LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - le guide delletna al posto dei Santi
GIUSEPPE RIGGIO
VENERD, 28 NOVEMBRE 2008 LA REPUBBLICA - Palermo

Con i toponimi del vulcano, dei Nebrodi e dei Peloritani geografi e protagonisti delle vette sono entrati nella storia


Per la prima volta il sindaco di Nicolosi e le autorit tutte hanno intitolato un cratere formatosi a 2900 metri di quota non ad un principe o ad un santo bens ad un uomo di montagna - Vincenzino Barbagallo - una guida che per mezzo secolo ha accompagnato e accolto turisti e studiosi. LEtna conferma cos una delle definizioni che le vennero date nellantichit: montagna generatrice di montagne. Ma al di l della specificit del pi vigoroso vulcano europeo - capace di richiedere continuamente nuovi toponimi ai suoi frequentatori perch incessante lattivit modificatrice del territorio - interessante ripercorrere le vicende della toponomastica dei luoghi selvatici della nostra Sicilia. La materia oggetto di approfonditi studi universitari, perch ragionare di denominazioni affibbiate a monti e contrade non solo il gustoso passatempo di chi ama questa terra; ma consente di acquisire notizie storiche e conoscenze linguistiche che proprio nei nomi geografici restano stratificate. Un po come effettuare uno scavo archeologico anzich nel terreno di un sito considerato interessante, nelle vicende stesse di un popolo e della sua parlata.
Prendendo spunto dal recente battesimo del nuovo monte etneo interessante provare a compiere un pur limitato viaggio attraverso la rappresentazione topografica delle montagne siciliane, muovendo dalla lettura di alcune fra le prime "tavolette" scala 1/25000 realizzate dallIstituto Geografico Militare di Firenze (IGM) nel periodo immediatamente successivo allUnit dItalia. Si tratta delle mappe volute dallo Stato sabaudo per suggellare lavvenuta unificazione, consegnando ai militari aggiornate mappe. Limitando la nostra ricognizione alle tre "tavolette" di Randazzo, Linguglossa e Randazzo scopriamo subito che in realt il territorio descritto non soltanto etneo, ma che la mappatura si estende sino ai Nebrodi e ai Peloritani.
Di queste ricognizioni Michele Amari scrisse una nota critica: Lo Stato Maggiore del nostro esercito ha compiuta nel 1867 una nuova carta della Sicilia che ha riscosso lapprovazione degli uomini competenti in Europa, ma difettosa nella nomenclatura (?) sovente, in vece del nome e del luogo vi messo quello del proprietario attuale, e non di rado il nome vecchio o nuovo, passato dalla bocca di contadini ad orecchi non avvezzi al parlare siciliano, si alterato in guisa di non potersi raccapezzare.
Ma a questo punto occorre fare lo sforzo di immaginare le condizioni in cui vennero realizzate le prime mappe topografiche attendibili della nostra Isola. Iniziamo dagli autori delle mappe del nostro campione: sono quattro ingegneri Cantalupi, Merli, Bosco e Baraschi e due capitani: S. Giorgio e Gola. Dai cognomi li immaginiamo non siciliani. Dal 1866 al 1868 questi professionisti battono i territori loro assegnati. Le conoscenze tecniche si sono molto evolute rispetto ai secoli precedenti, le mappe sono basate sulle curve di livello e non riportano pi le approssimative altimetrie dette a nido di talpa utilizzate ancora nel Settecento. I militari effettuano con cura le triangolazioni e le misurazioni delle quote sul livello del mare e nel frattempo rilevano la toponomastica. Per riuscire nellimpresa - spiega lingegner Giambattista Condorelli, appassionato cultore della materia - sono costretti a chiedere agli abitanti, a registrare le loro dichiarazioni ed a trascriverle, a volte interpretando la lingua in maniera incerta.
