LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENETO - Il panorama perduto del Veneto
Elena Sbrojavacca
La Tribuna di Treviso 04/02/2009

Le «Giornate di studio e paesaggio» di Fondazione Benetton, domani e venerdì, saranno dedicate a Lucio Gambi, geografo scomparso nel 2006. Uno dei più prolifici studiosi del paesaggio che seppe aprire la geografia ai contributi della ricerca letteraria, sociologica e demografica. Alla sua morte donò la biblioteca-patrimonio di 18.000 volumi al comune di Ravenna. Dedicò la sua attività a spiegare il complesso rapporto tra uomo e paesaggio. E le due giornate saranno dedicate alla riflessione calata sul Nordest e su un Veneto bulimicamente consumato (e con 200 comitati attivi sul fronte urbanistico). Come vive una comunità i suoi luoghi più o meno «distrutti»? E come si lega ai gioielli rimasti? Luciani, presentando le giornate, ha indicato la via della «responsabilità diffusa», più efficace a suo dire del mero criterio «vincolistico-burocratico». Un «federalismo paesaggistico intelligente». Intanto la Fondazione proroga fino a domenica 22 febbraio la mostra «Luoghi di valore 2008». «Finora i visitatori sono 2800, nel 2007 erano stati 2500 - ha spiegato Luciani - e molti tornano più volte». Dati sorprendenti, come la partecipazione dei cittadini «a cavallo fra società civile e società scientifica» (parole di Luciani) e la profonda sensibilità espressa. Un anno fa 227 adesioni e 351 luoghi segnalati. La maggioranza ha voluto «far conoscere ad altri i luoghi più amati». «Trovo sia bellissimo - ha puntualizzato Luciani - che la maggior parte ritenga fondamentale per la tutela dei luoghi che questi siano conosciuti. La conoscenza è salvezza. Solo i luoghi dimenticati e trascurati rischiano il degrado». Ma solo il 9% pensa che il proprio spazio dovrebbe essere più frequentato. Insomma, conosciuto sì e affollato no. Ma cosa lega queste persone a un luogo? Non la proprietà (solo il 10% possiede o gestisce la zona segnalata), piuttosto la frequentazione, specie se lontana nel tempo e nello spazio. Il valore del luogo è anche e soprattutto emotivo. A renderlo unico, raro o comunque degno di nota sono poi ragioni ambientali, legate ad un particolare tipo di scenario o alla bio-diversità, culturali o di utilità sociale. Non mancano i luoghi significativi per sfera sacra-devozionale o per identità territoriale. Infine la più semplice motivazione: «Quel posto mi fa stare bene».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news