LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LANCI ANSA DI OGGI : DIMISSIONI DI SETTIS E CARANDINI PRESIDENTE CONSIGLIO SUPERIORE

SETTIS A CONSIGLIO SUPERIORE, MI DIMETTO
(ANSA) - ROMA, 25 FEB - In apertura della seduta convocata oggi del Consiglio superiore dei Beni Culturali, il presidente Salvatore Settis ha letto ai consiglieri una lettera con la quale si è dimesso dall'incarico. Secondo quanto si è appreso, Settis ha poi lasciato la seduta passando la presidenza al vice-presidente Tullio Gregory.(ANSA).
LB/VIT S0B QBXB 2009-02-25 15:45


2009-02-25 15:48
BENI CULTURALI: CONSIGLIO SUPERIORE, SEDUTA SOSPESA SINE DIE
V. 'BENI CULTURALI: SETTIS A CONSIGLIO...' DELLE 14:45
ROMA
(ANSA) - ROMA, 25 FEB - Dopo le dimissioni rassegnate dal presidente Salvatore Settis, il vicepresidente Tullio Gregory, secondo quanti si è appreso, ha espresso a nome del Consiglio superiore dei Beni culturali la solidarietà al presidente dimissionario e ha sospeso la seduta sine die. (ANSA).
LB/VIT S0B QBXB


2009-02-25 16:42
BENI CULTURALI: CARANDINI PRESIDENTE CONSIGLIO SUPERIORE
(ANSA) - ROMA, 25 FEB - L'archeologo Andrea Carandini è il nuovo Presidente del Consiglio Superiore dei Beni Culturali. Lo ha nominato il ministro dei beni culturali Bondi a seguito delle dimissioni di Salvatore Settis. Bondi, rende noto il ministero, ha ringraziato Settis per il lavoro svolto e ha nominato il professore Andrea Carandini Presidente del Consiglio Superiore dei Beni Culturali. Carandini è professore ordinario dal 1980 e dal 1992 insegna Archeologia presso l'Università di Roma "La Sapienza" ed è, sottolinea il ministero, "uno dei più illustri e autorevoli archeologi a livello internazionale".
LB/ S0B QBXB


2009-02-25 17:12
BENI CULTURALI: PD, DIMISSIONI SETTIS FALLIMENTO PER BONDI
(ANSA) - ROMA, 25 FEB - Le dimissioni del presidente del consiglio superiore dei beni culturali Salvatore Settis dimostrano il fallimento del ministro Sandro Bondi. Ne sono convinte le deputate del pd Manuela Ghizzoni ed Emilia De Biasi, componenti della commissione cultura della camera, che esprimono "profonda solidarietà " al presidente dimissionario. Bondi "si comporta come quell'automobilista che guida contromano in autostrada, convinto che siano pazzi tutti quelli che procedono in direzione opposta", commentano le esponenti pd. "Davanti a così autorevoli defezioni - sottolineano - il Ministro dovrebbe interrogarsi sul proprio operato, sulla passiva accettazione dei tagli imposti dal ministro Tremonti, sull'eccessiva attenzione alla commercializzazione della cultura, sull'uso improprio dei commissariamenti, sullo smantellamento delle sovrintendenze, sulla delegittimazione tecnico-scientifico déamministrazione statale e sulla manifesta volontà di subordinare la cultura alla politica". Stupisce invece, proseguono, "che il ministro continui a parlare di posizioni ideologiche e di chiusure all'innovazione e non comprenda che queste dimissioni sono la cartina di tornasole di una profonda insoddisfazione sul suo operato che è del tutto inadeguato per la valorizzazione e la tutela del ragguardevole patrimonio culturale del Paese". Nell'esprimere solidarietà a Settis, "per il modo egregio con cui ha lavorato - concludono Ghizzoni e De Biasi - ci chiediamo se il ministro avrà ora il tempo di venire finalmente in audizione in commissione o se invece sarà in giro a cercare nuovi talenti magari nei fast food?". (ANSA).
COM-LB/ S0B QBXB


2009-02-25 18:04
BENI CULTURALI:SETTIS, CONTINUO BATTAGLIA DA CITTADINO/ANSA
MIE MOTIVAZIONI NON PERSONALI MA ISTITUZIONALI
(ANSA) - ROMA, 25 FEB - "Le motivazioni delle mie dimissioni dalla presidenza non non sono personali né ideologiche, ma istituzionali". Salvatore Settis, uscendo dal ministero dei Beni culturali dopo aver consegnato al ministro la lettera in cui lascia la presidenza del Consiglio superiore è pronto più che mai a dare battaglia, "in qualità di cittadino".

"La situazione dei Beni culturali in Italia a mio avviso è molto grave - prosegue - Cito solo tre fatti, un taglio di bilancio enorme, oltre un miliardo di euro per il prossimo triennio, la mancanza di personale, che non viene più assunto, e il ricorso sistematico al commissariamento delle soprintendenze".

E in questa allarmante situazione, ultimamente é venuta meno, sottolinea, la possibilità di dialogare con il ministro.

"Non vedo quale debba essere il mio ruolo se non quello di dialogare con il ministro, ma lui non accetta il dialogo".

Dice lapidario, anche se ribadisce che il suo gesto non significa affatto rinunciare alla battaglia e prefigura i prossimi passi.

"Io mi sono battuto a favore dei Beni culturali da molto prima di diventare presidente del Consiglio superiore. Lo faccio da almeno dieci anni, mentre sono presidente da poco più di uno. Continuerò a impegnarmi da cittadino - promette - una qualifica molto più importante di quella di presidente".

Del resto: "io non posso essere in nessun modo connivente con queste idee", aggiunge riferendosi alla "crescente delegittimazione del personale delle soprintendenze e del ministero in atto".

"Con questi commissariamenti - spiega ancora - e con l'ipotesi che la direzione generale della valorizzazione dei musei venga assegnata a una persona senza alcuna competenza nel ramo, le competenze specifiche vengono mortificate ogni giorno". Certo, al comparto dei beni culturali gioverebbe una riforma.

Ma "se cominciamo a togliere tutti i soldi e non si assume più personale, soprattutto tra i giovani, questa non è una riforma, é distruzione".

"Si è avviato un procedimento distruttivo - aggiunge - e io spero che prima o poi sia fermato perché è completamente irragionevole con tutta la tradizione straordinaria dell'Italia, che è stato il primo paese al mondo a creare leggi di tutela. Non è possibile che noi rinunciamo oggi alla nostra storia in questo modo".

E pensa alla concezione della cultura del presidente Sarkozy ("che aumenta gli investimenti e prolunga le aperture dei musei"), sostenuta quale "elemento della cittadinanza e non una cosa per fare affari, cultura alta - conclude - non giocata al ribasso come purtroppo questo ministro sembra voler fare". (ANSA).
XCG/ S0B QBXB



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news