LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - "fisime" vincolistiche dei soprintendenti
Guido Panico
23/11/2008 il MATTINO






Con il suo intervento di inizio settimana sulle "fisime" vincolistiche dei soprintendenti, che sarebbero di ostacolo alle politiche del fare, Vincenzo De Luca ha aperto una polemica su un tema di grande delicatezza, che va oltre i confini di Salerno e della Campania, nonch della stessa cronaca del giorno.

Lo ha fatto con la consueta ruvidezza, riuscendo, cos, a portare la discussione su un acre piano polemico, che non giova a chiarire i termini culturali di una faccenda per sua natura complessa. In essa gioca, pi che il rozzo saper fare, tanto di moda, il sapere nel senso classico della parola.



Gli interpreti delle norme che regolano i beni culturali, paesaggistici e architettonici sono spesso condizionati dalla mentalit dell'antiquaria, ma con essi e con chiunque ha competenze specifiche che bisogna fare i conti, sapendo in partenza che il debito contratto con questi servitori dello Stato grande: la loro visione, a volte ossessiva, dei resti del passato ha contribuito non poco a salvarci dai barbari.

Nel momento stesso, nel tardo Settecento, in cui emerse l'idea di bene culturale si apr una discussione tra i puri conservatori di ogni reperto del passato e quelli che immaginavano continui cambiamenti di paesaggi e di citt capaci di coinvolgere in maniera viva e non ridotta a museo il proprio passato. In una celebre pagina di Italo Calvino si descrive una citt metaforicamente scomparsa, Zara, in quanto eternamente uguale a se stessa. Le citt sono corpi vivi, che hanno bisogno di continue trasformazioni, ma anche di conservare nella loro stessa configurazione, il passato, quello che lascia a bocca aperta, ma anche quello che pura testimonianza.

vero che il brutto non una prerogativa del nostro tempo: ce ne era anche nel Medioevo. Ma quelle pietre sono, oggi, uniche, ognuna un pezzo irripetibile della memoria. La questione, che in altre parti d'Europa stata risolta magistralmente, grazie all'altissima cultura e spiritualit dei disprezzati "adepti" del disinteressato sapere, cozza contro inestricabili incomprensioni. La storia, se intesa come meccanica memoria, , effettivamente, dannosa. Se ci aiuta a non farci smarrire in un eterno presente, dandoci le coordinate del tempo utile, sebbene non nel triviale senso corrente della parola.



Per ragioni che non sono state ufficialmente chiarite, non peraltro ha avuto ancora un esito operativo neppure il Protocollo di intesa (siglato il 20 settembre 2007) dal Comune, dall'Arcidiocesi di Napoli, dalla Regione Campania e dal ministero per i Beni Culturali per dare avvio a un grande disegno di valorizzazione del tessuto storico degradato.

Entro un anno da quella firma (vale a dire entro il 20 settembre ultimo scorso) si sarebbe dovuto varare una cabina di regia ed un programma attuativo - supportato da risorse pubbliche (non ingenti, ma pur tuttavia significative) - per il rafforzamento del ruolo di Civitas Studiorum del cuore antico della citt, ruolo da intendere come motore di rinascita culturale e di rinnovamento sociale legato alla presenza dei giovani. Non potendo avere risposte esplicite su tale ritardo dalle riservate stanze di Palazzo San Giacomo, si pu provare a visitare la bella mostra sui Dinosauri allestita alla Citt della Scienza.


Limmobilit forse solo apparente. A ben vedere la stasi deriva dai veti incrociati delle contrastanti energie profuse da famelici tirannosauri che, come ha intuito lartista Luis Rey, vivano ancora tra di noi. I paleontologi (esperti della prima repubblica) sanno bene che gli appetiti professionali di tali dinosauri sono incontenibili, al pari dei disastri che hanno recato ogni qual volta sono riusciti ad addentare un boccone. Fuor di metafora, che si possa valorizzare il centro storico facendo leva sulla naturale vocazione del luogo ad essere una cittadella degli studi unidea ovvia come luovo di Colombo. Sta di fatto che gi convergono nellarea Unesco le sedi di cinque atenei, nonch di numerosi istituti di ricerca, di musei, di teatri, di laboratori di artigianato artistico, di gallerie darte pubbliche e private.

La carenza di residenze per gli studenti fuori sede e di foresterie per docenti stranieri alimenta nei fatti il mercato nero del subaffitto di stanze a prezzi da strozzinaggio. Sarebbe sufficiente una governace di tali potenzialit, per debellare il sommerso facendo affiorare alla luce del sole una florida economia civile. Non necessario il piccone demolitore. Anzi. Basterebbe un rigoroso restauro dell'esistente abbinato ad una sapiente nuova destinazione duso dei monumenti abbandonati o sottoutilizzati.


Cos come va scongiurata lipotesi di un ricambio sociale, garantendo al contrario la permanenza agli attuali residenti che potrebbero trarre notevoli benefici da una rivalutazione ambientale atta ad attrarre ulteriormente il turismo. La seduzione del tessuto storico sta anche nei colori dellambiente e nell'anima della comunit che lo abita. Fin qui un rapido accenno a proposte pi volte e da pi parti formulate. Resta solo da chiedersi quando tempo ancora dovremo attendere prima che da un libero e franco confronto democratico scaturiscano decisioni attuative. Benedetto Gravagnuolo



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news