LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

COME RICOSTRUIRE L'AQUILA
Nicoletta Tiliacos
Il Foglio 09/04/2009

Non sono stati ancora seppelliti i morti, giorno dopo giorno si contano i danni immensi al capoluogo abruzzese, ma gi tempo di pensare al futuro dell'Aquila, che ha diritto a un futuro. E allora, dice al Foglio il professor Franco Karrer, docente di Urbanistica alla Sapienza di Roma, dobbiamo ricordare che gi esiste un nuovo Piano regolatore della citt, elaborato dopo anni di studi e gi approvato dal consiglio comunale nel 2004, quando la giunta era di centrodestra, e mai passato alla fase operativa. Anzi, inspiegabilmente insabbiato. Ma da l che dobbiamo ripartire, perch quel piano tiene conto di tutti i fattori strutturali della zona. Compreso, naturalmente, il rischio sismico . Karrer, che del nuovo Piano regolatore dell'Aquila stato coordinato- re, spiega che esso nasceva dalla presa a senso parlare di new t wn' se significa rafforzare le zone caposaldo attorno alla citt , dice il professor Franco Kaner d'atto dell'esaurimento del precedente Piano regolatore, concepito negli anni Sessanta e approvato a met dei Settanta, sull'onda di una speranza di industrializzazione che si rivel infondata. I pianificatori dell'epoca immaginavano che il polo industriale, con realt come la Siemens e la Telettra, fosse destinato a far crescere la citt fino a farle raggiungere i centoquarantamila abitanti . Non andata cos, perch oggi L'Aquila ne conta s e no la met e perch il sogn del poio elettronico aquilano, che a un certo punto aveva fatto pensare a una sorta di SiliconValley abruzzese, andato rapidamente in fumo. Karrer spiega che quindi il vecchio piano regolatore, con un'offerta di aree spaventosamente estesa, era concepito in un'ottica di edilizia residenziale pubblica, e si rivel pi che sovradimensionato. Bisogna poi tener presente che il territorio dell'Aquila molto esteso, perch il risultato di un processo storico di incastellamento'. Significa, in pratica, che tutti i centri piccolini sono stati agglomerati nella grande Aquila', cos come toccato alla grande Reggio Calabria', durante il fascismo. Il territorio aquilano in teoria un unico comune, di fatto molto frazionato e caratterizzato da un policentrismo piuttosto problematico . Il vecchio piano regolatore, oltre a fa- Progetti, idee, pi centri e tante periferie. Ecco qual il modo migliore per trasformare il capoluogo abruzzese devestato dal terremoto in una perfetta new town del futuro 7 vmmm,. i - -- - i *dr. Il disegno, che fa parte della documentazione del Piano regolatore dell'Aquila, approvato dal consiglio comunale nel 2004 ma mai reno operative. prerrgura l'assetto delle lofrastrutture della mobilit, con le localizzazioni di parcheggi, sottapassi e metropolitano *** coordinatore, faProgetti, re i conti senza l'oste della crisi industriale, non aveva dato risposte ai problemi posti dal policentrismo, che, dice Franco Karrer, pu diventare una grande potenzialit, ma bisogna lavorarci, cosa che il piano degli anni Settanta non faceva. Quel piano ha semplicemente riempito il centro storico, ha sparso a piene mani offerta edificatoria ovunque nel territorio, nella consapevolezza che di fatto non si sarebbe costruito quasi nulla, e ha lasciato le isole attorno alla citt nella loro condizione di isole separate, appunto. Tale per esempio Paganica, uno dei centri distrutti dal terremoto, che non ha pi di settemila abitanti . Arriviamo al nuovo Piano regolatore, approvato ma mai passato alla fase di realizzazione: Abbiamo ricevuto il mandato nel 2001 racconta Karrer e abbiamo lavorato fino al 2004, con due diverse giunte di centrodestra. Siamo partiti dalla constatazione che esistevano diritti di edificazione in zone dove nessuno avrebbe mai avuto interessea costruire, visto che non era successo in trent'anni . Karrer mostra su una mappadella citt molte aree colorate in blu: Ecco, queste erano le zone industriali che dovevano espandersi e che invce sono vuote. Ci sono molte fabbriche di- smesse, come la Telettra. Il nostro progetto di Piano rgolatore stato conclu so e approvato, nella partestrutturale, nel 2004, ma per diventare operativo aveva bisogno di un ulteriore passaggio. E' passato del tempo, quasi tre anni, e la documentazione necessaria al passaggio operativo riuscita ad arrivare in Consiglio comunale