LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La cultura e la crisi
FEDERICO ORLANDO
03 MARZO 2009, EUROPA ONLINE






È passata una settimana dalla prima delle due scosse di terremoto che hanno investito la cultura: martedì Baricco, con l’invito a togliere gli aiuti pubblici a cinema teatro danza e accademie per rafforzare scuola e tv come nuove “agenzie culturali”; giovedì Bondi, per aver costretto l’anticonformista Settis a dimettersi da presidente del consiglio superiore dei beni culturali, insieme ad altri scienziati, subito sostituiti da rincalzi.

Come la signora Elena Ghedini, ascoltatissima consulente del ministro, ma col piccolo e magari ingiusto handicap politico di essere sorella dell’avvocato di Berlusconi: che non è un difetto e tantomeno una colpa, ma non aiuta a riconciliare con la politica chi ne diffida come Gomorra dei privilegi.

Ma ecco, in attesa di una probabile terza scossa, la bomba Franceschini: dare un assegno a tutti i disoccupati, recuperando un decimo dell’evasione fiscale, tornata alla grande, cioè consentendo alla Guardia di finanza di fare il suo dovere.

Quasi tutti hanno visto la richiesta, c’era da giurarlo, come un tentativo di rianimare i democratici, esausti di inedia. Il premier, invece, l’ha presa sul serio, per respingerla, «non si può»; proprio mentre il papa, in un ritorno al primato della dottrina sociale sulle metafisiche bioetiche, richiama politica e imprese a «solidarietà e responsabilità» verso lavoratori e famiglie.

Cosa c’entrano la cultura con la disoccupazione in crescita, la proposta di Franceschini ad aiutare chi non ha lavoro o lo perderà, l’appello del papa? C’entrano, se si guardano i beni culturali, in questo momento di emergenza, come settore produttivo, e non solo come settore pilota della cultura politica e della civiltà generale del paese.

Quest’ultimo è un problema di sempre ed è più acuto da quando sono finite in ombra le culture politiche dei partiti (liberalismo, liberaldemocrazia, socialdemocrazia, comunismo , cristianesimo sociale, destra nazionale), oggi ridotti ad aggregazioni di interessi e al bla bla di caste senza meta. In attesa che tornino le culture politiche fidando negli “uomini del futuro”, come scriveva Asor Rosa sul manifesto, e si recuperi la capacità di «organizzare la cultura», come ricordava Mario Lavia su Europa, è «alle migliaia di operatori, esperti, tecnici che costituiscono la ricchezza di quell’organizzazione » che il nostro pensiero deve andare, come lavoratori, nel momento dell’emergenza. La proposta Franceschini c’entra.

Scrive Future Brand, forse la massima agenzia di valutazione culturale, che l’Italia resta ancora al primo posto nel mondo per le città d’arte, precipita sotto il decimo per il paesaggio, addirittura oltre il quindicesimo per i litorali e le spiagge. È su questo corpo piagato di ferite da cemento e da baracche, che s’abbatte la politica di questo governo, cui Bondi dà certo un suo contributo personale (il titolo “Il disastro Bondi” non l’abbiamo fatto noi).


L’accusa è di svilire l’amministrazione dei beni culturali, delegittimare la loro tutela pubblica, devitalizzare e quindi alla fine liquidare il ministero che fu di Spadolini e che ha avuto in Biasini, Melandri, Rutelli ministri consapevoli, preparando così la privatizzazione commerciale dei beni più “ricchi”. Una politica che, nella cultura di un pragmatismo mercatista, finirebbe con l’impoverire il paese e arricchire i saccheggiatori.

Lo slogan di destra, condiviso in parte da persone che in parte non sono di destra (come Chicco Testa), e cioè che nelle soprintendenze occorre gente che «sappia leggere un bilancio », dice implicitamente che i soprintendenti non sanno far di conti e che farli è comunque preminente rispetto alle scelte scientifiche ed estetiche: per esempio, se sia lecito sottrarre al loro microclima i fragilissimi Bronzi di Riace per portarli al G8 e consentire a Berlusconi di mostrarli ai signori (e alle signore) della sua compagnia di giro. Così, in attesa che arrivino i manager dei bilanci, e si moltiplichino i commissariamenti (Pompei, Ostia, aree archeologiche di Roma), si rimandano sine die – scrive Vittorio Emiliani – i piani paesaggistici del codice Settis-Rutelli, si autorizza la cementificazione dell’Agro romano e del litorale laziale, mentre continua lo strazio paesaggistico e ambientale di tutte le regioni.
Lavoreranno i muratori, possibilmente clandestini e in nero, e diminuiranno gli “addetti” alla cultura, che fino a un anno fa presidiavano un settore in crescita: nel decennio 1998- 2007 le presenze nei soli musei erano aumentate da 25 a 34 milioni (33%) e gli incassi raddoppiati. L’anno scorso c’è stata l’inversione di rotta: il turismo culturale è caduto; e la previsione del 2009 è un’ulteriore contrazione del 4,5%. Certo, c’è la crisi per tutti. Ma quanto nuocciono all’estero (da dove proviene un terzo abbondante del turismo culturale) le notizie capitoline sul dissesto dell’archeologia romana? E la riduzione dei fondi Enit per la promozione turistica non ci riporterà agli orari corti e ai musei chiusi, com’era prima dell’Ulivo, facendo imbestialire stranieri e italiani? Eppure, c’è agli atti una pagina della nostra storia culturale, quella della legge Biasini e dell’amministrazione Rutelli al tempo del giubileo, che consentì a Roma un’esplosione di infrastrutture culturali laiche nel pieno e in sintonia con un evento religioso: tra l’altro, l’ammodernamento di musei (Capitolini, Borghese), l’apertura di nuovi (Altemps, Massimo, Centrale Montemartini, ecc.), creando posti di lavoro permanenti, per una folla di “utenti” crescente.
Qui si parla di conciliabilità e anzi di alleanza fra cultura, lavoro e redditività, anche se i nostri sono brevi cenni sull’universo. Purtroppo, cenni prevalenti sulle conseguenze materiali dell’avviamento dei beni culturali alla privatizzazione e dell’imbavagliamento della cultura. Dicono che al serafico Bondi succederà l’isterico Quagliariello (quello che in senato accusava di omicidio chi aveva ostacolato il decreto su Eluana: Napolitano in testa, I suppose). Se è così, passeremo dalla notte alla mezzanotte. E saranno scintille, indispensabili per vederci un po’.





http://www.europaquotidiano.it/site/guarda.asp?id=4184


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news