LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PUGLIA - Terra e mare. Paesaggi del Sud
di MARILENA DI TURSI
Corriere del Mezzogiorno - LECCE - 2009-03-01



Il difficile transito del Sud verso la modernità da aprile a Barletta in una mostra sul paesaggio



Non solo ulivi, non solo marine e non solo campagna. A dispetto del titolo Terra e mare. Paesaggi del Sud, da Giuseppe De Nittis a Giovanni Fattori, la mostra curata da Emanuela Angiuli e Tulliola Sparagni e organizzata dalla Pinacoteca «Giuseppe de Nittis» di Barletta (in collaborazione con il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia «Leonardo da Vinci» di Milano), non è solo un'amena carrellata di vedute e visioni di un meridione a cavallo tra Otto e Novecento. L'iniziativa del palazzo della Marra, che partirà il prossimo 23 aprile, è infatti parallelamente anche una ricognizione, con oltre cento lavori, intorno all'idea di un Sud nel suo difficile transito verso la modernità. In campo dunque si fronteggiano sia problemi stilistici, legati all'affermarsi delle poetiche veriste, irrobustite, in quegli anni, dal confronto con le scuole regionali sia i temi del lavoro sollecitati dal paesaggio agrario e poi destinati alla spinosa questione meridionale. Emanuela Angiuli, curatrice della mostra e direttrice della Pinacoteca De Nittis, ci fornisce in merito alcuni chiarimenti.
Come è nata l'idea della mostra?
«Siamo partiti dal lavoro effettuato sulle collezioni Girondi, De Stefano, Gabbiani, del comune di Barletta che, con quella di De Nittis, costituiscono uno dei più importanti patrimoni esistenti nei musei pugliesi. Il riordino è stato effettuato in funzione dell'apertura del castello di Barletta che accoglierà gran parte di queste donazioni. Pertanto, il primo obiettivo è stato quello di rendere nota alla città la presenza e l'importanza di queste opere barlettane in cui anche la Puglia comincia ad apparire nel filone del paesaggio. Il secondo e conseguente passaggio, ha riguardato la revisione della pittura di paesaggio a partire proprio da De Nittis».
A questo punto il progetto è diventato più ambizioso. Come siete passati da un fronte locale ad una prospettiva di respiro nazionale?
«E' stato un passaggio obbligato considerato che da tempo in Italia si sta lavorando ad una rilettura del paesaggio. Sviluppando la struttura della mostra abbiamo sentito il bisogno di ripercorrere, insieme al Mezzogiorno anche tutta l'Italia, partendo dalla seconda metà dell' Ottocento fino agli anni 20 del Novecento, con il proposito di verificare i rapporti esistenti tra gli ambienti artistici del tempo che in molti studi risultano distinti ed estranei gli uni agli altri. Ci siamo trovati davanti un'Italia non ancora attraversata dal processo della modernizzazione industriale, una grande Italia agricola. Una conferma ci è giunta anche dal Museo della scienza e della Tecnologia di Milano con il quale abbiamo collaborato e dove abbiamo trovato, nella collezione Rossi, una straordinaria sintonia con i temi delle collezioni barlettane».
Quale sguardo gli artisti riservano a questa immensa Italia rurale?
«E' un territorio felice dove è difficile trovare il bracciante sfruttato, un ambiente dove, tutto sommato, la bellezza della campagna, la sua ubertosità, risarcisce la marginalità sociale. Man mano che si attraversa l' Italia dal Sud verso Nord si incontra Fattori che invece introduce il grande tema del lavoro, fondamentale per la nostra mostra. Fattori, nelle opere che esponiamo, ‘Il bove al carro' di Palazzo Pitti o ‘Il carro rosso' proveniente da Forlì, costruisce dei monumenti al lavoro della campagna con buoi massicci, giganti e cupi come l'atmosfera che li avvolge. Anche in questo si coglie una differenza tra Nord e Sud: mentre Fattori ha una coscienza grossomodo politica del paesaggio, i meridionali invece hanno una consapevolezza tutta estetica. Su questo confronto di linguaggi e di messaggi abbiamo imbastito il percorso espositivo».
L'altra polarità della mostra è il mare. Si può parlare, anche in questo caso, di un approccio politico e di uno per così dire estetico o con il mare ci troviamo dinanzi ad una cultura artistica diversa?
«Il mare è un ambiente liquido ancora molto legato ad una visone romantica. Prevale infatti il mare in tempesta oppure, come nel caso di Dalbono, il mare diviene lo scenario per rappresentare un'aristocrazia popolana, ritratta in festa o mentre canta, liberata quindi dal pericolo o dalla fatica. De Nittis, invece, dipinge il mare in tempesta e lo intride di una tale drammaticità da suggerire nuove interpretazioni sulla sua inquieta personalità ».
In che modo le numerose esperienze espositive della pinacoteca De Nittis possono incidere sulle politiche culturali della regione?
«La pinacoteca svolge un'attività di produzione culturale, un esempio raro in Puglia. Non abbiano mai lavorato solo con il nostro patrimonio ma anzi abbiamo cercato di promuoverlo e di arricchirlo con uno sguardo esteso al di fuori dei confini regionali. Tutto questo nasce dall'esigenza di sprovincializzare la nostra offerta culturale costruendo relazioni virtuose con altri musei, con altri esperti e con altri storici dell'arte. Cerchiamo dunque di fare del museo un luogo di studio, di riflessione, e di ricerca».
Non solo De Nittis
Grazie ad autori entrati da poco nel mirino degli studiosi, la Puglia appare nel filone paesaggistico




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news