LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA E SANATORIA AMBIENTALE: da Altalex, 17 novembre 2008. Nota di Alessandro Del Dotto


La vigente normativa sull’autorizzazione paesistica risultante dal combinato dell’art. 146 comma 12 e dell’art. 167 comma 4 del D.lgs. 42/2004 è particolarmente severa, in quanto esclude la sanatoria ambientale per le opere non preventivamente assentite, con l’eccezione di alcune fattispecie marginali. La finalità della norma è di costituire un più solido deterrente contro gli abusi dei privati.

Il regime previgente, che affidava all’amministrazione la scelta tra la remissione in pristino e il pagamento di un risarcimento ambientale (da individuare nel maggiore importo tra il danno arrecato e il profitto conseguito dal trasgressore), riconosceva un certo rilievo al fatto compiuto alterando i rapporti di forza tra la parte pubblica e quella privata a favore di quest’ultima. Il regime attuale invece fa prevalere l’interesse pubblico a un’utilizzazione controllata (e quindi preventivamente assentita) del territorio caratterizzato da valori o fragilità ambientali. Si può quindi verificare nelle fattispecie concrete un’asimmetria tra la situazione urbanistico-edilizia (che potrebbe ammettere la sanatoria ordinaria mediante la verifica di conformità dell’art. 36 del D.P.R. 380/2001) e la situazione ambientale (dove la mancanza formale dell’autorizzazione paesistica rappresenta un ostacolo insormontabile alla sanatoria).

La norma attualmente vigente presuppone tuttavia che nella fattispecie concreta si confrontino unicamente l’interesse pubblico all’utilizzazione controllata del territorio e l’interesse del privato alla sanatoria. Verificandosi questa condizione, che dà forma alla fattispecie tipica, prevale il suddetto interesse pubblico e lo stato dei luoghi deve essere ripristinato. La situazione è però diversa se la sanatoria corrisponde anche a un differente e ulteriore interesse pubblico, che si affianca a quello privato. Questa ipotesi può verificarsi quando dall’attività edilizia oggetto di sanatoria derivi, direttamente o indirettamente, in via convenzionale, per atto unilaterale d’obbligo o sulla base di una previsione dello strumento urbanistico, un vantaggio ambientale. Tale vantaggio può avere molteplici contenuti purché sia apprezzabile in modo distinto rispetto alla semplice modificazione dello stato dei luoghi apportata dal privato.

Una copertura metallica elevata contestualmente a un muro di recinzione dotato di soprastante struttura metallica di appoggio per la suddetta copertura – adiacente a una preesistente struttura –, pur costituendo un abuso e pur avendo invaso una fascia di rispetto fluviale, si configura come un insieme di opere che per le loro caratteristiche devono essere qualificate come ampliamento di superfici utili e volumi esistenti. Si tratta quindi di un abuso che fuoriesce dai casi nominati in cui l’art. 167 comma 4 del d.lgs. 42/2004 (come sostituito dall'art. 27 del D.lgs. 24 marzo 2006, n. 157) consente l’autorizzazione paesistica in sanatoria in deroga al divieto di cui all’art. 146 comma 12 del D.lgs. 42/2004, ma nel quale, se il privato è disposto ad assumere oneri specifici per migliorare la situazione ambientale, è possibile superare il rigido rapporto di anteriorità tra l’autorizzazione paesistica e l’attività edificatoria.

Con questa pronuncia il T.A.R Lombardia Brescia ha accolto il ricorso proposto da chi si era visto opporre un ordine di demolizione a fronte dell’avvenuta realizzazione, pur sine titulo, di una copertura metallica e relativa recinzione in zona omogenea “D1”, struttura qualificata dal ricorrente (con la condivisione del Collegio) quale opera edilizia assimilabile all’ampliamento di edificio esistente (nonostante tale struttura insistesse, invero, su un terreno che, pur intestato alla proprietà della medesima ditta titolare dello stabilimento produttivo, pare di capire costituisse un adiacente ma separato lotto: circostanza, quest’ultima, che non sarebbe del tutto irrilevante).

Detto provvedimento demolitorio faceva leva sull’insistenza dell’ampliamento in fascia di rispetto fluviale, in ordine alla quale – peraltro – si poneva il problema dell’autorizzazione paesaggistica in sanatoria.

Il T.A.R. ha, in tal senso, offerto una interpretazione del Codice dei beni culturali e del paesaggio e delle norme che riguardano l’autorizzazione paesaggistica in sanatoria.

In tal senso, il Giudice amministrativo ha cercato di indicare una interpretazione specifica del combinato disposto dell’articolo 146, comma 12 (“L'autorizzazione paesaggistica, fuori dai casi di cui all'articolo 167, commi 4 e 5, non può essere rilasciata in sanatoria successivamente alla realizzazione, anche parziale, degli interventi”) e dell’articolo 167, comma 4 (“L'autorità amministrativa competente accerta la compatibilità paesaggistica, secondo le procedure di cui al comma 5, nei seguenti casi: a) per i lavori, realizzati in assenza o difformità dall'autorizzazione paesaggistica, che non abbiano determinato creazione di superfici utili o volumi ovvero aumento di quelli legittimamente realizzati; b) per l'impiego di materiali in difformità dall'autorizzazione paesaggistica; c) per i lavori comunque configurabili quali interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria ai sensi dell'articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380”) argomentando la scelta di ritenere la struttura in questione come sanabile sul piano paesaggistico, oltre che su quello edilizio, non tanto facendo rientrare l’abuso in una delle fattispecie di cui all’articolo 167, comma 4, bensì interpretando una preesistente convenzione fra privato e ente locale come atto unilaterale con cui il privato ha disposto misure di tutela dell’ambiente.

Ciò offre al giurista e all’operatore un chiaro indirizzo giurisprudenziale in tema di sanabilità di opere relativamente all’aspetto concernente l’impatto delle medesime sul paesaggio e, contestualmente, un utile spunto di riflessione in tema di applicazione delle norme eccezionali.

T.A.R. Lombardia - Brescia, Sezione I, Sentenza 19 marzo 2008, n. 317, Massima e Testo Integrale

http://www.altalex.com/index.php?idstr=3&idnot=43706


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news