LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA - «Stop agli abusi», e giù applausi
p.s.
La Nuova Sardegna 08/02/2009

CAPOTERRA. Renato Soru è arrivato in città nel primo pomeriggio di ieri, accolto da oltre seicento persone che hanno riempito la palestra di Frutti d’oro, realizzata a cinquanta metri dalla foce del rio S. Girolamo. Impossibile evitare riferimenti all’alluvione del 22 ottobre scorso e alle politiche della Regione per la salvaguardia del territorio. E infatti: «Attualmente - ha detto Soru - sotto la guida del vicepresidente Carlo Mannoni la Regione sta conducendo degli studi per approfondire la conoscenza delle condizioni dei bacini idrografici, a cominciare dal Cedrino e dalla zona del rio S. Girolamo. Lo scopo finale è quello di tutelare la sicurezza dei cittadini e identificare le strutture che vanno delocalizzate. Un esempio? L’asilo costruito sugli argini del rio S. Girolamo». Dopo i tragici fatti di ottobre, l’edificio è stato chiuso e i bambini sono stati trasferiti a Capoterra. E non è detto che una volta conclusi gli accertamenti, altre strutture non facciano la stessa fine e vengano dismesse. «Abbiamo puntato e continueremo a puntare sulla tutela dell’ambiente - ha aggiunto Soru -. I Paesi più ricchi sono quelle che hanno investito sulla conservazione del territorio, e solo seguendo questo esempio la Sardegna potrà competere con le altre regioni europee e creare ricchezza e lavoro». Il riferimento al turismo sostenibile è chiaro, soprattutto in un’area come quella a ridosso della statale 195 che può contare sul binomio mare-montagna. Su questo versante, il portabandiera del centrosinistra ha raccontato uno scambio di battute avuto con il proprietario di un agriturismo costruito sulle colline a ridosso dei rilievi di Capoterra. «Lamentava di non poter costruire niente e di non poter effettuare delle modifiche alla struttura originaria, e questo a causa dei vincoli imposti dalla Regione - ha raccontato Soru -. Il discorso è diverso: non è vero che sia tutto bloccato, e soprattutto il Piano paesaggistico regionale non tocca le zone interne. Di certo però, non si possono tirar su lottizzazioni abusive o riempire l’agro di cemento». Il pubblico ha applaudito, segno che la crociata avviata da Soru contro la cementificazione “senza se e senza ma” rimane uno dei tratti distintivi e più apprezzati della sua esperienza alla guida della Regione. Lasciata Capoterra, il tour è proseguito verso Sestu per poi puntare su Assemini e San Sperate. Oltre ai temi legati all’ambiente, Soru ha elencato i punti programmatici portati avanti negli ultimi cinque anni e si è soffermato sul capitolo occupazione: «Ho sentito qualcuno dire che in Sardegna i posti di lavoro sono diminuiti. Niente di più falso - ha ribadito Soru -. I dati parlano chiaro: dal 2004 a oggi ci sono 27 mila nuovi occupati. Dirò di più: in termini percentuali, parliamo del 40 per cento dei nuovi posti di lavoro di tutto il sud Italia, e questo mi sembra un dato significativo, anche perché la nostra è la regione del Mezzogiorno che ha fatto segnare un vero e proprio boom dell’occupazione».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news