LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Paestum, cancellata la «pista» dello scandalo
Corriere del Mezzogiorno - CASERTA - 2009-02-11 num: - pag: 11




Tempio di Nettuno La Soprintendenza ha rimosso la struttura in travertino che deturpava l'area archeologica



Accade raramente nel nostro Paese che un alto dirigente dello Stato riesca a sanare uno scempio paesaggistico di vasta portata, che senza alcun riguardo per la storia deturpava la prospettiva di due templi greci del V secolo prima di Cristo. Questa è una di quelle rare volte: la settimana scorsa la Soprintendente Maria Luisa Nava, da un anno a Salerno, tenendo fede all'impegno preso dalle colonne del nostro giornale, ha fatto sradicare gli oltre 150 blocchi di travertino che attanagliavano in una soffocante morsa la Basilica e il Tempio di Nettuno. L'iniziativa della nuova soprintendente sembra abbia trovato nel ministro Sandro Bondi un sostengo decisivo, anche perché da tempo a Roma erano arrivate le dure critiche che da più parti si erano levate contro un'opera offensiva per la bellezza delle architetture e priva di ogni valore estetico.
Usare a piene mani il travertino all'interno di un'area archeologica risalente al VI avanti Cristo è sembrato a tutti gli esperti del settore, archeologi e storici dell'architettura, un'offesa alla solennità dei templi dorici che a Paestum furono innalzati prima del Partenone di Atene. E quando lo scorso anno i blocchi di travertino di colore bianco latte hanno cominciato a delineare la forma definitiva del poligono che doveva diventare una pista per gli ipovedenti, è apparso subito lo scempio che si stava compiendo intorno ai templi. Tempo fa il direttore della Scuola Italiana di Atene Emanuele Greco, il maggiore esperto in Europa di archeologia della Magna Grecia, aveva commentato: «Normalmente orrori come questi sono sempre scelleratezze di privati». Altri ancora hanno ritenuto il travertino un materiale invasivo, adatto al massimo per delimitare le aiuole pubbliche in un giardino. Ma a dare il colpo finale all'uso dissennato di materiali inadeguati all'interno dell'area archeologica ci ha pensato «Il Giornale dell'Architettura» nel numero del gennaio scorso. Nella compilazione del sondaggio annuale che rileva «il peggio e il meglio» realizzato nel campo dell'architettura nel corso dell'anno, il mensile ha classificato come la pista per disabili come l'opera «peggio costruita». Se all'ondata di critiche da parte degli esperti si aggiungono anche le manifestazioni organizzate in questi mesi da Legambiente e dall'associazione degli Stazionati, il coro della protesta può ritenersi quasi completo. In generale, a Paestum, questi risultati sono anche la testimonianza di un fallimento politico sviluppato all'ombra dei fondi europei sperperati sul territorio in maniera confusa tanto da rivelarsi, nei fatti, incapaci di promuovere un vero sviluppo turistico. Tornando ale antichità greche è utile ascoltare il parere di Fulvio Irace, direttore della Triennale e docente al Politecnico di Milano: «Trovo la decisone di cancellare la pista in travertino un provvedimento raro nel panorama italiano. Se proprio si deve realizzare qualcosa intorno ai templi, suggerirei alla soprintendenza di organizzare un convegno internazionale di esperti del settore».
Ugo Di Pace



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news