soltanto nella notte della fine del mandato del sindaco Biagio Tempesta. Ma per problemi piuttosto complessi di mancanza di numero legale, la cosa caduta . Le nuove elezioni amministrative del 2007 porteranno alla vittoria una giunta di centrosinistra, guidata da Massimo Cialente. Un ex parlamentare della Quercia che al congresso di fibndazione del Partito democratico ave'va votato la mozione Mussi dalla qua1e sarebbe nata la Sinistra democratica, ima che aveva prontamen te sfumato le asperit ed era rientrato nei ranghi Pd in vista della candidatura a sindaco, coronata da successo. Il neosindaco Cialente si trova quindi a confronto con un piano regolatore approvato ma anicofa da varare nella parte operativa. Ma il primo cittadino dell'Aquila non d segno di voler dare seguito al piano. Una cosa abbastanza strana comimenta Franco Karrer perch in ogni caso c'erano in ballo alcuni adempimenti ineludibili, se non altro di chiusura della vicenda, in un senso o nell'altro . Passano otto mesi, e finalmente Karrer, nella sua veste di coordinatore dell'Ufficio del piano, viene ricevuto dal sindaco. Il quale si dichiara assai rammaricato,ma, dice, non ha alternativa: deve smontare il gruppo di lavoro che ha prodotto il nuovo piano, n ossequio al principio di discontinuit amministrativa , e dunque costretto ad archiviare la pratica. Al posto di quel piano regolatore (un vero e concreto piano fondiario), la nuova giunta penser ad approntare un piano strategico : Vale a dire dice Karrer una cosa ben diversa: non pi di una volenterosa dichiarazione d'intenti, corredata da programmazioni piuttosto vaghe, atemporali, senza vincoli e senza impegno . Questo ormai il passato, reso lontanissimo dalla catastrofe di questi giorni. Ora tutti sono ben consapevoli che l'Aquila non potr pi accontentarsi divaghezza e di dichiarazioni d'intenti. Si parla gi (lo ha fatto il presidente del Consiglio) di costruire in tempi rapidissimi una new town , una nuova citt da costruire ex novo, magari a CGppito, dove ora c' l'aeroporto. Karrer mostra la mappa del nuovo Piano regolatore e dic che questo potrebbe dawero essere lo schema del futuro. C' il riassetto in frastrutturale, c' l'indicazione di poli attorno ai quali far crescere la citt, c' l'indicazione delle zone edificabili, comprese quelle dove potrebbe avere un senso costruire la famosa new town'. Che per L'Aquila non pu essere pensata come un unico agglomerato, una sorta di Ufo calato dall'alto. Non serve un nuovo satellite, a una citt che ne ha gi tanti, piccoli e rarefatti. Un satellite che sarebbe piazzato accanto alla vecchia citt storica, necessariamente visto e vissuto come alternativo. a senso parlare di new town' all'Aquila soltanto se questo significa rafforzare le Per andare avanti, ora si riprenda il Piano regolatore approvato dal consiglio comunale dell'Aquila nel 2004 zone caposaldo attorno alla citt, che gi il nostro Piano regolatore letteralmente riammaglia', perch rende finalmente coeso il territorio. Allo stesso tempo, il Piano rid nuovo valore al centro storico, che gi prima del terremoto era in gravissimo e inarrestabile declino. Pochissimo abitato, ormai quasi soltanto da studenti, ha zone mai ricostruite addirittura dalla guerra, perch si era preferito sviluppare la citt in pianura o nelle zone collinari di maggiore pregio. Penso prosegue Karrer che l'idea di new town possa essere del tutto compatibile, nella sua versione di rafforzamento dei centri attorno alla citt, con il nuovo Piano regolatore da tradurre in piano operativo. Un piano che, riassumendo, mette in comunicazione la parte alta e la parte bassa del territorio e densifica l'area centrale, mentre potenzia quelle che oggi sono isole attorno alla citt . La citt che oggi appare piegata ha importanti frecce al proprio arco: Risorse ftte di punti di eccellenza territoriali che nel Piano regolatore sono valorizzati. Abbiamo aree archeologiche di grande interesse, abbiamo risorse minerarie e idriche importanti. E la ricostruzione conclude Karrer ha gi un suo schema di riferimento. Per andare avanti, si riprenda il Piano regolatore approvato dal consiglio comunale dell'Aquila nel 2004 e si proceda con il piano operativo, usando tutti gli strumenti che la legislazione urbanistica nazionale e regionale ci mette a disposizione.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news