LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Supermanager dei musei. Il culto del manager colpisce ancora
Stefano Catucci
Roma c 22/11/2008

Dopo la rinuncia di Antonio Paolucci ex ministro dei Beni Culturali e attualmente direttore dei Musei Vaticani - il ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi ha individuato nel manager Mario Resca la persona adatta a ricoprire la carica di direttore unico della gestione e dello sviluppo dei musei italiani, ruolo di nuovo conio a cui viene affidata una responsabilit diretta su circa 400 luoghi espositivi italiani. Ecco allora che il culto del manager colpisce ancora - a sacrificio magari di uno storico, di un critico o di un curatore di chiara fama -: malgrado i disastri che sono stati prodotti da questa mitologia solo nellultimo decennio.

Antonio Paolucci, ex ministro dei Beni Culturali con il governo Dini, una carriera di sovrintendente in citt come Venezia e Firenze, attualmente direttore dei Musei Vaticani, ha declinato linvito del Ministro Bondi ad assumere un incarico di nuovo conio: quello di direttore unico della gestione e dello sviluppo dei musei italiani, con responsabilit diretta su circa 400 luoghi espositivi. Lidea di Bondi quella di unificare i programmi di prestito delle opere darte italiane in occasione di mostre organizzate allestero e, soprattutto, di fare cassa eliminando la gratuit di tali prestiti e incrementando la pratica del noleggio, ovvero del prestito oneroso. Di per s non unidea cattiva. Ma occorre che a dirigere la struttura sia qualcuno competente in fatto di arte e di circuiti museali, qualcuno che sappia distinguere quando pi conveniente un prestito gratuito, in vista di possibili scambi con mostre organizzate in Italia, e che abbia una sufficiente familiarit non solo con lantico o con il classico, ma anche con il moderno e il contemporaneo. Per questo Paolucci si tirato indietro, confessando in unintervista di vedere meglio in quel posto uno storico, un critico o un curatore museale di chiara fama. Magari anche straniero, come aveva concesso Bondi ipotizzando un concorso internazionale per una carica di tale importanza. Saltando a pi pari lidea del concorso, la scelta caduta su Mario Resca, imprenditore ferrarese di pedigree bocconiano, per un decennio AD di Mc Donalds Italia e dal 2o02 consigliere damministrazione dellEni. Il culto del manager colpisce ancora, dunque, malgrado i disastri prodotti da questa mitologia solo nellultimo decennio. E c da credere che se il Ministro sostiene di non capire larte contemporanea, sarebbe troppo chiedere di pi a un manager nel cui curriculum ci che pi si avvicina allarte il ruolo di consigliere nel Gruppo Versace. Larte contemporanea la pi sacrificata dai programmi del Ministero, che dichiara di volerla delegare alle cure della sola Galleria Nazionale dArte Moderna di Roma dimenticando che, sempre a Roma, in via di costruzione il Maxxi, peraltro gi operativo in sedi diverse. Larte contemporanea non solo, astrattamente, un valore. Ma, la si capisca o meno, uno dei modi cruciali di riflettere sul presente e di guardare al futuro. Proprio quello che manca allItalia di oggi. Di qui in avanti larte contemporanea, da noi, sar costretta a vivere in trincea. Magari per gli artisti potr essere uno stimolo, come lo sono sempre state le condizioni di estremo bisogno e di censura. Ma chi vede il futuro del paese con preoccupazione dovr abituarsi alla vita di trincea.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news