LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CONSULENZE - Gara bis per il museo di Alessandria. Il costo sale da 1.500 a 40 mila euro
FRANCESCO MARGIOCCO
Il Secolo XIX, 25 maggio 2008

Assegnato un incarico a un esperto per l'allestimento della collezione civica. Ma sullo stesso argomento esisteva gi una relazione

GENOVA. L'ondata di austerit che minaccia di travolgere le amministrazioni locali - gi le spese, ridurre gli organici, tagliare le consulenze - sembra essersi dimenticata del Comune di Alessandria. Dove le consulenze non si tagliano, ma raddoppiano. Al punto che il Comune assegna con disinvoltura e super compenso un lavoro gi assegnato e portato a termine l'anno prima.
Natale 2007. Alla vigilia delle festivit compare nelle bacheche comunali un avviso pubblico della "Citt di Alessandria. Direzione Cultura e Turismo" con cui "Questo Ente, nella prospettiva della futura realizzazione del Museo Civico, rende noto che intende conferire un incarico professionale di studio ad un museologo di comprovata competenza... che, a seguito di attente valu-tazioni, pervenga alla stesura di una relazione scritta". L'incarico "sar conferito mediante procedura comparativa dei curricula presentati dagli aspiranti". Il compenso: "40.000,00 euro".
Passano pochi mesi e la commissione giudicatrice del concorso, effettuate "le operazioni di valutazione per la procedura comparativa in oggetto", si riunisce nelT'anno duemilaotto, add 15 del mese di gennaio" individuando "il curriculum presentato dal Prof. Alberto Cottino come quello pi idoneo".
La storia finirebbe qui, se non fosse per qualche dettaglio. La relazione sulla "futura realizzazione del Museo Civico" c'era gi. L'aveva scritta un anno prima un docente universitario, su incarico dell'allora giunta comunale di centro-sinistra e in cambio di un compenso meno roboante: 1.500 euro (lordi). La relazione era stata poi approvata dalla giunta di allora, che si era impegnata a metterla in pratica, a trasformare cio l'ex ospedale militare e l'ex chiesa di San Francesco in sedi per il museo. Ma la nuova giunta di centrodestra, eletta nel maggio 2007, l'ha messa in un cassetto. Preferendo rifare tutto da capo.
Il "Prof. Alberto Cottino", lo specialista chiamato a ridisegnare, per la seconda volta, l'assetto del futuro Museo
Civico di Alessandria, un uomo fortunato. L'incarico da 40.000 euro un bel traguardo per un semplice docente a contratto (cio a mille euro l'anno, se va bene) che non ha mai diretto un museo di Stato. Ha diretto, questo s, per nove anni, una collezione privata di arti decorative, il museo della Fondazione Accorsi di Torino, certamente con ottimi risultati. Sta di fatto per che da quel posto stato licenziato nel 2006 "perch non era un buon direttore", sostiene Giulio Ometto, il presidente della Fondazione Accorsi.
Mi sono iscritto al concorso di Alessandria dopo averne letto ravviso su Internet - spiega Cottino - e non sapevo che sul museo fosse gi stata scritta una relazione. Poi quella relazione l'ho letta e devo dire che non mi piaciuta. La mia sar molto pi articolata. Bene, ma 40.000 euro non le sembrano troppi? Beh, bisogna tener presente che non devo soltanto scrivere una relazione, ma dovr andare ad Alessandria diverse volte, partecipare alle riunioni, alle conferenze stampa. C' da ripensare l'intero percorso museale.
Secondo la commissione alessandrina che l'ha scelto, Cottino l'uomo giusto per "ripensare l'intero percorso museale", avendo gi diretto un museo, l'Accorsi, "di rilevanza nazionale". Nel suo curriculum vitae Cottino si autodefinisce "uno dei massimi esperti al mondo di natura morta italiana". Nel Museo Civico di Alessandria non c' quasi traccia di natura morta, ma non importa.
Al concorso che ha attribuito l'incarico al "Prof. Alberto Cottino" ha partecipato, quale concorrente, anche Fulvio Cervini, quarantatreenne professore di storia dell'arte medievale all'Universit di Firenze, ex funzionario alla Soprintendenza per il patrimonio storico e artistico del Piemonte, dove stato fra l'altro responsabile per la provincia di Alessandria. ed ex direttore dell Armeria reale di Torino, considerata una delle sei raccolte di armi e armature antiche pi importanti del mondo. Cervini anche l'autore della precedente relazione, quella da 1.500 euro lordi, sul Museo Civico. Ma la commissione giudicatrice, pur apprezzando T'ottima esperienza", la "rilevante attivit di docenza", e la "notevole quantit di studi" del "dott. (sic) Fulvio Cervini", gli ha preferito l"'ot-tima preparazione" e le "notevoli esperienze" del "Prof. Alberto Cottino".
Come abbiano fatto i commissari valutatori a valutare scientificamente i profili dei candidati, individuando quale pi idoneo quello del Prof. Cottino, un altro enigma. Il buon senso suggerisce che per scegliere "un museologo di comprovata esperienza e competenza mediante procedura comparativa" ci vorrebbe la presenza in commissione di almeno un direttore di
museo, un funzionario del Ministero per i beni e le attivit culturali o un docente universitario del settore. Lo dice anche la legge: la commissione giudicatrice deve essere composta "esclusivamente con esperti di provata competenza nelle materie di concorso".
Alessandria ha preferito fare da s. Per dare un nuovo assetto al Museo Civico, chiuso dagli anni '80 per mancanza di spazi, non si accontentata della relazione di un docente universitario, ex sovrintendente ai beni artistici di Alessandria ed ex direttore di museo. Ha preferito indire un concorso pubblico, con una commissione valutatrice presieduta dal "Dr. Romeo Dal Checco, Direttore della Direzione Cultura e Turismo" del Comune. Che prima di dirigere la direzione cultura, incarico che ricopre da un anno, era alla segreteria generale, dove si occupava di anagrafe e statistica. Quanto alle altre due componenti della commissione, nessuna ha mai avuto a che fare con la conservazione dei beni artistici. Raggiunto al telefono, Dal Checco si schermisce: Preferirei non parlare di questo argomento, e comunque non sono tenuto a parlarne.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news