LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - Santa Maria Novella va in panchina
Maurizio Barabesi *, Arturo Carlo Quintavalle
Corriere fiorentino 07/04/2009

Piazza Santa Maria Novella certamente una delle piazze pi conosciute nel mondo ed , come ci ricorda Quintavalle nel suo articolo pubblicato dal Corriere Fiorentino, una piazza disegnata, incisa, dipinta migliaia di volte dove, aggiungo, la piazza sempre rappresentata con i lati della basilica e del portico dellOspedale di San Paolo tra loro paralleli e nelliconografia settecentesca la corsa dei cocchi che vi si correva rappresentata con un perfetto ovale circondato dal popolo festante.

In realt la piazza non per niente regolare e nessuno dei cinque lati parallelo ad un altro ma la sua configurazione spaziale e gli interventi cinquecenteschi, compresi i due obelischi, fanno s che il visitatore la percepisca come una piazza rinascimentale. In questo grande spazio pubblico, di oltre tredicimila metri quadrati di superficie, dedicato dai frati Domenicani alla predicazione e luogo deputato per le feste e le adunanze civili e popolari, le strade sono tutte tangenti ai lati della piazza tranne via de Banchi che entra nella piazza e la unisce con la Cattedrale di Santa Maria del Fiore. Da qui sono entrati in piazza nel corso dei secoli importanti processioni religiose e civili come quelle durante il Concilio del 1439 che ha rappresentato un momento in cui sembrato che il mondo fosse a Firenze e che fosse realizzata la comunione definitiva dei cristiani e Santa Maria Novella era il centro della ricerca dellunit.

Allora come ora per le strade e le piazze fiorentine sincontravano genti detnie e religioni diverse.

Questo il tema della piazza quale luogo dincontro, sottolineato e ripreso in numerosi interventi durante il convegno che il Comune ha organizzato nel Dicembre del 2001 dove stata presentata una dettagliata analisi storica ed urbanistica necessaria per impostare le successive scelte progettuali.

errato affermare che la piazza ha un preciso asse ordinatore quando in realt ha una organizzazione spaziale pi complessa dove la linea che congiunge i due obelischi si evidenziava soltanto quando veniva posto il canapo che divideva il percorso della corsa dei cocchi.

Questo segno oggi inciso nella pavimentazione in pietra della piazza che realizzata in pietraforte Albarese estratta nellAppennino romagnolo e lavorata a mano con rigature discontinue ed posata parallela alla facciata dellAlberti con uno spartito scandito da ricorsi di acciaio corten posti ad intervalli regolari. Leon Battista Alberti quando su commissione della famiglia Rucellai completa la facciata della Basilica, afferma il principio che il nuovo non deve ignorare il passato ma la nuova e vecchia architettura si devono fondere in una unica composizione. Nel De re Aedificatoria a proposito del Tempio, lAlberti scrive che l'architettura deve essere tale da intrattenere piacevolmente lanimo e riempirlo di gioiosa meraviglia. Con la consapevolezza che la piazza percepita come piazza rinascimentale e che il giardino progettato negli anni 40 del secolo scorso dal paesaggista Pietro Porcinai sottolinea questa visione, lAmministrazione comunale, in accordo con la Soprintendenza ha deciso di mantenere nella rinnovata piazza la memoria del giardino mantenendone i tratti principali del suo disegno e portando le superfici erbose in continuit con le parti in pietra. Il risultato quello di aver realizzato un unico piano di calpestio complanare dove anche il prato parte integrante della pavimentazione della piazza.

Unistallazione composta di sette manufatti si pone al centro e ne completa la composizione geometrica e formale aggiungendo valori simbolici tali da rafforzare il ruolo della piazza quale luogo dincontro e di comunicazione. Con luso di materiali come il corten ed il legno si vuole richiamare le panche del tempio, con il vetro si utilizza la luce, diurna e notturna, per esprimere trasparenze, immagini riflesse e colori; con i monitor si introduce uno strumento con il quale si pu comunicare attraverso le immagini.

Il progetto prevede inoltre di realizzare nel prossimo futuro una rete Wireless free per connettersi al web e prevede inoltre lapposizione di un web-cam, la prima a Firenze a disposizione in rete civica. Ora che lopera sinaugura diventa fondamentale che i cittadini, e penso in particolare ai giovani, si riapproprino consapevolmente di questa spazio riconoscendosi nei suoi valori e mettendola come luogo di riferimento per il loro vivere quotidiano ed anche la classe politica deve amare di pi, come merita, questo luogo cosi ricco ed importante evitando di far passare altri lunghi anni per realizzare i lavori che rimangono da fare, come la nuova illuminazione della piazza, ed affermando quanto prima la sua completa pedonalizzazione.

