LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

II silenzio-assenso decaduto
Giuseppe Chiarante
l'Unit 30-MAR-2004




E ancora applicabile il principio del silenzio-assenso per la vendita di quei beni dei quali le Soprintendenze regionali non dichiarino e documentino, entro 120 giorni dalla domanda, l'interesse culturale? O, al contrario, quel principio di fatto gi decaduto, non avendo il governo rispettate le scadenze che esso stesso aveva firmato in modo tassativo nel decreto legge che accompagnava la Finanziaria?

Pare a me che la seconda sia l'ipotesi pi fondata. Evidentemente, come si suoi dire, il diavolo fa le pentole ma non i coperchi. Urbani e Tremonti pensavano di trasformare in quattrini una parte del tesoro degli italiani contando sulla difficolt per le Soprintendenze, povere di uomini e di mezzi, di istruire e concludere in pochi mesi gli studi necessari per dimostrare il valore culturale di un bene. Invece stata proprio la burocrazia ministeriale a infrangere le scadenze fissate: impiegando due mesi e mezzo, anzich il mese indicato dal decreto, per compilare un banale regolamento che elenca la documentazione che deve accompagnare la richiesta del demanio di vendere un'area o un immobile.

Si deve dunque concludere che, per lo meno sulla base delle leggi gi votate da Parlamento, la trappola del silenzio-assenso deve perci considerarsi superata. Ecco, infatti, come stanno le cose.

Il decreto-legge collegato alla finanziaria 2004, che in fase di conversione ha introdotto il principio del "silenzio-assenso" per l'eventuale alienazione di beni culturali pubblici sottoposti a verifica, stabiliva molto chiaramente:
1) che tale principio era applicabile solo "in sede di prima applicazione del decreto";
2) che la durata della "prima applicazione" era quella indicata nel decreto stesso con termini di scadenza ben precisati. Infatti l'art. 27 stabiliva:
- che entro trenta giorni dall'entrata in vigore del decreto il Ministero per i Beni culturali, di concerto con l'Agenzia del Demanio, avrebbe definito con proprio decreto modalit e procedure per la presentazione da parte del Demanio degli elenchi dei beni di cui intendeva chiedere la verifica ai fini della vendita;
- che nei successivi trenta giorni tali elenchi dovevano essere presentati dal Demanio alle Soprintendenze regionali;
- che dalla presentazione di tali elenchi si calcolavano 120 giorni entro i quali la Soprintendenza regionale era tenuta ad accertare e dichiarare l'interesse culturale del bene, dichiarazione senza la quale il bene diventava ipso facto vendibile.
Poich la legge di conversione del decreto-legge stata pub-
blicata il 25 novembre 2003 ed entrata in vigore il 26 novembre, le scadenze sarebbero queste:
- 26 dicembre, pubblicazione del decreto ministeriale;
- 26 gennaio, termine per la presentazione delle domande da parte del Demanio;
- 26 maggio 2004, conclusione dei 120 giorni e quindi della fase di "prima applicazione" nella quale applicabile il silenzio assenso.
Poich il nuovo Codice, che peraltro entrer in vigore solo il prossimo primo maggio, all'ari. 12 non ha riscritto e quindi "rinnovato" la normativa sul silenzio-assenso, ma si limitato a dire, al comma 10, che "resta fermo quanto disposto all'ari. 27 del decreto legge" appena richiamato, le scadenze indicale in lale decreto non possono considerarsi modificale.
Invece il decreto congiunto Ministero-Agenzia del Demanio, nel quale si stabilisce come devono essere predisposti e trasmessi gli elenchi dei beni immobili di cui si chiede la verifica, stalo pubblicalo solo sulla Gazzetta Ufficiale del 3 marzo e indica un mese di tempo, cio fino al 3 aprile per la presentazione di tali elenchi alle Soprintendenze regionali. Ma se dal 3 aprile si calcolano i 120 giorni che le Soprintendenze hanno a disposizione si arriva al 3 agosto. Ma come si pu pretendere di far scattare dal 3 agosto la norma sul silenzio assenso, quando, in base al decreto legge, la fase di prima applicazione alla quale il decreto limilava l'applicabilit di tale principio deve considerarsi chiusa gi dal 26 maggio?
C', in sostanza, una contraddizione fra le due norme che -a mio avviso - rende non pi applicabile, in base alla legislazione vigente, il principio del silenzio assenso.



news

10-08-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 10 agosto 2018

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

Archivio news