebbe fatalmente schiacciata, essendo un architetto il titolare della Soprintendenza in cui verrebbero accolti (non sono confortanti, si sostiene, le esperienze di altre Soprintendenze "miste"). Nel secondo caso resta aperto il problema dei criteri di nomina del Soprintendente regionale, che con il nuovo regolamento si chiamer Direttore regionale e la cui nomina pu essere fatta dal ministro e non rispondere necessariamente a requisiti tecnici. Potrebbe cio essere un manager o un amministrativo e non un architetto, uno Storico dell'arte o un archeologo.
A Mantova si apre un altro scenario che inquieta storici dell'arte e funzionari delle Soprintendenze: tutta la parte della tutela potrebbe finire a Milano o chiss dove, ma il Palazzo Ducale, uno dei siti museali e storici fra i pi visitati in Italia, sembra destinato a confluire in una Fondazione. E per legge le Fondazioni sono aperte ai privati.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news