LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PALERMO: l'accusa di La Cecla sulla città patinata
MARCELLO BENFANTE
MARTEDÌ, 14 OTTOBRE 2008 la repubblica - Palermo




Un saggio dell´antropologo contesta il falso glamour e il degrado reale
La dimensione immobile nella quale si susseguono grandi eventi di seconda mano e le periferie come "teatro di ombre"


«La mia città è in mano ai banditi. Questo è il ritornello che mi gira per la testa ogni volta che torno a Palermo». A lanciare l´invettiva è Franco La Cecla, docente di antropologia culturale a Milano e a Barcellona, nel suo ultimo saggio, "Contro l´architettura" (Bollati Boringhieri), che è un più generale "J´accuse" nei confronti della scellerata sinergia tra urbanistica e politica.
Ma il ritornello negli ultimi anni ha subito un´alterazione. Si è trasformato in un jingle pubblicitario. È avvenuto infatti che sul degradato contesto cittadino, sul consueto panorama di fatiscenza e abbandono, «si sia aggiunta una patina di sfacciataggine post-moderna». Come dire, il danno e la beffa, l´ingiuria e la mazza.
Scornandoci traumaticamente contro il muro della realtà, che si ostina a contrapporre la sua arcigna consistenza alle velleità delle politiche virtuali, ci accorgiamo allora che Palermo «è caduta nelle maglie di una trasformazione televisiva». Ovvero che è stata furtivamente sostituita da una sorta di proiezione olografica affidata a una squadra di esperti dell´immagine allo scopo di coprire l´inefficienza e l´ignavia dei suoi amministratori (e durissimo, in particolare, è il giudizio di La Cecla sulle responsabilità dell´attuale sindaco).
La Palermo "cool" di una recente campagna pubblicitaria commissionata dal Comune si rivela dunque in buona sostanza una città "spenta", malinconicamente depressa, con un´economia malsana infiltrata e gonfiata da investimenti mafiosi. Una città immobile e perfino regressiva, ma in cui si susseguono Grandi Eventi che millantano un «glamour milanese di seconda mano» e in cui i problemi sono stati accantonati per dare agio agli imperativi di un design succedaneo e provinciale.
In questa città ridotta a icona di un esotismo accattone (vedi Kals´art) e in mera comunicazione mediatica, si attua in modo trionfale, quasi come in un perpetuo Festino, quella che per La Cecla è la "vocazione" dell´odierna architettura, e cioè la smaterializzazione della città, la perversa consustanziazione con cui la sua «carne quotidiana di pietre e abitanti» diviene un «simulacro vendibile» fatto di «cristalli liquidi», di surrogati televisivi, di slogan pubblicitari, di manifesti convincenti che fanno da fondali e trompe l´oeil allo sfacelo o al niente retrostante.
Se il medium aveva soppiantato il messaggio, ora, per nemesi e contrappasso, una comunicazione vuota ha liquidato la realtà. Ovviamente, questo processo di svuotamento è in corso ovunque, ma a Palermo, in questa estrema appendice «di un Impero da Operetta», sembra aver raggiunto un livello più avanzato o più perfetto, un´anticipazione profetica: «la buonanima di Baudrillard direbbe che è geniale che proprio qui, nella periferia italiana disgraziata e mafiosa, si facciano le prove generali della trasformazione della realtà in pura immagine».
Quindi, Palermo come una Bangalore di casa-cosa-nostra, ossia luogo di produzione di un "capitale simbolico" che esercita una mistificante funzione di mantenimento dello status quo.
Se è vero che le rovine sono «l´inconscio di una città», ma anche luoghi di straordinarie potenzialità, «di promesse e di incognite», come ha scritto efficacemente Rebecca Solnit, allora forse è da qui che dovremmo ricominciare per riprendere consapevolezza del nostro diritto a una dimensione sociale e civile dell´abitare che non sia solo alloggio o stoccaggio o circolazione o shopping.
E dalle periferie, dall´emergenza che esse esprimono dappertutto per la loro inarrestabile deriva verso il nulla.
Per La Cecla il problema delle periferie non può essere ricondotto esclusivamente alla politica, al modo in cui il territorio marginale è amministrato e gestito, come invece hanno sostenuto Franco Purini e Vittorio Gregotti in difesa della concezione originaria del quartiere Zen. L´errore (e l´orrore) sta a monte, è insito nel progetto stesso, nel suo utopismo concentrazionario.
Scrive La Cecla: «La bruttezza della periferia è legata all´ideologia della chiusura nello spazio domestico della singola famiglia operaia, della riduzione della vita a un teatro di ombre private».
A venir meno è quindi lo spazio pubblico o semipubblico, quell´insieme di interstizi e dinamismi informali che conferiscono vitalità e autenticità a un luogo. Senza tutto ciò le periferie non possono essere altro che un ricettacolo discriminante di indesiderabili. Il che spiega i continui vandalismi che devastano queste zone emarginate, in cui, specialmente tra i giovani, cresce con rabbia «la voglia di cancellare fisicamente la struttura che li tiene fuori dalla vera città».
Bisognerebbe riflettere su questo aspetto di comprensibile rivalsa, prima di esprimere giudizi moralistici sulla mancanza di senso civico di taluni che risiedono in veri e propri ghetti. Secondo Colin Ward, per esempio, certe azioni autodistruttive praticate nelle cosiddette New Towns inglesi, ovvero i sobborghi satelliti creati da una sofisticatissima scuola architettonica, sono «un giudizio ben preciso che gli abitanti assegnati a quei quartieri esprimevano sull´assurdità e l´astrattezza delle utopie urbanistiche».
Il disagio nasce, per dirla con Pablo Neruda, quando «la patria della geometria si sostituisce alla patria dell´uomo». Il compito più impellente è dunque rivalutare e dare una «totale ri-significazione» alle periferie, conferire a esse una dignità e una verità che hanno ormai perduto, non solo per ragioni di malgoverno o per dinamiche classiste, ma anche a causa di una progettualità asettica, fumosa e autoritaria.
La Cecla cita al riguardo un racconto di Salvo Licata in cui un abitante della Vucciria ottiene un alloggio popolare a Roccella e cerca di riprodurre nel nuovo quartiere gli odori e i sapori del vecchio mercato aprendo abusivamente una piccola bottega di generi alimentari. Ovviamente questo suo tentativo irregolare di portare la vita in una dimensione fredda e asettica verrà interdetto e sanzionato dalla Legge.
L´igienismo razionalista e funzionalista prepara la scomparsa della realtà. Ciò riguarda anche i centri storici, svuotati, stravolti, mercificati, museificati, paradossalmente sottratti alla loro storia, alla loro identità.
E dunque La Cecla indica la narrazione, il racconto, come «la forma più onesta nei confronti della città e dello spazio», perché la scrittura non distrugge la magmaticità del presente, non presume di inventarlo, non pretende di esaurirlo», ma ci consente di comprenderlo e (forse) di trasformarlo.



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news