LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Camerota, la collina dello scempio Alimuri, l´ecomostro non muore mai un ricorso al Tar ferma l´abbattimento
CRISTINA ZAGARIA
MERCOLEDÌ, 04 MARZO 2009 LA REPUBBLICA - Napoli


Dopo la bocciatura del piano di riqualificazione, la società Sa.An si appella ai magistrati



"Io, candidato sindaco, ho costruito ma senza deturpare il paesaggio"

Il procuratore Greco: sfacciata violazione del patrimonio Unesco





È ferma anche la messa in sicurezza del costone: la Regione ha bloccato i fondi
"È l´ennesima beffa, una speculazione impunita in un´area protetta"
Sotto accusa il capo dell´ufficio tecnico della località turistica cilentana


è lì il cantiere che sarebbe dovuto diventare un albergo a cinque stelle nella conca tra Vico Equense e Meta di Sorrento. Ed è tutto fermo, impantanato in un nuovo ricorso al Tar. Nessuno si preoccupa, nessuno fa niente. Non si muovono né il Comune, né la Provincia, né la Soprintendenza o il ministero. Solo gli ambientalisti insorgono e cercano giustizia: «È l´ennesima beffa. Una speculazione rimasta impunita in area protetta».
Il 19 luglio 2007, l´allora ministro per i Beni culturali, Rutelli, firma un accordo con tutte le parti, in quattro punti: messa in sicurezza del costone, demolizione dell´ecomostro, riqualificazione dell´area e delocalizzazione della struttura (volume: 18 mila metri cubi). La promessa è chiara: l´albergo mai nato verrà abbattuto in tre mesi e la Sa. An (società che nel 1964 ha cominciato a costruire l´albergo a cinque stelle nella Conca di Alimuri) si impegna per la riqualificazione. Il primo intoppo arriva tra gennaio e maggio 2008. Viene indetta la conferenza di servizi per discutere i punti dell´accordo, ma Soprintendenza e Autorità di bacino bocciano il piano di riqualificazione, con tanto di lido e solarium, proposto dalla Sa. An. Il 26 maggio dell´anno scorso la conferenza di servizi si chiude dando parere negativo al progetto. La Sa. An per tutta risposta nel luglio 2008 presenta un ricorso al Tar, perché con il no alla riqualificazione verrebbe meno una voce dell´accordo. Il Comune di Vico Equense si costituisce in giudizio. Tutto si blocca. Intanto la Sa. An cerca di recuperare sull´altro versante, la delocalizzazione, e presenta un´ipotesi di fattibilità per costruire il nuovo albergo (come è garantito dall´accordo con Roma) in contrada Pietrapiano. Cioè non più sulla costa, ma a ridosso del centro abitato, sul lato della collina. L´ipotesi al momento è arenata negli uffici comunali.
Risultato? Dopo due anni dopo l´ecomostro è ancora lì e il suo destino è ancora più incerto tra una causa pendente al Tar e l´iter burocratico, in un Comune quello come Vico Equense che da una settimana è senza sindaco: Gennaro Cinque (Pdl) si è dimesso giovedì scorto.
Il paradosso è che è ferma anche la messa in sicurezza del costone roccioso. La Protezione civile ha eseguito i primi rilievi e ha messo a punto un progetto, ma la Regione non ha mai erogato i 300 mila euro promessi (e stando alle carte anche stanziati) e così la Sa. An, non si è fatta carico della propria parte delle opere di consolidamento (per altri 500 mila euro).
«Abbiamo uno scempio sotto gli occhi e un altro sotto terra. La penisola sorrentina rischia di essere devastata, sfigurata, nell´indifferenza di tutti», esplode Franco Cuomo, coordinatore del circolo Vas di Vico, che da anni si batte in prima linea per l´abbattimento dell´ecomostro della conca di Alimuri e oggi apre anche un altro fronte di battaglia. «Il Comune di Vico Equense ha rilasciato, da dicembre a oggi, una decina di autorizzazioni per parcheggi sotterranei lungo via Raffaele Bosco. Creare i parcheggi significa sventrare il territorio, distruggere agrumeti e uliveti, un tempo orgoglio di questa terra». Cuomo ha scritto dieci giorni fa anche alla Soprintendenza, inviando una relazione su questi «scavi mastodontici e devastanti». Altra vedetta sul territorio, che chiede una soluzione definitiva per l´ecomostro, è il consigliere dell´ex minoranza, Pasquale Cardone. Ma sono voci a cui fa eco solo Legambiente. «Quest´estate con la Goletta verde l´abbattimento dell´ecomostro di Alimuri sarà uno dei nostri cavalli di battaglia - spiega il presidente regionale di Legambiente Michele Buonomo - perché le speculazioni non a caso avanzano proprio nelle aree protette ed è un business pericolosissimo».