Gli ufficiali dellIGM spesso sono toscani, piemontesi e naturalmente non capiscono il siciliano. Si sforzano di trascrivere correttamente - spesso italianizzandoli - i toponimi che man mano vengono loro riferiti. Vicino Cesar sui Nebrodi viene cos registrata una delle tante denominazioni di cui sono protagoniste - in negativo - le donne: contrada Malamogliera per definire una zona agricola, mentre pi in alto nel cuore dei Nebrodi c il passo Femmina morta, e non il solo in Sicilia ad avere questa denominazione che si ripete anche sui Peloritani e sugli Iblei. Vicino Randazzo viene registrata una di quelle denominazioni che stuzzicano la curiosit degli storici: contrada Sconfitta. Perch un simile toponimo? Probabilmente lappellativo di quel sito conserva ancora la memoria di un evento accaduto oltre 800 anni prima: la sanguinosa battaglia combattuta fra arabi e bizantini tra Randazzo appunto e Troina nel 1040. Protagonista dello scontro fu il generale bizantino Giorgio Maniace che guidava una spedizione con cui limpero orientale tentava di strappare ai musulmani la Sicilia per riportarla alla cristianit. Limpresa non ebbe successo e la contrada rest per sempre il luogo della Sconfitta.
Sulla tavoletta di Bronte si trova invece traccia di una casa Paolo Fiorito, collocandola nei pressi di Adrano. Probabilmente si tratta di una di quelle notizie fornite agli ufficiali dagli agrimensori, i tecnici incaricati di riportare e certificare su carta lestensione delle propriet agricole. curioso rilevare che sulla base di un processo di progressiva storpiatura della denominazione, nelle edizioni successive della mappa le case verranno indicate come da riferire ad un improbabile "Prato fiorito". In realt tutto il processo della toponomastica basato sulla volubilit delle denominazioni e sulla incertezza dei processi interpretativi. Uno dei maggiori specialisti siciliani, Salvatore Trovato dellUniversit di Catania, scriveva a tal proposito che su questa materia anche i pi scaltriti specialisti debbono, non raramente, accontentarsi di proporre solo buone ipotesi.
Nelle carte dellItalia post-unitaria le denominazioni raccolte sulle tavolette sono in genere elementari. Vicino Motta Camastra (Messina) nel 1865 i capitani Gola, Marinetti e Stecchini danno conto della Montagna Grande (pi alta cima dei Peloritani, quotata correttamente 1375 metri), un monte Vutturi (forse legato agli avvoltoi allora presenti in Sicilia), un monte S. Giovanni, un monte Tre Monti e un monte Mazzacoglione che meriterebbe forse qualche ulteriore ricerca in loco. In una regione dove certo non mancavano i briganti abbondano le contrade Malpasso e Malpassetto. SullEtna in molti casi le colate vengono evidenziate per segnalarne la difficile percorribilit e denominate semplicemente "lave antiche" quando non sono di recente formazione. Fra Randazzo e Linguaglossa c un tenero M. Dolce, mentre lass in alto sopra il Piano della Provenzana viene segnalato un Monte Tanaurpi, tutto cos scritto di seguito, ovvero il luogo dove c la tana della volpe.
Sul versante di Linguaglossa vengono alla luce i Crateri Umberto e Margherita, in onore dei sovrani dItalia. Nella zona di Adrano il romitaggio in mezzo alle lave del futuro santo, Nicola Politi - fuggito dal tetto coniugale prima di consumare il matrimonio - porter naturalmente alla denominazione di Grotta del Santo ed al relativo pellegrinaggio tuttora praticato verso quella zona. Mentre per la chiara fama locale del Santo Nicola Politi lo far diventare, non solo "titolare" di un toponimo, ma anche patrono di due paesi siciliani (Adrano appunto in provincia di Catania e Alcara Li Fusi in provincia di Messina); i santi importati riscuotono invece minore successo nella toponomastica. il caso del beato Escriv de Balaguer, fondatore dellOpus Dei, cui ufficialmente stato intitolato tempo fa un altro conetto vulcanico, ma in concorrenza con monti Barbagallo e S. Maria, Montagnola e Nespole, Tanaurpi e Salifizio fatica ancora ad entrare nelluso comune delle genti etnee.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news