LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BOLOGNA - Ecco i conti in rosso del teatro dopera nel 2007. E questanno previsti 4,2 milioni di deficit
LUCIANO NIGRO
MERCOLED, 05 NOVEMBRE 2008 LA REPUBBLICA - Bologna





Il Comunale ha 12,4 milioni di debiti e paga i fornitori con 7 mesi di ritardo



Trecento euro di spesa per ogni spettatore. E i tre quarti sono contributi pubblici
In nove anni calano i fondi che arrivano dallo Stato e quelli dei privati



--------------------------------------------------------------------------------

Al Comunale si dice che i debitori vengono pagati con sette mesi di ritardo. La spiegazione? Si trova sfogliando i numeri del bilancio 2007 lultimo disponibile.
Una montagna di debiti: 12,4 milioni di euro, oltre la met dei quali (6,3 milioni) con le banche. Il patrimonio completamente esaurito: mancano 9,5 milioni allappello per tornare al valore iniziale di 38 milioni attribuito al teatro opera del Bibiena. Unannata che si chiusa con un milione di disavanzo, ma avrebbero potuto essere tre milioni se non ci fosse stato il rientro straordinario di due milioni di assegni familiari indebitamente versati allInps nei sette anni precedenti. E un bilancio gi pieno di criticit quello del 2007, approvato questanno dal consiglio di amministrazione del Comunale, anche se forse verr ricordato come lultimo decente della storia del teatro lirico bolognese. Il 2008 secondo le previsioni dovrebbe chiudersi con un deficit di 4,2 milioni. Sul prossimo, lo sappiamo, dopo un ulteriore taglio di 2,5 milioni di fondi dello Stato gi partito lallarme rosso del cda che ha soppresso due opere in cartellone per evitare di sfondare il tetto di 6 milioni di disavanzo che provocherebbe limmediato commissariamento del teatro.
Eppure gli elementi per lallarme ci sono da tempo. Scritti nei numeri implacabili del bilancio che finora il Comunale non ha voluto rendere disponibili. Su 27 milioni di costi ben 19,5 sono costituiti da contributi dello Stato (14,4 mln), della Regione (1,6) del Comune (1, 6) dei privati (1,8 milioni). Solo 3,8 milioni vengono dagli abbonamenti, i biglietti, la pubblicit, gli sponsor, il ricavato dei concerti fuori citt.
Che cosa significa? Che anche in una delle annate pi virtuose della storia recente se ogni spettatore costato 300 euro, quasi tre quarti della spesa stata coperta da contributi, il 15% da botteghino e pubblicit, mentre un buon 10% finisce per aumentare il debito. Trecento euro sono una stima perch il numero degli spettatori non contenuto nel bilancio e il teatro Comunale restio a fornire i dati. Eppure su queste cifre occorrer ragionare e al pi presto visto che proprio in questi giorni si ipotizza la vendita di beni pubblici come il teatro Manzoni per far fronte a quello che il sindaco Cofferati ha definito una divario strutturale tra le entrate e i crescenti costi de Comunale e di tutti i teatri lirici italiani.
Che la malattia sia pi grave del previsto dimostrato da una interessante analisi che il sovrintendente Marco Tutino ha allegato al bilancio. E levoluzione dei costi e dei ricavi del Teatro dal 1999 al 2007. Nove annate nelle quali i contributi dello Stato sono calati: da 18,3 milioni del �99 a un massimo di 19,7 nel 2001 fino ai 17,5 del 2007 (il minimo fu nel 2006: 16,3 milioni effetto della finanziaria 2005 del governo Berlusconi). Ma se i contributi dello Stato calano, quelli privati non sono aumentati: da 2,3 milioni nel 2000 sono scesi a 1,9 milioni nel 2007. Lappello di Cofferati di tre anni fa aveva prodotto una boccata dossigeno con un picco di 2,5 milioni nel 2006. Lanno dopo, per, tutti hanno di nuovo stretto i cordoni della borsa: la Fondazione Carisbo da 1,6 a 1,2 milioni, la fondazione del Monte da 350 a 150 mila euro, la Camera di Commercio da 40 a 30 mila euro, Hera da 60 a 35 mila. Nonostante gli sforzi, insomma, i fondi privati non aumentano.
Che fare allora? Ridurre i costi? E la strada finora seguita. Poich il costo del personale aumenta (da 14,6 milioni passato a 18,4 milioni) cosa hanno fatto i sovrintendenti? Hanno ridotto le spese della produzione che, da un massimo di 8,5 milioni nel 2001, sono scesi a 4,8 milioni. Insomma non potendo licenziare lorchestra, i tecnici e gli impiegati che assorbono il 65-70% delle spese, hanno tagliato i cachet degli artisti e ora si ipotizza la riduzione degli spettacoli.
Di questo passo, paradossalmente, tutti i contributi dello Stato finiranno per andare unorchestra che non suoner quasi mai e il contributo dello Stato per ogni spettatore della lirica diventer astronomico.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news