LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BERGAMO L'eccezionale ritrovamento nella chiesa del Pozzo Bianco
Barbara Mazzoleni
L'ECO DI BERGAMO 14 MAR 2004



Sotto l'intonaco affreschi del Duecento
Uno spazio sacro luminoso, popolato di Madonne, Santi, Patriarchi, Profeti, di scene di supplizi infernali e delle tentazioni nel Paradiso terrestre. A conclusione dell'importante campagna di restauro, durata circa un anno e mezzo, la chiesa di San Michele al Pozzo Bianco in via Porta Dipinta in Citt Alta un ambiente completamente diverso da come si sempre stati abituati a vederlo.
Se ne renderanno subito conto fedeli e visitatori che il 19 marzo - alle 20 - parteciperanno alla manifestazione - che organizzata dalla Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio di Milano, dalla Curia vescovile e dalla parrocchia di Sant'Andrea - per festeggiare la chiusura del cantiere. Nell'occasione non solo la Soprintendenza illustrer le varie fasi ed i risultati dell'intervento, ma si terr anche un prestigioso concerto con l'Ensemble archi della Scala. Il soprano Cecilia Gasdia e il violino di Francesco Manara faranno risuonare nella navata della chiesa ritrovata le musiche del bergamasco Pietro Antonio Locatelli e le melodie di Stradella, Haendel, Vivaldi e Gounod. Finanziato dal ministero per i Beni e le Attivit culturali - per un totale di circa 250 mila euro - diretto dalla Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio di Milano e condotto da Luigi Reina e Michele Barbaduomo del laboratorio San Gregorio di Busto Arsizio, il restauro della chiesa di San Michele al Pozzo Bianco non solo ha rivelato la presenza di affreschi antichi, risalenti alla met del '200 o addirittura al XII secolo, ma ha anche riportato alla luce gli intonaci rinascimentali che hanno restituito alla navata un'atmosfera chiara e luminosa.

Che la chiesa dedicata all'Arcangelo Michele potesse riservare straordinarie sorprese, lo aveva gi intuito, fin dal 1999, il parroco don Tarcisio Tironi.
In occasione della rimozione dalla controfacciata dei dipinti del Cifrondi, infatti, aveva incaricato il restauratore Lorenzo Pirovano di eseguire alcune verifiche che, in breve, avevano svelato la presenza di un volto dipinto. Volto che solo in seguito si rivelato essere quello del Bambino traghettato da un gigantesco San Cristoforo, alto circa 8 metri.

Ma solo nell'estate del 2002 che l'architetto Giuseppe Napoleone della Soprintendenza per i beni architettonici - in occasione dei restauri della cappella affrescata da Lorenzo Lotto - intuendo l'importanza dei dipinti celati sotto le pareti della chiesa, da il via ad approfondite indagini stratigrafiche e successivamente al cantiere che ha riportato alla luce quegli antichissimi brani pittorici. Opere che, come precisa Carla di Francesco, soprintendente regionale per i Beni e le Attivit culturali, per la loro eccezionale collocazione cronologica promettono gi di diventare un tassello insostituibile della storia dell'arte romanica in Lombardia.
Ma le sorprese non si fermano alla pittura: Un'approfondita campagna di indagini di cantiere e di laboratorio - spiega l'architetto Giuseppe Napoleone, progettista e direttore dei lavori - ha rivelato che, sotto le pesanti tinteggiature degli anni '30 e '40 e sotto vaste porzioni di malte cementizie, si nascondevano non solo preziosi affreschi, tra i pi antichi esistenti in Lombardia, ma anche i luminosi intonaci rinascimentali.
Gli intonaci, riaffiorando, hanno cos riportato nuova luce nella chiesa che ci aveva abituato ai colori scuri delle tinteggiature novecentesche e al finto bugnato dipinto sugli arconi.

I colori ritrovati degli intonaci rinascimentali - aggiunge Giuseppe Napoleone - oltre ad aver restituito grande luminosit alla navata, incorniciano correttamente, sotto il profilo cromatico, gli affreschi del
Lotto che certamente aveva dipinto quando la chiesa aveva tonalit chiarissime.
Affreschi e intonaci, dunque, ma anche tasselli importanti per la ricostruzione delle vicende storico-artistiche della chiesa. Nell'intervento -spiega il direttore dei lavori - si anche riscoperta la controfacciata della chiesa romanica, o meglio, sono emerse due controfacciate sfalsate di circa 15 centimetri. Si tratta di un complesso di elementi nuovi e inaspettati che il restauro consegna ora al vaglio degli studiosi per una valutazione da un punto di vista storico oltre che artistico.
Non solo i dipinti riportati alla luce - sottolinea Emanuela Daffra della Sorpintendenza per il patrimonio storico e artistico - sono in assoluto tra le testimonianze pi antiche della pittura finora conosciuta a Bergamo, che a questo punto andr riletta tenendo conto di questi nuovi elementi, ma, se studiati incrociandoli con i dati archivistici dell'edificio, potrebbero condurre alla definizione delle diverse fasi costruttive e di vita della chiesa. Ora infatti, entrando, si ha una percezione visiva, cos chiara da essere quasi didattica, dei diversi stadi attraverso i quali la chiesa passata. Soddisfatto per l'esito dell'intervento anche il parroco don Tarcisio Tironi che formula un invito speciale: Vorrei invitare tutte le coppie che qui si sono sposate. Vorrei invitarle ad ammirare la chiesa di San Michele al Pozzo Bianco, totalmente cambiata. Un invito che faccio soprattutto per il 25 e 26 aprile, in occasione della festa della Madonna del Buon Consiglio.
-----------------------------------------

