LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - Fondazione Ugo Spirito: un appello
Flavia Penna
Secolo d'Italia 23/04/2009

Questo un appello rivolto al ministro della Cultura Sandro Bondi e all'assessore capitolino Umberto Croppi. Un appello per la Fondazione Ugo Spirito, sfrattata dai locali romani di via Genova dove ha sede, e in estrema difficolt davanti alla necessit di trovare un altro luogo adeguato al mantenimento e, se possibile, allo sviluppo delle sue affivit di ricerca. Sappiamo che andr a buon fine, come a buon fine andata la vicenda parallela dell'Istituto Gramsci, che proprio grazie all'intervento del centrodestra ha finaimente avuto accesso a una sede a canone agevolato, cos come prevede la legge per tutte le fondazioni riconosciute dal ministero dei Beni culturali, in quanto custodi di un patrimonio storico di valore aperto al pubblico. Ma speriamo che non servano 14 anni, cio quanti ce ne sono voluti al Gramsci per vedere riconosciuti i suoi diritti. La Fondazione Spirito pi giovane dell'omologa fondazione attiva a sinistra: si costituita a Roma nel 1981 attorno alla biblioteca e all'archivio del ifiosofo ed stata riconosciuta giuridicamente nel 1994. a avuto come presidente lo storico Renzo De Felice, attualmente presieduta da Giuseppe Parlato. Nel tempo ha acquisito fondi di un notevole rilievo, fra i quali quelli legati ai nomi di Araldo di Crollalanza, Cesco Giulio Baghino, Augusto De Marsanich e importanti archivi anche fotografici sulla vita del Msi. 11 suo nucleo fondativo il vecchio Istituto Studi Corporativi di Gaetano Rasi, che tra il 1972 e il 1992 stato punto di riferimento di studi e di strategia della politica economica del Msi, nonch scuola di formazione di tanti quaranta-cinquantenni oggi in politica. Nella ricostruzione dei percorsi della destra italiana difficile prescindere dal suo lavoro, ed inimmaginabile che possa trovarsi senza casa proprio mentre la destra approdata a posizioni di governo. Ma la soluzione dei problemi della Fon dazione Spirito non questione di simmetria con altre e pi biasonate esperienze, di parificazione tra due piatti della bilancia politica destra-sinistra, un modo antiquato (a nostro avviso) di intendere il sostegno alla cultura. Al contrario, importante il ruolo che questo tipo di istituzioni hanno svolto e svolgono nella tessitura di un racconto nazionale fuori dai pregiudizi ideologici che hanno a lungo dominato la lettura del Novecento, un ruolo denso di reciproche contaminazioni e sorprendenti sinergie. Non a caso, si deve a al presidente dell'Istituto Gramsci Giuseppe Vacca uno dei ricordi pi veritieri della personalit di Giano Accame, accompagnato da un'acuta riflessione sui ((pilastri di una cultura comune: questa, diceva Vacca al Foglio contestando le schematizzazioni destra- sinistra, (all'origine ha a che fare con il neoidealismo, magari per me pi benedetto Croce che Giovanni Gentile e per Accame l'inverso, ma il fondamento comune chiaro. Per questo, continuava, anche Accame avrebbe potuto dire che Gramsci parte della cultura nazionale. E il quotidiano ricordava, a chiosa di questa tesi, le valutazioni singolarmente simmetriche che Vacca e Accame avevano dato sul ruolo dii destra e sinistra nella storia d'Italia. Vacca: io stesso non so mica se sono dli destra o di sinistra. So che sono un vrecchio gramsciano. Accame: Nella Dottrina del fascismo di Benito Mussolini, la parola destra compare una solla volta, e tra virgolette. Gli stessi missiini non si consideravano la destra ma un movimento cli alternativa sociale e nazionale. L'approfondimento storico oltre le banalit del politichese, la storia raccontata con i documenti e gli scritti dei protagonisti anzich con le flction, serve anche a questo ed probabilmente l'unico varco attraverso il quale far passare la nuova idea di patriottismo che pu condurci fuori dall'infinita guerra civile italiana, alla quale ormai paghiamo dazio non solo il 25 aprile ma pure il 21 (vedi le ridicole polemiche sul Natale di Roma, stroncate persino da Pietro Ingrao). E allora, si salvi la Spirito , si sostenga il Gramsci , si trovino risorse per chi lavora in questa direzione spesso con una visibilit modesta, circoscritta agli addetti ai lavori, ma con risultati molto pi importanti di quel che appare a prima vista per la cultura politica che respira il Paese. Nell'Italia dei mifie festival, delle diecimila sagre, delle centomila Onlus con sedi e risorse pubbliche, dovrebbe esserci spazio pure per questo. O no?



news

15-01-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 gennaio 2019

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

Archivio news