LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MANTOVA La rassegna allestita nellappartamento della vedova Gonzaga
LUNED, 24 NOVEMBRE 2008, LA REPUBBLICA





BONACOLSI LO SCULTORE E LA MANTOVA DI ISABELLA


Con perfetto tempismo, in parallelo con la magnifica mostra di Mantegna che tiene banco al Louvre, la Soprintendenza mantovana presenta in Palazzo Ducale una rassegna che, pur non potendo competere con levento parigino sul piano della spettacolarit, altrettanto amorosamente progettata in ogni dettaglio ed intreccia con esso un fitto dialogo a distanza denso di suggestioni. Protagonista della rassegna mantovana infatti uno dei pi squisiti scultori in bronzo del nostro Rinascimento, Jacopo Alari Bonacolsi detto lAntico, che oltre ad aver avuto documentati contatti con Mantegna alla corte dei Gonzaga, sub al pari di lui il fascino della statuaria classica, ma ne ricav una lezione stilistica di segno opposto. (Bonacolsi lAntico. Uno scultore nella Mantova di Andrea Mantegna e di Isabella dEste, a cura di Filippo Trevisani, fino al 6 gennaio).
Uno dei punti di forza della mostra parigina la sala che offre leccezionale opportunit di ammirare tutti i dipinti che decoravano il celebre Studiolo mantovano di Isabella dEste, disposti proprio come lo erano nella loro sede dorigine. O meglio, come furono fatti sistemare da Isabella nel nuovo Studiolo che si fece apprestare nel 1519, quando a seguito della morte del marito Francesco Gonzaga si trasfer dal Castello di San Giorgio alladiacente Corte Vecchia, e volle completare la serie aggiungendo alle cinque tele originarie - due di Mantegna, uno del Perugino e due di Lorenzo Costa - altri due dipinti appositamente commissionati al Correggio. Ebbene, la mostra mantovana ci conduce proprio allinterno di quel sofisticato Appartamento vedovile di Isabella, con il suo silenzioso giardino segreto, la sua teoria di sale e camerini dalle pareti foderate di tarsie lignee o impreziosite dai cicli affrescati e dagli esoterici motti escogitati dallumanista campano Mario Equicola, e naturalmente con il suo Studiolo, orfano delle tele del Louvre, ma non del sontuoso soffitto originario riccamente intagliato e dorato.
Fino ad oggi difficilmente visitabile, la dimora vedovile di Isabella stata fatta oggetto per loccasione di un accurato intervento di restauro, tanto da giustificare il comunicato stampa che parla di un doppio evento espositivo: la prima mostra monografica dedicata al Bonacolsi e la nuova visione dellappartamento in Corte Vecchia, che ne costituisce la suggestiva ed appropriata ambientazione.
Figlio di un macellaio, Jacopo Alari Bonacolsi nacque a Mantova intorno al ?60 e si suppone ricevesse una prima formazione come orefice, il che spiegherebbe la meticolosa perizia tecnica e il gusto del dettaglio prezioso che caratterizzano lo stile delle statuette e dei rilievi in bronzo che lo resero famoso. Prima di entrare in diretto rapporto con Isabella e i Gonzaga di Mantova, Jacopo prest servizio presso alcuni centri gonzagheschi minori, da quello di Bozzolo, feudo di Gianfrancesco Gonzaga e di sua moglie Antonia del Balzo, alla villa di Quingentole e al castello di Gazzuolo, dove amava risiedere il vescovo di Mantova Ludovico Gonzaga. Nel clima di sviscerata passione antiquaria, che allignava in queste corti non meno che nella casa madre mantovana, il giovane svilupp rapidamente il peculiare talento che gli valse il soprannome di Antico, specializzandosi in un genere che aveva avuto un isolato, ma ancor rozzo precursore nel fiorentino Filarete, e che consisteva nellassumere i pi noti modelli monumentali di arte classica - dal MarcAurelio allo Spinario, dallApollo del Belvedere alla Venere accovacciata o al Meleagro - , per trarne unelegante versione miniaturizzata in bronzo.
LAntico rinunciava a qualsiasi autonomia inventiva rispetto ai modelli classici da lui riprodotti, limitandosi ad integrarne le eventuali amputazioni, per concentrarsi invece sulla resa morbida e fluida di ogni movenza e su unesecuzione tecnicamente impeccabile, sontuosa e splendente: capigliature e barbe ricciute, squisitamente cesellate ed esaltate dalla doratura a fuoco, pupille intarsiate in argento, sapienti e vellutate patinature. Non a caso, fino a poco tempo fa, anche in raccolte museali prestigiose, tante sue sculture venivano erroneamente etichettate come lussuosi oggetti di et napoleonica in stile Impero.
Jacopo non si limitava a riprodurre in bronzo statue antiche, riducendole ad un formato che consentiva di ammirarle rigirandosele tra le mani, ma era anche in grado di restaurare gli originali e di valutarne qualit e prezzo per conto dei suoi committenti, che li collezionavano golosamente. Recentemente stata scoperta una sua firma sul piedistallo di uno dei due Dioscuri del Quirinale, che testimonia di un restauro da lui compiuto durante uno dei suoi soggiorni a Roma. Fu proprio in Campidoglio che egli pot ammirare, tra i bronzi donati al Popolo Romano da Sisto IV, quel Camillus dagli occhi intarsiati in argento e dal panneggio fluidamente modellato, che fu senzaltro determinante nel plasmare la sua percezione della bronzistica classica, tanto da giustificarne il prestito e la sua presenza qui, in questa mostra mantovana. Dove sono convenute, tra laltro, anche le pi note opere dellAntico appartenenti a grandi raccolte straniere come il Victoria and Albert Museum londinese o il Kunsthistorisches di Vienna, n mancano ghiotte e inedite novit, come gli otto busti antichi del Seminario vescovile di Mantova, che furono da lui completati e sapientemente restaurati.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news