Testimonianza di arte romanica
Sgarbi: pitture tra le pi antiche del periodo. Un'impronta bizantineggiante
II nuovo volto della chiesa di San Michele al Pozzo Bianco ha affascinato anche lo storico dell'arte Vittorio Sgarbi. Una bellissima chiesa, poetica, e un luogo caro a chiunque si dedichi agli studi lotteschi, ha commentato durante la visita con il soprintendente per i Beni architettonici e per il paesaggio di Milano, Alberto Artidi: Gli affreschi ritrovati lungo le pareti della navata, anche se non hanno importanza pari a quella della cappella della chiesa decorata da Loren-zo Lotto, costituiscono una scoperta significativa e si collocano tra le testimonianze pi antiche della pittura romanica. Credo che di epoca cos alta, della met del '200, non ce ne siano rimaste molte. Mi spiace che ne rimanga una parte soltanto, soprattutto a seguito degli interventi effettuati sulla parete di fondo nel '900.
Vittorio Sgarbi ha quindi precisato: Importante, per quel che si capisce dell'iconografia, il frammento della figura di San Francesco. Invece la controfacciata ha uno sviluppo pi organico: le tre fasce fanno intendere un'impresa che doveva essere notevole e i cui elementi iconografici, decorativi e architettonici sono, in parte, ancora visibili. La croce con i simboli della passione decorazione successiva agli archi gotici: continua la trave del soffitto. Elementi iconografici che sono ora oggetto di studio da parte del medievalista Giovanni Valagussa, conservatore dell'Accademia Carrara.
La scoperta -sottolinea Giovanni Valagussa - conferma una continuit di decorazioni, una sorta di palinsesto in cui sono leggibili diverse fasi decorative che corrispondono a diverse fasi architettoniche. Fasi che si sono integrate e sovrapposte dal secolo dodicesimo alla fine del '400. La parte pi grandiosa del ciclo di affreschi si sviluppa sulla controfacciata. Innanzitutto la rappresentazione del Paradiso sopra l'ingresso. Quattro registri sovrapposti: dall'alto verso il basso le figure sedute degli apostoli, le teorie di profeti e di santi (anche incoronati), infine la scena del peccato originale. Al centro c'era Cristo trionfante nel giorno del Giudizio universale. Questo ciclo pittorico pu essere datato intorno alla met del '200, perci appartiene allo stesso momento culturale delle decorazioni del Battistero di Parma, che probabilmente risalgono al 1260, e di quelle, frammentarie, nel Palazzo della Ragione di Mantova datate 1250. Si riscontrano delle analogie con le testimonianze duecentesche gi note in San Michele al Pozzo Bianco: i drappi indosso alle figure, con la stessa ansa del panneggio, lo stesso risvolto sulle ginocchia e le stesse pieghe a "v" una dentro l'altra. Un'iconografia tipicamente duecentesca, di cui restano rari esempi in Lombardia e che testimonia la presenza di una corrente bizantineggiante nella cultura lombarda medievale.

Anche la controfacciata ha riservato non poche sorprese. Sulla zona adiacente della controfacciata - prosegue Valagussa -affiorano frammenti di pittura ancora pi antichi, che si possono datare all'inizio del dodicesimo secolo: resti di un fregio a greca, di animali simbolici (corvo, gazza, volpe) e di una grande
figura, forse un apostolo, entro un'arcata architettonica. Sopra questo ciclo romanico venne aggiunta in un secondo tempo una scena dell'Inferno, di cui resta visibile una fila di dannati al centro della quale c'era Lucifero. L'affresco andato perduto nel '900, in seguito alla realizzazione delle tre aperture del matro-neo. Infine fu aggiunto, sopra tutte le pitture duecentesche, un ciclo di affreschi quattrocenteschi: le storie della vita di un santo e il grande San Cri-stoforo, patrono dei viandanti, di solito collocato sulla parete esterna delle chiese.
Quanto alle pareti laterali tra gli affreschi - conclude Valagussa - il frammento di San Francesco che incontra a San Domenico il pi interessante: databile intorno al 1240, perci una delle prime raffigurazioni del santo a distanza di pochi anni dalla sua morte (1226) e dalla sua canonizzazione (1228) e sembra eccezionalmente anticipare l'iconografia quattrocentesca dell'incontro con San Domenico.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news