LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

JESOLO (Venezia) — Libertà di grattacielo? «Jesolo compromessa, saltino pure i vincoli»
Corriere del Veneto - VICENZA - 2009-03-06




Lo scontro Sovrintendenza contraria. Il Comune: «Si faccia subito»



Braccio di ferro sullo skyline di Jesolo. La Sovrintendenza ferma sette nuove torri fronte mare e punta i piedi. In prospettiva, però, proprio Jesolo potrebbe essere una delle aree apripista fra quelle su cui togliere il vincolo in quanto già «irrimediabilmente compromessa dal degrado urbanistico». Lo dirà il prossimo piano paesaggistico regionale secondo cui, di fronte a zone ormai deturpate, non ha senso mantenere i vincoli ed è invece auspicabile un piano di riqualificazione urbanistica più «libero». La rivoluzione del piano paesaggistico (che dovrà essere firmato in maniera congiunta con i ministeri dei Beni Culturali e dell'Ambiente), però, avrà un iter molto lungo. E Jesolo, carica di investimenti edilizi milionari, non può e non vuole aspettare: il sindaco di Jesolo promette e annuncia battaglia (legale).
La bozza del piano paesaggistico è stata stilata dal direttore regionale del ministero dei Beni Culturali, l'architetto Ugo Soragni, e sta per essere consegnata in Regione, da lì il lavoro congiunto con i due ministeri. Tempi lunghi. Ma così la spiaggia più frequentata della costa veneta rischia di diventare campo di battaglia fra diverse versioni e letture delle norme. Non ultima quella che interpreta le «zone compromesse » esclusivamente come piccole aree e non certo come interi litorali. La guerra Comune-Sovrintendenza, intanto, è in pieno svolgimento. Così com'è accaduto per la prima tranche di architettura del nuovo piano regolatore, servirà una «revisione» puntuale di ogni nuovo progetto, come a dire un inevitabile abbassamento delle altezze per avere il placet della Sovrintendenza. Ieri un incontro voluto dal ministro Bondi fra Comune, Soragni e l'architetto Renata Codello sovrintendente di Venezia ha lasciato «amareggiato dalla lesa autonomia pianificatoria» il sindaco di Jesolo Francesco Calzavara che valuterà ipotesi di ricorso volta per volta. Dopo i complessi residenziali di Meier e il «Fronte Mar» già abitati dalla scorsa estate, tra aprile e maggio si dovrebbe inaugurare la torre Aquileia in piazza Mazzini: 84 appartamenti su 21 piani con prezzi da 450 mila euro a un milione per l'ultimo piano da cui si vede Venezia. A ruota, dovrebbero seguire l'apertura delle torri gemelle di piazza Drago e la torre da 22 piani in pineta di Gonçalo Byrne e Joao Nunes, e quella a ridosso di piazza Aurora, a piani sfasati. Su questi interventi, la Sovrintendenza ha già agito limando le altezze dei grattacieli fronte mare e lasciando intatte quelle delle torri più arretrate. Del resto, il Tar ha recentemente dato ragione alla Sovrintendenza: non si possono costruire edifici così alti a meno di 300 metri dalla linea di battigia, lo dice la legge Galasso del 1985, lo dice il codice civile, lo ribadisce quel Codice dei Beni culturali varato solo sei mesi dopo il piano regolatore di Kenzo Tange nel 2004 e in cui di principi di tutela del paesaggio non c'è traccia. «Stiamo cercando di trovare una soluzione — spiega Soragni — attraverso approfondimenti tecnici caso per caso come già abbiamo fatto senza scalfire le cubature, ma ricordo che è ormai ben chiaro da che parte sta la legge». Le nuove edificazioni della zona B, quelle della riorganizzazione alberghiera che sorgeranno dalle ceneri degli hotel London e Tritone in via Dalmazia; Tahiti, Parioli, Sanremo, Terramare, Sorriso, tutti sul lungomare compreso tra piazza Drago e piazza Mazzini, saranno ora passate al microscopio della Sovrintendenza. Edificazioni legate a un giro d'affari a molti zeri: gli appartamenti deluxe vanno da 5 a 12 mila euro al metro quadrato. «La Sovrintendenza — spiega Calzavara — ha manifestato in tutta la sua evidenza la diversità di pensiero sullo sviluppo architettonico- ambientale di Jesolo». L'impegno preso è di incontrare in tempi brevi i vari progettisti per verificare eventuali modifiche. «Solo poi — conclude Calzavara — saremo in grado di decidere quali azioni perseguire per tutelare chi ha creduto nella nostra città ».
Martina Zambon Mauro Zanutto



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news