LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MANTOVA La rassegna allestita nellappartamento della vedova Gonzaga
LUNED, 24 NOVEMBRE 2008, LA REPUBBLICA





BONACOLSI LO SCULTORE E LA MANTOVA DI ISABELLA


Con perfetto tempismo, in parallelo con la magnifica mostra di Mantegna che tiene banco al Louvre, la Soprintendenza mantovana presenta in Palazzo Ducale una rassegna che, pur non potendo competere con levento parigino sul piano della spettacolarit, altrettanto amorosamente progettata in ogni dettaglio ed intreccia con esso un fitto dialogo a distanza denso di suggestioni. Protagonista della rassegna mantovana infatti uno dei pi squisiti scultori in bronzo del nostro Rinascimento, Jacopo Alari Bonacolsi detto lAntico, che oltre ad aver avuto documentati contatti con Mantegna alla corte dei Gonzaga, sub al pari di lui il fascino della statuaria classica, ma ne ricav una lezione stilistica di segno opposto. (Bonacolsi lAntico. Uno scultore nella Mantova di Andrea Mantegna e di Isabella dEste, a cura di Filippo Trevisani, fino al 6 gennaio).
Uno dei punti di forza della mostra parigina la sala che offre leccezionale opportunit di ammirare tutti i dipinti che decoravano il celebre Studiolo mantovano di Isabella dEste, disposti proprio come lo erano nella loro sede dorigine. O meglio, come furono fatti sistemare da Isabella nel nuovo Studiolo che si fece apprestare nel 1519, quando a seguito della morte del marito Francesco Gonzaga si trasfer dal Castello di San Giorgio alladiacente Corte Vecchia, e volle completare la serie aggiungendo alle cinque tele originarie - due di Mantegna, uno del Perugino e due di Lorenzo Costa - altri due dipinti appositamente commissionati al Correggio. Ebbene, la mostra mantovana ci conduce proprio allinterno di quel sofisticato Appartamento vedovile di Isabella, con il suo silenzioso giardino segreto, la sua teoria di sale e camerini dalle pareti foderate di tarsie lignee o impreziosite dai cicli affrescati e dagli esoterici motti escogitati dallumanista campano Mario Equicola, e naturalmente con il suo Studiolo, orfano delle tele del Louvre, ma non del sontuoso soffitto originario riccamente intagliato e dorato.
Fino ad oggi difficilmente visitabile, la dimora vedovile di Isabella stata fatta oggetto per loccasione di un accurato intervento di restauro, tanto da giustificare il comunicato stampa che parla di un doppio evento espositivo: la prima mostra monografica dedicata al Bonacolsi e la nuova visione dellappartamento in Corte Vecchia, che ne costituisce la suggestiva ed appropriata ambientazione.
Figlio di un macellaio, Jacopo Alari Bonacolsi nacque a Mantova intorno al ?60 e si suppone ricevesse una prima formazione come orefice, il che spiegherebbe la meticolosa perizia tecnica e il gusto del dettaglio prezioso che caratterizzano lo stile delle statuette e dei rilievi in bronzo che lo resero famoso. Prima di entrare in diretto rapporto con Isabella e i Gonzaga di Mantova, Jacopo prest servizio presso alcuni centri gonzagheschi minori, da quello di Bozzolo, feudo di Gianfrancesco Gonzaga e di sua moglie Antonia del Balzo, alla villa di Quingentole e al castello di Gazzuolo, dove amava risiedere il vescovo di Mantova Ludovico Gonzaga. Nel clima di sviscerata passione antiquaria, che allignava in queste corti non meno che nella casa madre mantovana, il giovane svilupp rapidamente il peculiare talento che gli valse il soprannome di Antico, specializzandosi in un genere che aveva avuto un isolato, ma ancor rozzo precursore nel fiorentino Filarete, e che consisteva nellassumere i pi noti modelli monumentali di arte classica - dal MarcAurelio allo Spinario, dallApollo del Belvedere alla Venere accovacciata o al Meleagro - , per trarne unelegante versione miniaturizzata in bronzo.
LAntico rinunciava a qualsiasi autonomia inventiva rispetto ai modelli classici da lui riprodotti, limitandosi ad integrarne le eventuali amputazioni, per concentrarsi invece sulla resa morbida e fluida di ogni movenza e su unesecuzione tecnicamente impeccabile, sontuosa e splendente: capigliature e barbe ricciute, squisitamente cesellate ed esaltate dalla doratura a fuoco, pupille intarsiate in argento, sapienti e vellutate patinature. Non a caso, fino a poco tempo fa, anche in raccolte museali prestigiose, tante sue sculture venivano erroneamente etichettate come lussuosi oggetti di et napoleonica in stile Impero.
Jacopo non si limitava a riprodurre in bronzo statue antiche, riducendole ad un formato che consentiva di ammirarle rigirandosele tra le mani, ma era anche in grado di restaurare gli originali e di valutarne qualit e prezzo per conto dei suoi committenti, che li collezionavano golosamente. Recentemente stata scoperta una sua firma sul piedistallo di uno dei due Dioscuri del Quirinale, che testimonia di un restauro da lui compiuto durante uno dei suoi soggiorni a Roma. Fu proprio in Campidoglio che egli pot ammirare, tra i bronzi donati al Popolo Romano da Sisto IV, quel Camillus dagli occhi intarsiati in argento e dal panneggio fluidamente modellato, che fu senzaltro determinante nel plasmare la sua percezione della bronzistica classica, tanto da giustificarne il prestito e la sua presenza qui, in questa mostra mantovana. Dove sono convenute, tra laltro, anche le pi note opere dellAntico appartenenti a grandi raccolte straniere come il Victoria and Albert Museum londinese o il Kunsthistorisches di Vienna, n mancano ghiotte e inedite novit, come gli otto busti antichi del Seminario vescovile di Mantova, che furono da lui completati e sapientemente restaurati.



news

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

16-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 agosto 2019

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news