LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CALTANISSETTA - L'Antimafia sequestra la Valdastico
Lionello Mancini
Il Sole 24 Ore 28/11/2008

CALTANISSETTA Due lotti di autostrada sequestrati in Veneto, perquisizioni in diverse sedi produttive di Italcementi, acquisizione di nuova documentazione sui legami fra il gruppo Italcementi-Calcestruzzi. Una nuova impennata dell'azione investigativa della Procura antimafia di Caitanissetta, ha proiettato fuori dai confini isolani l'inchiesta sulla multinazionale bergamasca del cemento, ipotizzando la creazione di fondi neri attraverso il depotenziamento sistematico del calcestruzzo, che metterebbe a rischio la sicurezza di grandi infrastnitture ed edifci pubblici in tutto il Paese. La Direzione antimafia nissena, inoltre, non arretra sullo schema che vedrebbe confermati fino ai giorni nostri gli storici legami di Calcestruzzi con Cosa nostra in Sicilia.
Sulla base di queste pesanti ipotesi accusatone, carabinieri
e Guardia di finanza hanno eseguito la scorsa notte il sequestro con facolt d'uso (cio senza chiuderli al traffico) dei lotti 9 e 14 dell'autostrada Valdastico, in provincia di Vicenza, perch, ha spiegato il Procuratore capo di Caitanissetta, Sergio Lari, gli accertamenti peritali hanno evidenziato scostamenti significativi tra la quantit di cemento stabilito dai contratti e quello effettivamente impiegato nella produzione dei conglomerati forniti per i lavori. Gli accertamenti peritali sono al momento solo cartolari - tra i contratti e le bolle di consegna del cemento -ma dovranno ora seguire prove pratiche (carotaggi, resistenza ccc.) per stabilire se gli scostamenti riscontrati possono avere conseguenze sulla tenuta delle opere. Inoltre, sono state perquisite le sedi Italcementi di Porto Empedocle ( Ag), Isola delle Femmine (Pa) e Calusco d'Adda (Bg), gli uffici di Palermo, il deposito di Catania e acquisite altre carte dal gruppo Italsfusi, spedizioniere che rifornisce Calcestruzzi per conto di Italcementi. Una nota del legale della societ, Alberto Alessandri, esprime serenit per l'esito di questi nuovi accertamenti che confermeranno la e ricorda che le verifiche peritali finora condotte non hanno affatto dato conferma dell'ipotizzata compromissione della stabilit statica delle opere siciliane indagate e sequestrate nel 2007.
Nonostante le novit d'indagine - che Pm e investigatori hanno inteso sottolineare convocando una conferenza stampa - i titoli Italcementi hanno chiuso la seduta di ieri guadagnando quasi il 2%.
Con la mossa "veneta", la Dda nissena conta di dare una svolta all'inchiesta, che ormai punta con decisione a dimostrare l'esistenza della ingentissima quantit di ricavi fuori fatturazione accumulati negli anni dal presunto gioco di sponda Italcemcnt i-Calcestruzzi. Somme che solo in minima parte sarebbero restate nelle tasche della mafia locale perche, ha ripetuto Lari abbiamo evidenze che la sovrafatturazione determinata dall'uso di minori quantit di cemento nel calcestruzzo, sempre rimasta almeno per tre quarti dentro Calcestruzzi. La partita giudiziaria - che appare sempre meno nissena e sempre meno antimafia - continua perci sul doppio fronte della reale tenuta delle opere e del ritrovamento del presunto tesoretto "in nero".



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news