LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Arte contemporanea, Italia in ritardo
Paolo Conti
Corriere della Sera 27/9/2008

Dibattito. Gallerie e musei aperti il 4 ottobre: la Giornata dedicata alle opere degli ultimi anni

I critici: sperimentale, perci difficile. Grazia Toderi: basta mega musei

Londra puoi ottenere notizie dettagliate persino dai tassisti sulla Freize Art Fair, fissata dal 16 al 19 ottobre: opere di 150 gallerie da tutto il mondo esposte a Regent's Park, seminari pubblici (magari con Yoko Ono), proiezioni di videoarte. Arte contemporanea come attrazione per famiglie che cos scoprono i nuovi talenti. In Italia non cos. Con estrema franchezza intellettuale, in un'intervista estiva, persino il ministro per i Beni e le attivit culturali Sandro Bondi ha ammesso: Faccio fatica a trovare segni di bellezza nell'arte contemporanea. Se visito una mostra faccio come molti, cio fingo di capire. Ma sinceramente non capisco.
Per i segnali di un'inversione di tendenza non mancano. Il 4 ottobre, sotto l'egida del ministro Bondi e della Direzione generale per la qualit e la tutela del Paesaggio e dell'Arte contemporanea, si terr in tutta Italia la quarta edizione della Giornata del Contemporaneo: ingressi gratis, seminari, visite guidate, presentazioni di libri, conferenze, laboratori, dibattiti per far capire l'arte della nostra era. L'opera-manifesto 2008 firmata da Paola Pivi.
In tre edizioni le istituzioni culturali che hanno aderito all'iniziativa dell'Amaci (Associazione musei d'arte contemporanea, tutto su www.amaci.org) sono passate da 180 alle 800 di quest'anno tra gallerie nazionali, comunali e private locali. Un momento effervescente. A Palazzo Grassi di Venezia ci si accapiglia su Italics e per le scelte di Francesco Bonami. Intorno alla Gagosian di Roma si discute sui multipli di Georg Baselitz, dal 18 ottobre Capodimonte attende la retrospettiva della Grande Signora Louise Bourgeois, al Madre di Napoli dal 22 ottobre di ristudia Robert Rauschenberg, dal 16 ottobre a Roma al Palazzo delle Esposizioni splender la videoarte di Bill Viola.
Dove affondano le radici del ritardo italiano? Spiega Gabriella Belli, responsabile del Mart di Rovereto e presidente dell'Amaci: Nel dopoguerra, in Germania ma anche in Gran Bretagna, in Francia e negli Stati Uniti sono stati costruiti nuovi edifici per l'arte contemporanea proprio per sottolineare l'aver "girato pagina". L l'arte contemporanea un tema popolare. Qui non ancora entrata nel nostro statuto culturale diffuso. Abbiamo accumulato un distacco di vent'anni. Mancano la consuetudine, la familiarit. Ecco il perch di questa giornata. Ecco soprattutto il perch di Amaci, nata come rete di comunicazione per scambiare esperienze e offrire nuove opportunit di lavoro.
Danilo Eccher, ex responsabile del Macro di Roma e a suo tempo consacratore di Vanessa Beecroft e Francesco Vezzoli, lo ammette: L'arte contemporanea di per s sperimentale, figlia del nostro tempo, non assicura certezze n serenit. Quindi amata dal pubblico pi curioso capace di mettersi in discussione. Ma nella cultura anglosassone da tempo un fenomeno radicato. Ora tocca all'Italia darsi servizi e didattiche adeguati. Un appuntamento come quello del 4 ottobre pu aiutare il grande pubblico a compiere un salto culturale.
E qual il ruolo del critico? Per l'arte storicamente consolidata la qualit quasi sempre un parametro condiviso. Nel contemporaneo? Risponde Achille Bonito Oliva: Una opera dell'oggi di qualit quando dimostra di interpretare lo spirito del tempo, di possedere una capacit profetica di anticipare le crisi e le evoluzioni. Faccio l'esempio della Transavanguardia, che mi riguarda. Capii che nella post-modernit il gesto pi avanguardistico, dopo l'essersi affidati alla tecnologia e al linguaggio del video, sarebbe stato il ritorno alla pittura. Se dovesse spiegare perch l'arte di oggi va amata? Direi che un linguaggio destinato non solo al cervello ma all'impatto plurisensoriale, coinvolgente. L'arte dei nostri giorni va degustata in termini fisici. E cosa suggerirebbe a Bondi per risolvere il dilemma? Di affidarsi alla sua sensibilit di poeta. Cos non avr pi un atteggiamento precostituito.
Ma parlare di arte contemporanea, in una stagione in cui Damien Hirst vende in due giorni di aste da Sotheby's a Londra ben 223 sue opere saltando il filtro dei galleristi e incassando 125 milioni di euro, significa anche discutere di alta finanza, mode, collezionisti miliardari. Un approccio detestato da Grazia Toderi, videoartista esposta in tutto il mondo, Leone d'Oro alla Biennale di Venezia 1999: L'arte contemporanea non solo scandalo, magari economico o sessuale. L'arte vita, ricerca. Spesso bellezza e speranza. L'approccio eccessivamente spettacolare nasconde al grande pubblico l'essenza dell'arte dei nostri giorni. E poi Toderi apre un altro fronte: La mano pubblica, fatta eccezione per esempi eccellenti come il Castello di Rivoli a Torino o il Mart di Rovereto, non produce programmi continuativi di informazione e di educazione verso le forme espressive dell'oggi. Ecco il perch di un difficile contatto. Si vive di propaganda, di annunci a effetto dispendiosi. Vedo cantieri faraonici che non si concludono mai. Parla del Maxxi di Roma firmato da Zaha Hadid? Dico che inutile costruire contenitori giganteschi se poi mancano fondi per acquistare opere e organizzare una adeguata programmazione. Anche questo allontana... Allora preferisco un capannone restaurato con tante opere.
Ma perch convincere i visitatori comuni ad avvicinarsi al contemporaneo? Massimiliano Gioni, direttore degli eventi speciali del New Museum of Contemporary Art di New York, direttore artistico della Fondazione Trussardi, complice delle provocazioni di Maurizio Cattelan: Lo dico soprattutto ai pi giovani. Non partecipare all'arte contemporanea significa rischiare di perdere l'occasione di vivere la cronaca destinata a diventare storia.
Ma come distinguere la qualit in un'opera dei nostri tempi? Le migliori, per dirla un po' con Umberto Eco, sono le "opere aperte" che contengono una molteplicit di significati e di storie attraverso i quali possibile comprendere il presente. C' poi una qualit ottica oggettiva. Warhol ha prodotto bei quadri e brutti quadri. La differenza evidente. Talvolta anche Andy sbadigliava.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news