LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GENOVA - Scritte della guerra, ora scatta la tutela
BRUNO VIANI
Il Secolo XIX 29/12/2008

C` UNA PAGINA di storia cittadina che va lentamente sbiadendo, giorno dopo giorno. Brandelli di memoria confusi tra parole d`amore e di rabbia lungo i muri dei palazzi che cerchiano il centro storico. Zona off limits, proibita alle truppe alleate.
Non sono solo graffiti urbani che si mescolano a mille segni tracciati con lo spray. Quelle scritte sono, realmente, parte del tessuto di una citt. Testimonianze sempre pi opache dei giorni della liberazione, quando le truppe angloamericane erano arrivate a Genova per prendere il controllo della citt e del suo porto. E si trovavano a vivere fianco a fianco con una popolazione alla fame.
Quelle scritte sui muri - dice il soprintendente ai beni Architettonici Giorgio Rossini - vanno selezionate e documentate e, almeno qualcuna, va salvata perch fanno parte della storia
della citt. Se siamo di fronte a testimonianze storiche, non fa alcuna differenza se sono incise sulla pietra o stampate su un muro con la tecnica dello stencil.
I problemi pratici non mancano, aggiunge, perch per pitturare un muro non necessaria alcuna autorizzazione.
Ma gli strumenti per evitare che tutto vada perduto non mancano: il primo passo una "imposizione di conservazione" attraverso un vincolo.
Ricostruire la storia di quei divieti equivale a fare un salto indietro nel tempo. Erano avvisi scritti in inglese dice Raimondo Ricci, gi capo partigiano e senatore, oggi a capo dell`Istituto ligure di Storia della Resistenza rivolti agli angloamericani. I bassi genovesi, nel centro storico, offrivano
molte possibilit di seduzione per i giovani marinai, rispetto alle quali le autorit militari del tempo ritenevano, probabilmente, di dover mettere un freno. Scritte tracciate dai soldati su ordine del comando alleato, uguali in tutte le terre liberate. Le ho viste a Torino, a Roma - racconta Antonino
Ronco, giornalista e storico, nel 1945 volontario del reggimento paracadutisti Nembo, dopo aver militato nelle fila partigiane - in tutti quei quartieri popolari dove il pericolo erano il malcostume e la prostituzione.
La caccia al tesoro lungo il filo della memoria fatta di testimonianze, immagini che riemergono attraverso gli occhi di chi c`era. Perch le scritte impresse nel 1945 e rimaste, indelebilmente impresse fino a ieri, vanno scomparendo. C`erano segnali di divieto in bianco e nero, fino a poco tempo fa, invico San Cristoforo, invico Primo, nella zona universitaria di Balbi - raccontano gli agenti di una pattuglia del commissariato Tr - Ma sono stati cancellati tutte nel corso delle ristrutturazioni del quartiere.
Il movimento no global le aveva fatte proprie, quelle indicazioni del passato, tracciando sui muri dei triangoli con la
figura di un poliziotto col manganello in mano e la scritta: caution, attenzione.
Ma gli originali?
Il centro storico fatto di lusso e degrado. E nelle strade meno curate si trovano i gioielli della storia remota accanto
alle testimonianze pi povere ma non meno preziose. Eccole, all`imbocco dei caruggi che risalgono da Sottoripa verso monte, semicanceliate ma ancora visibili. Sotto i portici di Via Turati,
in fondo a Via San Lorenzo: invico Caprettari, invico della Stampa, invico Fornetti. Parole in inglese, rivolte alle truppe angloamericane. This street off limits to all allied troops, zona interdettaai militari alleati. Il problema per le truppe alleate - racconta monsignor Luigi Noli, novant`anni, oggi rettore del Santuario di Nostra Signora delle Grazie al Molo - erano i furti e le prostitute. Fulvio Cerofolini, ex sindaco
di Genova e presidente provinciale deli`Anpi, aggiunge: Tutto il centro storico era precluso agli angloamericani, ricordo in piazza Matteotti. Divieti di accesso, non in rosso ma in bianco e nero, "stampati" sui muri. Per evitare che i militari potessero trovarsi coinvolti in risse o altro.
Chi ha raccontato la cronaca di una citt sulle pagine del quotidiano dei liguri, ripesca dagli archivi tanti piccoli episodi, indizi di un clima che oggi appartiene alla memoria. Il comando americano aveva dato indicazioni precise per proibire l`ingresso nel centro storico ai militari alleati - racconta Sergio Paglieri, giornalista del SecoloXIX era il 1945, poi per anni il problema si prolungato per la presenza dei marinai che, per la "mala" dei vicoli, erano un obiettivo facile. Ed capitato anche che ci scappasse il morto: in via Pr, negli anni `50, un americano vol gi dal primo piano di un palazzo. Dagli appunti del cronista escono fuori luoghi e date: Via Gramsci, 17 settembre 1948: "colossale rissa". L`anno dopo, 16 luglio, "arriva in citt la marijuana". E poi, sette settembre: "arrestato a Pr il re delle tre tavolette". Ovvero, la pi classica delle truffe in strada, importata nella Genova dei napoletani che avrebbe incoronato, da l a poco, come
sua regina Carmela Ferro "Marechiaro", signora incontrastata della mala dei vicoli dal 1970 ai primi anni del Duemila. Marechiaro se n` andata nell`ottobre di quattro anni fa, salutata da una folla improbabile e colorata nella chiesa di San Sisto. Le scritte sui muri che delimitano la zona off limits
del 1948, invece, sono ancora l.



news

25-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news