LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La signora dei libri in cerca di spazio. La Biblioteca Nazionale scoppia ma il ministro nega il trasloco
Mario Lancisi
Il Tirreno 26/1/2003

FIRENZE. Sono molti i tavoli di ministri, sottosegretari e semplici onorevoli inondati da lettere che portano l'intestazione della Biblioteca nazionale di Firenze e la firma di Antonia Ida Fontana, la direttrice. I tavoli eccellenti di tutti i governi, dal giugno 1996 ad oggi, da quando cio la Fontana si insediata nella poltrona pi ambita dai bibliotecari d'Italia. Molti anche i fax, gli incontri e le telefonate. Ne sanno qualcosa, tanto per citare qualche nome, i ministri Antonio Paolucci, Walter Veltroni, Giovanna Melandri e Giuliano Urbani. Che cosa affligge questa signora di 54 anni dall'aria mite? Il fatto che la Biblioteca nazionale di Firenze rischia il collasso per consunzione di spazi.
A seguita della legge sul deposito obbligatorio, per cui ogni tipografa deve inviare alla Nazionale i libri stampati, ogni anno occorrono scaffalature per un chilometro e mezzo. Gli spazi di immagazzinamento si stanno esaurendo e la Nazionale ha fame di locali per ospitare la valanga di libri che quotidianamente le vengono inviati. A rendere ancora pi allarmante la situazione, c' da aggiungere che recenti sopralluoghi dei vigili del fuoco hanno impartito severe condizioni alla direttrice, che da anni sta invano cercando nuovi locali.

Dalle Murate alla caserma. Tra le ipotesi prese in esame anche le vecchie carceri delle Murate e il palazzo del giornale La Nazione. Alla fine la scelta caduta sulla caserma Curtatone, gi libera da qualunque attivit, che rispetto alle altre ipotesi presenta due vantaggi: contigua alla Nazionale, pu accogliere libri per 30-40 anni ed di propriet dello Stato. Qui per sbucato un inciampo un po' paradossale: la Curtatone vuota, tutti si affrettano a riconoscere che sarebbe la sede ideale ma appartiene al ministero della Difesa, che l'ha inserita tra i beni dello Stato da vendere.

Il no del ministro Martino. Ad una formale richiesta il ministro della Difesa Antonio Martino ha risposto con un gelido diniego. Ma la Fontana non si d per vinta: Ho ricevuto sempre buone parole da tutti. Dal sindaco al presidente della Regione, dai ministri Veltroni, Melandri e Urbani ai deputati fiorentini e toscani Fatti? Per ora zero. Per non dispero. Urbani mi ha detto di aver scritto a Martino per avere la Curtatone. Speria-
mo bene.

Il governo punta su Milano?
Intanto il caso della Nazionale approdato in Parlamento in seguito all'interpellanza, presentata il 17 gennaio, da Valdo Spini e Carlo Carli, in cui si chiede al governo di assicurare alla Nazionale le elementari esigenze di funzionamento e di sopravvivenza. Spini e Carli lasciano intravedere un'ipotesi inquietante, legata alla creazione a Milano della Beic (Biblioteca europea di informazione e cultura). E' una megastruttura che richiede un ampio intervento pubblico (200mila milioni di euro per la realizzazione e 18 milioni di euro all'anno di spese correnti), le cui finalit sono incerte e confuse e che sin dal progetto dimostra l'impossibilit di rendere un servizio efficace, sostengono Spini e Carli. Il sospetto che il governo punti tutte le sue carte sulla Beic a danno della Nazionale. Di sicuro il ministero dei Beni Culturali non in grado di stanziare 18 milioni di euro per la Beic in aggiunta ai 15 che versa attualmente per la Nazionale. Da qui il rischio di un suo ridimensionamento, tra l'indifferenza, al massimo contrassegnata da assicurazioni di circostanza di ministri, sottosegretari, parlamentari e amministratori.

A 30 km di distanza. Tra sospetti e formali assicurazioni, la Fontana va avanti. Ha trovato intanto un grande magazzino, nel comune di Reggello, a una trentina di chilometri di distanza, dove verranno immagazzinate riviste e giornali poco consultati. Il magazzino sar pronto il 1 febbraio e coster alla Nazionale 4mila euro di affitto al mese. Una boccata di ossigeno, non di pi. Per il resto la direttrice prosegue la trama di colloqui, incontri, sollecitazioni per convincere il governo a risolvere il problema.

Lo scandalo nello scandalo. Un lavoro paziente, reso pi difficile dalla legge Frattini, il cosiddetto spoil System, per cui il nuovo governo sta mandando a casa tutti i dirigenti di prima e seconda fascia per sostituirli con personale politicamente vicino al centrodestra. Anche la direttrice della Nazionale rientra nel novero dei dirigenti che possono essere licenziati, allo scadere del mandato, nel 2004. Si sussurra che molti dirigenti statali, per non perdere il posto, si siano affrettati a salire sul carro del centrodestra. Non il caso della Fontana: Interpreto il mio ruolo come un servizio culturale che prescinde dalle personali opinioni politiche. E il fatto che una studiosa di manoscritti, arrivata dopo 30 anni di carriera alla poltrona di direttrice della pi importante biblioteca nazionale, anzich di libri debba preoccuparsi di non urtare la suscettibilit dei politici mentre sta cercando di salvare dal collasso una delle istituzioni culturali pi importanti del Paese, ci pare uno scandalo nello, scandalo.



news

18-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news