LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Non si vende niente
Tesori dello Stato ai privati? Loperazione del governo firmata da Ciampi lo esclude. Ecco come funziona

Renzo Rosati
Panorama 17/06/2002

Fontana di Trevi in vendita? La famosa gag di Tot, ripresa dal Tg5, che ha fatto infuriare mezzo governo e lo stesso Silvio Berlusconi perch associata alloperazione di vendita dei beni pubblici, in effetti non centra.
Il fontanone nel quale si immerse Anita Eckberg in abito da sera, cos come il Colosseo, non rischiano di essere ceduti alla multinazionale di turno. E anche il termine vendita improprio. La parola corretta infatti valorizzazione.
Ovvero: censire il patrimonio inutilizzato o inutilizzabile dello Stato italiano, escludendo i beni artistici e ambientali garantiti da altre leggi; attribuire a questo patrimonio il valore di mercato; trasformare questo valore in cedole o cartelle bancarie; dare alle banche le cedole in cambio di finanziamenti alle casse pubbliche; e con questi avviare le sospirate grandi opere.

CHE VUOL DIRE CARTOLARIZZAZIONE
questo, giurano il ministro dellEconomia, Giulio Tremonti, e i suoi collaboratori, a cominciare dal direttore generale Domenico Siniscalco, il meccanismo virtuoso della legge salva deficit. La quale istituisce due societ di diritto privato (sebbene a controllo pubblico): Patrimonio spa e Infrastrutture spa.
Nella prima confluiranno i beni demaniali non soggetti a vincoli monumentali, artistici o ambientali: palazzi, caserme, fari, isolotti, edifici, teatri, propriet attualmente in capo a ministeri ed enti controllati dallo Stato, alberghi, stazioni termali, colonie, palestre: il tutto per un valore stimato di 805 miliardi di euro. Per dare unidea: oltre il 60% del debito pubblico italiano, ancora di pi rispetto al prodotto interno lordo.
Una volta conferiti alla Patrimonio spa, e opportunamente censiti (operazione non facile), i beni potranno essere cartolarizzati: una formula molto in vigore che indica sostanzialmente la divisione in cedole dei singoli pezzi del patrimonio, titoli negoziabili sul mercato finanziario. Operazione da affidare a banche daffari di livello mondiale.
Le stesse banche dovrebbero provvedere ad affidare a privati la gestione di beni sfruttabili (per esempio, il carcere di Ventotene, famoso perch vi fu girato il film Detenuto in attesa di giudizio, come residence di lusso, mentre allo Stato resterebbe la nuda propriet); oppure potrebbero vendere ci che immediatamente vendibile. In questo caso le cedole e i titoli aumenterebbero di valore con beneficio per le banche e per gli investitori.
Lo Stato incamererebbe subito dalle banche stesse lammontare iniziale delle cedole. Ovviamente non per tutto il patrimonio, ma progressivamente. Il ricavato finirebbe nella seconda spa, la Infrastrutture. Da qui i soldi verrebbero prelevati per finanziare le grandi opere.

