LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Restaurato il Raffaello preso a pugnalate
Marco Carminati
Il Sole 24 Ore 15/03/2009

E' stato un restauro fatto in casa, realizzato nella Pinacoteca di Brera all'interno di un laboratorio trasparente che ha permesso ai restauratori della Soprintendenza di lavorare in condizioni ottimali e ai visitatori di non perdersi il capolavoro. Cos avvenuto il recupero dello Sposalizio della Vergine di Raffaello, opera giovanile del maestro di Urbino e grande icona della Pinacoteca milanese. La tavola stata affidata ai restauratori nel gennaio del 2008. Da allora, la squadra tecnica non ha avuto occhi che per lei, dedicandole pazienza e competenza e arrivando ai risultati che dalla prossima settimana tutti potranno ammirare da vicino. Perch si dovuti intervenire? Il problema principale erano i colori, vistosamente alterati da un progressivo ingiallimento delle vernici soprastanti. E poi, qua e l, c'erano segnali di distacco della pellicola pittorica. Prima di mettere mano al "paziente", i "clinici" hanno sottoposto latavola a indagini diagnostiche d'ogni tipo ed stato necessario accertare di che materiali sono composti i colori, quali sono state le tecniche d'esecuzione e quali interventi ha dovuto subire il quadro in passato. Completato il lavoro d'indagine, s' messo mano alla pulitura, realizzata con miscele di solventi applicate a tampone o a pennello con l'uso del microscopio elettronico. Resine, patinature e depositi superficiali sono cos progressivamente spariti dal quadro, restituendo all'occhio colori di una bnllantezza e di una intensit che lasceranno stupiti chi verr ad ammirarli a Brera. Ci che non vedremo - e che invece i restauratori hanno visto riaffiorare benissimo sono le tracce dei danni e dei guai che la tavola ha subito nel tempo. Le abili mani dei tecnici li hanno di nuovo celati alla vista. Sappiamo che Raffaello realizz il quadro nel 1504 per la chiesa di San Francesco a Citt di Castello, allora sottoposta allo Stato Pontificio. Questa primizia giovanile rimase sull'altare della chiesa fmo al 1798. Il 24 gennaio di quell'anno piomb su Citt di Castello il Corpo di spedizione cisalpino guidato dai giovane generale napoleonico Giuseppe Le- chi. Secondo la versione dei fatti prodotta da Lechi, la cittadinanza esultante avrebbe deciso di donare al generale il quadro dopo averlo levato dalla cornice dell'altare e portato a braccia a casa del generale. Il dipinto fu spedito in Lombardia e venduto dai Lechi a Giacomo Sannazzari. Quest'ultimo lo lasci in eredit all'Ospedale Maggiore e Brera lo acquist dall'istituto ospedaliero nel 1803. Attorno al 1858, il quadro che nel frattempo era stato inserito in una bellissima cornice ottocentesca anch'essa ora restaurata cominci a dare segni di cattiva salute. Intervenne il pittore Giuseppe Molteni che riusc a correggere la deformazione delle tavole e a fissare gli strati pittorici che minacciavo di staccarsi, passando sul dipinto una bella mano di vernice. Quel restauro si rivel particolarmente efficace, al punto che il quadro fu in grado di sopportare due guerre mondiali senza bisogno di ulteriori interventi conservativi. Il dies horribilis per lo Sposalizio della Vergine arriv alla fine di giugno del 1958. Il quadro era allora esposto da solo in una saletta disegnata da Piero Portaluppi su indicazione di Fernanda Wittgens. Un insospettabile visitatore si avvicin all'opera, estrasse un punteruolo e un martello e si mise a infierire su Raffaello. Pugnal il quadro in due punti, sul gomito della Vergine e al centro della scalinata del tempio, danneggiando a fondo la tavola. Avrebbe certamente provocato danni maggiori se la superficie non fosse stata protetta da una lastra di vetro, che, ovviamente, and in frantumi ma che riusc ad attutire la violenza dei colpi. Prima che un custode riuscisse a immobilizzano, l'attentatore ebbe il tempo di infilare nei vetri infranti un foglio con il motivo del suo folle gesto: W la rivoluzione italiana. Via il governo clericale. Il pugnalatore anticlericale dichiar di essere Nunzio Van Guglielmi, pittore situazionista, nato a Messina nel 1924. Bast un breve interrogatorio per capire che il personaggio era completamente fuori di zucca, tanto che venne ricoverato subito in una clinica psichiatrica. Il ricovero, tuttavia, sollev le proteste dei Situazionisti che redassero immediatamente un manifesto a sostegno del gesto di Van Guglielmi. L'attentato di Brera suscit un'emozione enorme. Walter Molino immortal il fattaccio in una copertina della Domenica del Corriere (29 giugno 1958). In fretta e furia si chiese al decano dei restauratori milanesi Mauro Pelliccioli di porre rimedio alle ferite di Raffaello. Cosa che Pelliccioli fece con rapidit e perizia, senza per scrivere nulla del suo intervento. Gli attuali restauratori si sono imbattuti nelle integrazioni di Pellicioli e le hanno a loro volta celate facendosi guidare delle fotografie qui pubblicate, le sole testimonianza rimaste di quella brutta vicenda.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news