LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Musei, una passerella verso il futuro
Dede Auregli
il Manifesto 25/1/2003

Nell'ambito di Arte Fiera stata presentata l'Amaci, una forza d'urto dalla quale ci si attende una ottimizzazione degli spazi espositivi e un ponte con l'estero per il lavoro dei giovani artisti


Amaci un dolce imperativo, un'esortazione affettuosa, un acronimo un po' scherzoso e un po' no con il quale l'Associazione dei Musei di Arte Contemporanea Italiani intende farsi conoscere e ricordare, per dare finalmente vita a qualcosa che non esisteva prima nel nostro paese, una force de frappe che, per una serie di felici congiunture e soprattutto per la evidente volont degli associati, dovrebbe dare risultati gi da un prossimo futuro. In questi primi giorni dell'anno, puntuale come sempre, Arte Fiera si illuminata, tutt'intorno al cuore pulsante mercantile, di un pirotecnico fuoco di fila di mostre, convegni, dibattiti, iniziative mondane tutte pigiate all'interno della sua breve vita: la presentazione di Amaci, pur essendosi svolta un po' in sordina, ha rappresentato il primo momento tutto dedicato al pubblico, con i direttori e i curatori della ventina di musei che per ora vi aderiscono quasi tutti presenti. In apertura Peter Weiermair, direttore della Galleria d'Arte Moderna di Bologna, ha sottolineato come da qualche anno un nuovo fermento si sia tradotto nell'apertura di altre sedi museali, mentre ne verranno inaugurate ancora, da Siena a Pescara da Roma a Trento a Bolzano e tra poco Bologna; ma, soprattutto, si finalmente resa evidente la necessit di una forte sinergia organizzata tra i vari musei. Gabriella Belli, direttore del Mart di Trento, ha illustrato - a nome di tutti - gli intendimenti dell'Associazione, che nel suo statuto mette al primo posto la promozione dell'arte contemporanea attraverso la realizzazione di una politica culturale comune, basata sulla condivisione di un progetto che al tempo stesso favorisca la collaborazione tra i musei e faccia crescere le singole individualit. Sar necessario, inoltre, fissare degli standard di qualit riguardo all'organizzazione cos come alla conservazione del patrimonio, che portino i nostri musei al livello internazionale, in modo da approdare a un dialogo paritario con il resto del mondo. Il sistema Amaci, dunque, non si presenta come una corporazione per la difesa dei diritti, bens come un tramite per i singoli musei, che rafforzandosi nella appartenenza a una rete di mutuo soccorso, dialogheranno meglio anche a un livello internazionale. Angela Tecce e Anna Mattirolo della Gnam di Roma hanno entrambe sottolineato, inoltre, la possibilit di costituirsi come un gruppo di pressione, sia sulle decisioni legislative sia sulla direzione generale architettura e arte contemporanee del ministero per i beni culturali. A questo proposito, Maria Vittoria Marini Chiarelli, responsabile per Darc dell'arte contemporanea, ha confermato la funzione di coordinamento che Amaci chiamata a svolgere tra i musei e l'apparato statale, costituendosi come un polo di riferimento tecnico per quei problemi sottovalutati o penalizzati dell'arte contemporanea, che interessano il ministero e altri enti. Ora invece l'associazione, operando collegialmente, potr con autorevolezza fornire impulsi a sostegno della programmazione, anche dal punto di vista della politica culturale, e della promozione degli artisti italiani all'estero. I problemi relativi alla progettualit delle giovani generazioni, che assume una grande importanza anche dal punto di vista economico e degli spazi espositivi, sono stati evidenziati da Ludovico Pratesi come una ulteriore motivazione di Amaci. Ancora in anni recenti sono nati diversi spazi (a partire da Spazio Aperto della Gam di Bologna) white boxes o Project rooms, che imponendosi all'attenzione istituzionale hanno indotto un consolidamento del rapporto tra museo e progettualit dell'artista. E' prevista, inoltre - ha detto Giacinto Di Pietrantonio, primo motore e grande animatore dell'Amaci - la pubblicazione di una rivista il cui primo numero dovrebbe uscire in occasione della Biennale, dove si possano trovare i programmi di tutti i musei; e dovrebbe realizzarsi la creazione di link tra gli associati, se non addirittura un sito web specifico. Inoltre, faceva notare Di Pietrantonio, la creazione di un premio dei musei conferito ogni anno a un giovane artista sarebbe al tempo stesso un modo per costruire insieme qualcosa di tangibile e di riconoscibile dal pubblico, e una via per guadagnare un peso contrattuale con l'estero, ben diverso da quello derivante dagli attuali premi scollegati tra loro e ignari gli uni degli altri. Il dibattito che seguito ha promesso di affidare a Amaci la funzione di supporto culturale complessivo, cos da cambiare una situazione fatta di storici municipalismi e di un presente che vede musei estremamente differenziati per inquadramento giuridico, storia, ricchezza di collezioni, tipologie architettoniche, strutture operative, finanziamenti; con l'unico minimo comune denominatore costituito dall'essere tutti pi o meno legati alle volont di politici spesso non particolarmente sensibili all'attualit della cultura artistica.



news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news