ALTA INGEGNERIA FINANZIARIA
Un meccanismo di alta ingegneria finanziaria (secondo alcuni, un po troppo alta e creativa) che avrebbe il merito di non toccare direttamente la contabilit pubblica: n il deficit n il debito, che sono i parametri per i quali lUnione Europea ci tiene sotto stretta sorveglianza.
A questo punto, intorno alla legge approvata dal Senato e promulgata dal capo dello Stato, si scatenato un iradiddio di polemiche. Lo stesso capo dello Stato ha sentito il bisogno di accompagnare la firma con una lettera al governo nella quale chiede di introdurre norme di salvaguardia a favore dei beni pubblici, in primo luogo parchi e monumenti.
Il governo ha incassato lindubbio altol posto dal Quirinale puntando sui benefici pratici delloperazione. Il centrosinistra insorto e fino allultimo ha chiesto a Ciampi di non ratificare la legge. Ma obiezioni e osservazioni sono state in realt di vari tipi: etiche, pratiche, politiche.
Il mondo della cultura e gli ambientalisti temono che al di l di tutte le assicurazioni qualche gioiello pubblico oggi tutelato finisca per essere sacrificato. La pi scandalizzata, lex ministro dei Beni culturali, Giovanna Melandri.
Invece economisti di sinistra come Giacomo Vaciago, ex sindaco di Piacenza, danno ragione a Tremonti. Vaciago ricorda che la stessa operazione venne tentata dai governi di centrosinistra, ma con il sistema delle vendita diretta. E di essere stato per due anni a capo di una commissione incaricata di valorizzare i beni pubblici: Risultato, non ho venduto quasi niente e ho accumulato una frustrazione da matti. Perch in Italia bene pubblico il pi delle volte non vuol dire affatto godimento pubblico, ma al contrario beneficio per pochi. I quali in questo patrimonio si annidano come topi nel formaggio lucrando molto a costo quasi zero. Tremonti vuol decidere di risolvere il problema alla radice affidando tutto a una spa e alle banche? Vuol dire che dora in poi i topi dovranno vedersela con soggetti molto meno tolleranti rispetto allo Stato.

VISCO TENTO DI PRIVATIZZARE IL FORO ITALICO
Terzo fronte di critiche, quello politico. Il diessino Vincenzo Visco, predecessore di Tremonti, tent anche lui di alienare alcuni beni dello Stato. Affidando lincarico ad unemanazione privatistica del ministero: lAgenzia del demanio.
Fu Visco, tra laltro, a trovarsi al centro di polemiche per il tentativo di privatizzazione del Foro Italico, un bene sottoposto a vincoli ambientali e architettonici. Perch si chiede lex ministro creare unaltra struttura? Forse per avere le mani ancora pi libere di prima?.
Un quarto fronte di scontento, ma accuratamente inespresso, viene dal mondo del business immobiliare. La messa sul mercato di un patrimonio simile turberebbe equilibri e interessi corposi. Sui quali un po tutti i big, da Carlo De Benedetti a Marco Tronchetti Provera, a Gilberto Benetton, oltre ai tradizionali Caltagirone e Marchini, hanno scommesso massicciamente negli ultimi tempi.
un quadro di riferimento da tenere presente nel valutare unoperazione tanto complessa, dove lopinione pubblica viene indubbiamente colpita dallimmagine di Tot che cerca di cartolarizzare la Fontana di Trevi.

UN VANTAGGIO O NO?
Ma una volta saputo ci che c da sapere, resta una domanda. Per i cittadini, ai quali fino a prova contraria quei beni appartengono, davvero un vantaggio la privatizzazione? O almeno, una privatizzazione a occhi chiusi? Per esempio: una caserma inutilizzata in pieno centro di Roma indubbiamente uno spreco. Al suo posto potrebbe essere realizzato un parcheggio, se non un moderno pronto soccorso. Insomma una struttura, affidata in concessione o in convenzione, che metta daccordo linteresse pubblico e quello privato.
Ma sarebbe la stessa cosa costruire in quella stessa area uno shopping center, con aggravio per il traffico e linquinamento? O addirittura una sala bingo?
Ancora. LIdroscalo di Milano va valorizzato. Ma come? Trasformandolo in un divertimentificio (Rimini a due passi da Linate) e bloccando completamente unarea gi intasata? Oppure affidandolo s a privati, ma con lobbligo di garantirne il disinquinamento, di realizzare posti auto e collegamenti, di tutelare limpatto ambientale, e ovviamente di riscuotere il biglietto?
Certi precedenti di privatizzazione di infrastrutture pubbliche, dalle autostrade italiane alle ferrovie inglesi, insegnano a essere prudenti. E soprattutto pragmatici

www.mondadori.com/panorama/capolitica/17_06_2002.html


news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news