LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

COPENAHAGEN – Quei preziosi reperti finiti a Copenaghen
FABIO ISMAN
IL MESSAGGERO – 24 febbraio 2009

Un altro importante museo finisce "ne] mirino" degli inquirenti italiani che danno la caccia ai "Predatori dell`arte perduta" e indagano sulla Grande Razzia, il più vasto saccheggio archeologico degli ultimi secoli in un Paese occidentale, che dal 1970 in poi ha riguardato forse un milione di antichità e 10 mila persone. Dopo alcuni dei maggiori musei americani, come il Getty, il Metropolitan, Boston. Cleveland e Princeton, che sono stati costretti a restituire parte dei capolavori scavati di frodo in Italia, ora tocca alla Ny Carlsberg Glyptotek di Copenaghen; e per la prima volta, il Pm Paolo Giorgio Ferri ventila l`ipotesi di una confisca dei reperti illegittimamente acquistati. E che beni: i decori dorati di un carro di un principe sabino scoperti nel 1970 nell`antica Eretum; terrecotte, oggetti di metallo e vasi di un santuario arcaico nel Cosentino, a Francavilla Marittima; un`antefissa con Menade e Sileno da un tempio etrusco, e molto altro: «La Ny Calsberg detiene forse 300 oggetti di provenienza italiana, tanti dei quali sono illegittimi», dice l`Avvocato dello Stato Maurizio Fiorilli. «Sono 145 solo i reperti della "Tomba del carro" di Fara Sabina», dice l`archeologa Daniela Rizzo ai giudici del processo contro l`ex curator del Getty Marion True e Robert Bob Hecht, uno dei massimi mercanti internazionali. Perché i finimenti, le redini, parti di ruote, rilievi con leoni addormentati e decori dorati della "Tomba del carro" il museo li compera proprio da Hecht, che li aveva avuti da Giacomo Medici: il "re dei trafficanti" nel Centro Italia, condannato in primo grado (l`appello riprenderà il 4 marzo) a 10 anni di carcere e a 10 milioni di provvisionale allo Stato peri danni recati al patrimonio italiano. Medici li vende per 64 mila dollari, e Hecht li cede per 900 mila al museo danese, tra il 1970 e il 1971. «Roba di 40 anni fa», obietta Francesca Coppi, che, con il padre Franco e lo studio Isolabella di Milano, difende Marion True. «Ma io chiedo la trasmissione al mio ufficio della deposizione di Daniela Rizzo», replica il Pm Ferri, «per procedere, anche se il reato fosse prescritto, all`eventuale confisca, sulla base alla convenzione di Strasburgo del 1990», sui reperti che sono frutto di contrabbando e di riciclaggio. Perché il museo conosce benissimo l`origine illegale di questi capolavori, come spiega l`ispettrice dell`istituto Jette Christiansen; ma, finora, ha rifiutato di collaborare con i magistrati italiani: la prima rogatoria, rigettata, risale al 2001, dopo che nell`archivio di Medici a Ginevra si erano trovate le foto di alcuni degli oggetti appena scavati, sporchi di terra, ancora prima del restauro. Non solo: ma Flemming Friborg, direttore della Glyptotek, ha anche accusato i carabinieri italiani di essere complici nell`esportazione clandestina. Eppure, la situazione è più che chiara: «Nel 1970, durante lavori edilizi, una ruspa scopre la tomba, ed avviene il saccheggio», racconta Paola Santoro, archeologa di un istituto del Cnr; seguono gli scavi ufficiali: «Abbiamo ritrovato parte del corredo del medesimo sito, e la collaborazione scientifica con la Ny Carlsberg, negli ultimi anni, sta dando i suoi frutti». Nel medesimo luogo, la necropoli di Colle del Forno, nel 2006 lei ha trovato un`altra tomba, «purtroppo crollata», con i resti di un altro carro di un antico principe sabino. La Fondazione dei proprietari dell`omonima birra fonda la Ny Carlsberg nel 1888: è famosa per l`arte moderna, tra l`altro ha 35 opere di Gauguin, una versione delle Tre Grazie di Canova, dipinti dei maggiori autori tra cui dei Van Gogh e un Autoritratto di Cézanne, e per la ricca collezione archeologica; nel 2006, ha riaperto dopo tre anni di restauri, con una mostra dedicata proprio agli etruschi e al Carro di Fara Sabina. Negli anni, ha comperato molto dai Predatori: da Medici, che vendeva tramite Hecht, e da Gianfranco Becchina, il "re del Centro Sud", che sta per essere processato, e al quale sono stati sequestrati altri 4.000 oggetti e un formidabile archivio. La Ny Carlsberg ha dovuto mandare in Italia alcuni dei suoi documenti: perfino lettere scambiate con Hecht, in cui i reperti sono chiamati "bambini"; e dove si spiega che a restaurarli sono Fritz e Harry Búrki di Zurigo, padre e figlio (il padre era bidello nell`ateneo dove Hecht studia), restauratori anche del famoso Cratere di Eufronio pagato un milione di dollari dal Metropolitan e da poco tornato in Italia; anzi, i trustees del museo, per sincerarsi della bontà dell`acquisto, vanno perfino a vedere il corredo durante il restauro, racconta Daniela Rizzo, per cui ne conoscevano benissimo la genesi illegittima. Tra i reperti della Ny c`è anche una Menade e Sileno danzanti, antefissa etrusca ricomposta: una metà, infatti, combacia con un`altra, restituita dal Getty; tutte provengono dalla razzia di un intero tempio, di cui Medici aveva le polaroid, con i materiali amnmucchiati all`aperto, nel suo careau svizzero. E infine, numerosi materiali di Francavilla: un santuario spogliato; 3.000 mila reperti scavati di frodo e divisi tra vari musei; il Getty e Berna hanno restituiti i loro; Copenaghen non vuole imitarli.



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news