(segue dalla prima di cronaca)
dal nostro inviato
patrizia capua
Google hearth, il satellite che fotografa le nostre città, non aggiornato, mostra la collina prima dello scempio, e Visual di Pagine gialle.it quella della lottizzazione in corso, al posto di una vasta area di macchia mediterranea. Un pugno nello stomaco. Agli uomini della Guardia di finanza è bastato sovrapporre le schermate per verificare l´impatto sul territorio di 22 villette del condominio "Castello". L´inchiesta che ha portato ai sigilli dell´intera area di 30 mila metri quadrati, con trenta unità abitative previste, è nata quasi per caso a dicembre 2008. Sequestrati anche i viali di collegamento e la strada costruita dal Comune prima della lottizzazione, come variante dal porto in su, verso via Bolivar.
Nora Sciré e Carmelo Mola, tecnici della soprintendenza di Salerno, hanno visto le ruspe in azione che divoravano pezzi di roccia sulla collina. Sono andati a cercare in archivio le carte di quella lottizzazione e gli è bastato poco per scoprire che era tutto abusivo. «La colata di cemento», come la chiama il procuratore capo di Vallo di Diano, Alfredo Greco, che ha messo sotto indagine 42 persone. A cominciare dal capo dell´ufficio tecnico di Marina di Camerota, l´indagato principale, l´architetto Pietro D´Agostino. «È una sfacciata violazione del vincolo paesaggistico, nel cuore del Parco del Cilento, patrimonio dell´Unesco» s´indigna Greco che l´anno scorso ha avviato un´inchiesta molto simile a Pisciotta, «l´attività predatoria nel Cilento, purtroppo, si sta diffondendo».
Quattro anni prima la soprintendenza aveva dato un parere di massima sulla lottizzazione, ma nessun ok sui progetti esecutivi. La piccola task force antiabusivismo – l´architetta Sciré, ex volontaria del terremoto, e l´ingegnere Mola – venuta a Camerota per verificare i lavori del porto turistico, ha fatto i controlli che fino a quel momento a nessuno, ma proprio nessuno, erano sembrati necessari. Negli atti dell´indagine si legge che «la collina è stata selvaggiamente aggredita soprattutto con rilevanti e superflui sbancamenti anche in roccia e con costruzioni che per la diversa tipologia e consistenza hanno determinato un impatto paesaggistico notevole». Ville con il tetto a coppi, rifinite con pietra viva, alcune costruite nella roccia. Gli inquirenti parlano di «danni irreparabili».
Tutto abusivo, semplicemente perché privo di autorizzazioni. «Non c´è un piano attuativo» spiegano gli investigatori, «con indicazioni progettuali dettagliate che possano giustificare le villette, i terrazzamenti, i giardini, le strade, i riporti di terreno, muri di roccia». Francesco Iannuzzi, sindaco di centrosinistra dal 1993 al 1998, all´opposizione della giunta di centrodestra guidata da Antonio Troccoli, sindaco fino al giugno scorso, racconta: «Quando la lottizzazione arrivò in Consiglio comunale, c´era il parere di conformità dell´ufficio tecnico, e fu approvata all´unanimità. Invece ci voleva un piano particolareggiato di dettaglio, una "super dia" e le autorizzazioni della soprintendenza. Quando io ero sindaco è stato approvato il Ptp, piano territoriale paesistico, ma dopo cinque mesi mi hanno fatto lo sgambetto. Poi è arrivato Troccoli, dirigente dell´Agenzia delle entrate rimosso, sindaco per 9 anni. Ha approvato il Piano regolatore e lì ci si è sbizzarriti, con le speculazioni di seconde e terze case, che hanno stravolto il territorio».
Il problema, si domanda Iannuzzi, è: «La tutela paesaggistica può essere veramente decentrata ai Comuni? Si può affidargli la gestione dei condoni e delle sanatorie?». Nella lottizzazione ci sono anche ex amministratori come Francesco Leo, titolare di imprese e proprietario di un lotto, e ora candidato sindaco perché a Camerota, commissariata, a giugno si vota.
I sigilli sono stati apposti anche a due lotti già abitati. Per loro c´è il sequestro con "facoltà d´uso". In uno di questi c´è la famiglia di Giovanni Parlati, 51 anni, malato di sclerosi multipla. «La prima casa costruita dall´ingegnere Leo è stata la nostra, due anni fa. Non siamo abusivi», assicura la moglie Eugenia Sasso, «abbiamo tutte le licenze, il permesso del Parco. Giovanni ora è felice davanti alla sua finestra affacciata sul mare. Non si può non avere niente dalla vita».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news