Piazza Santa Maria Novella non pi il luogo per le prediche e la corsa dei cocchi, n il luogo darrivo e di partenza per la presenza nella piazza dei mezzi di trasporto e per la vicinanza della stazione ferroviaria, ma una grande piazza della comunit fiorentina che pu ora assumere un nuovo ruolo ponendosi al centro degli importanti cambiamenti urbanistici in atto in questo settore del centro storico, connotandosi come spazio della cultura che fa convivere i valori del passato con una forte contemporaneit, ricordandosi che una delle piazze da sempre deputate a rappresentare Firenze.

* Progettista e direttore dei lavori Queste righe intendono evidenziare i problemi che pone, alla citt e allItalia, un intervento gravissimo come quello che si sta realizzando in piazza Santa Maria Novella.

1) La piazza sempre rappresentata con i lati della basilica e del portico dellOspedale di S. Paolo tra loro paralleli , scrive il Barabesi, e poco oltre aggiunge, errato affermare che la piazza ha un preciso asse ordinatore che sarebbe quello dei due monumenti indicati. Se queste sono le affermazioni, come mai le sette panchine, anzi pancone, sono state piazzate in modo trasversale a questo asse? Perch i turisti contemplassero i due monumenti senza voltare la testa? Se si voleva aderire alla realt urbanistica della piazza e non stravolgerla, la collocazione delle panche doveva essere diversa. Io stesso ho ribadito il carattere complesso delle strade di accesso alla piazza, complessit certo manomessa dallintervento.

2) La conservazione del giardino degli anni 40 non sembrava davvero indispensabile per proporla semplicemente in planimetria mi sembra una soluzione assurda: memoria di tutto vuol dire memoria di nulla, cos il sistema diventa illeggibile.

3) La frase con luso di materiali come il corten ed il legno si vuole richiamare le panche del tempio singolare. Non mi soffermo sulla luce e la divagazioni letterarie sul suo significato simbolico, da istruzioni di fotografia di Topolino, ma resto al punto: cosa vuole dire il richiamo alle panche del tempio, quale? Quello di Salomone? I templi di Tebe che panche non ne avevano? E poi: non mi risulta che a Firenze vi siano chiese con panche di vetro, tantomeno con dentro monitor. 4) Linsistenza su monitor, rete wireless, web cam molto interessante ma, mi chiedo, dove si collocano? Li mettiamo tutti come il televisore dentro la panca di vetro?

5) Sono certo che lindagine storica presentata al Convegno del 2001 stata completa, redatta da studiosi specializzati; sono certo che il progettista o lasssessore hanno almeno qualche centinaio di antiche immagini della piazza debitamente schedate a analizzate e un lungo saggio sul problema. Ripeto, ne sono certo, e vorrei che questi materiali fossero messi a disposizione del pubblico, ma prima di intervenire sul tessuto storico.

Purtroppo di questa approfondita ricerca, qui i risultati non si vedono. Elenco quelli che ritengo gravissimi errori urbanistici: tradimento degli assi multipli della piazza scegliendo quello monumentale; eliminazione dellasse principale del sistema della corsa dei cocchi se non per una linea sottile, illeggibile per i pi; nessun intervento o almeno analisi degli edifici attorno alla piazza, in parte certo medioevali ma nascosti da intonaci ottocenteschi; creazione di manufatti (pancone) che starebbero bene forse in un parcheggio condominiale.

Veniamo a pochi suggerimenti: le panche di corten e legno andrebbero eliminate, se non si pu, che si spostino almeno nelle aree marginali onde non ribadire lasse monumentale della piazza. Credo che le panche di vetro invece vadano comunque eliminate, e non perch fragili, ma perch assurdamente estranee a quel contesto. Il design di questi oggetti terribile, non era meglio cercare delle panche di qualit, storicamente compatibili? Il dialogo col passato ha avuto in Italia molti protagonisti, da Rogers ad Albini a Gardella a tanti altri, e tutti hanno creato importanti pezzi di design; altrimenti era meglio far ripensare la piazza ad Archizoom o a Superstudio. Comunque, se il progetto verr realizzato, quali che siano i giustissimi desideri di farne un polo di incontro per tutti, a cominciare dai giovani, la manomissione della piazza sar evidente a italiani e stranieri.

Arturo Carlo Quintavalle





news

16-07-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 luglio 2019

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

Archivio news