LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BOLOGNA - Giardini, epopea del cuore verde
LUCA SANCINI
GIOVED, 25 SETTEMBRE 2008 la Repubblica - Bologna





"Margherita-story": i reali, poi il Ventennio, Coppi, il Papa, il leone Reno



Un libro rievoca ricordi, vicende e tradizioni che legano lo spazio alla citt dal 1879


Il laghetto con le oche, il leone, il pratone, la giostra, i fughini, il campetto da basket. E le altre cose aggiungetele voi, ripensando ai Giardini per antonomasia qui a Bologna, i Margherita, come vennero ribattezzati in onore della regina consorte di Umberto Primo alla fine dell800. Del parco pi famoso e frequentato dai bolognesi per secoli, e ora anche dai nuovi cittadini immigrati, ne parla ora un libro in uscita curato da Silvia Cuttin e Adriano Agrillo, che raccoglie storie, racconti e immagini ("I Giardini Margherita", edizioni Pendragon, 20 euro, presentazione oggi alle 18 al Baraccano in via Santo Stefano, 119).
Nato nel 1879 dopo una laboriosa operazione urbanistica molto dibattuta in Consiglio comunale iniziata nel 1862, i Giardini Margherita sono diventati anni dopo anni, il cuore verde della citt, al quale tutti hanno almeno un ricordo legato ad esso.
Gi dalle origini, lidea di un passeggio dedicato anche alle classi meno abbienti fu tenuta in considerazione dagli amministratori ed in effetti il parco successivamente diventato popolare e interclassista nella sua frequentazione. A progettarlo fu il conte Ernesto Balbo Bertone di Sambuy, che era allepoca soprintendente ai giardini pubblici di Torino e aveva appena completato il Parco del Valentino.
Il nome tenne duro anche negli anni della Repubblica Sociale, quando una norma emessa intimava le Amministrazioni di eliminare dalla toponomastica tutti i riferimenti alla Casa reale. Ma Margherita rest. Venne allora i giorni del dopoguerra, con i Giardini prima deposito e accampamento per le truppe alleate, poi luogo di divertimento per la citt che tornava a vivere.
Ci vennero pure Coppi e Bartali nel luglio del 1945 per una gara a circuito, il trofeo "Tempesta e Terremoto" dedicato a due partigiani bolognesi uccisi appena qualche mese prima. Si tennero l le prime feste dellUnit, le prime serate da ballo allaperto e tante vicende raccolte nel libro di Cuttin e Agrillo, soprattutto attraverso le voci e le memorie dei protagonisti: come la famiglia Manzoni, per lunghi anni la custode dei Giardini Margherita. E poi le gesta dei ragazzi di un tempo, i ricordi dei leoni che si susseguirono nella gabbia (tutti con il nome di Reno). Le giornate storiche: come quando Papa Giovanni Paolo II ci atterr con lelicottero nel 1988. E ancora le semifinali di Coppa Davis nel 1976, la nascita dei "playground" nel 1982.
Nella narrazione delle vicende si arriva quasi ai giorni nostri, raccontando ad esempio la vicenda che vide un vivace comitato di genitori e cittadini opporsi, dal 99, alla costruzione di una centralina Enel allinterno dei Giardini. Venne persino il Ministro Willer Bordon che garant che la cabina mai si sarebbe fatta. Poi si fece.



news

16-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news