LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Il mio ponte dei sospiri
Anna Detheridge, interv. a Santiago Catatrava
Il Sole 24 Ore 31/08/2008

E' stata realizzata a Venezia un`opera di architettura contemporanea di grande bellezza a firma di Santiago Calatrava, architetto e ingegnere spagnolo celebre per le sue costruzioni monumentali, finalmente portata a termine laddove quelle di altri protagonisti dell`architettura moderna quali Le Corbusier, Frank Lloyd Wright, Louis Kahn e Alvaro Siza sono rimaste per vari motivi allo stadio progettuale.
Tuttavia l`inaugurazione del nuovo ponte che si chiamer Ponte della Costituzione (l`occasione il6oesimo anniversario della Costituzione italiana) che collega la Stazione di Santa Lucia a piazzale Roma, fissata per il 18 settembre alla presenza del presidente della Repubblica non avr luogo. A causa di una incomprensibile escalation di polemiche e sospiri verr, invece, sostituita da una conferenza stampa, marted prossimo, presenti il sindaco Cacciari e lo stesso Calatrava.
Santiago Calatrava, valenciano, architetto e ingegnere, ha rivoluzionato il nostro modo di vedere le infrastrutture, tornando a esprimere attraverso l`innovazione tecnica non solo
il linguaggio del nostro tempo, ma una visione poetica. Ha al suo attivo circa 6o ponti monumentali in 17 Paesi diversi. Lo incontriamo nel suo studio a Zurigo. Racconta Calatrava.
Ho una grande gratitudine per la quantit di cose che ho imparato vedendo le citt italiane; Venezia una citt che ho frequentato molto ed stato un onore professionale aver potuto costruire un ponte su invito del sindaco Cacciari oltre dieci anni fa.
Dopo aver realizzato un progetto esposto allo spazio Olivetti in San Marco per un anno, dopo averlo presentato alla soprintendenza
e alle associazioni competenti, riceve l`incarico e si mette a lavorare secondo le indicazioni del committente: l`utilizzo del ponte, i profili da rispettare per la navigazione, eccetera. Nel settembre zooi sottomette l`elaborato finale al collaudo da prte della ditta ICMQ di Milano. Tra i nodi principali delle polemiche vi stato il problema dell`accesso per i diversamente abili, risolvibile, secondo il Comune, attraverso il vaporino ai piedi del ponte, valutazione in seguito riconosciuta dal sindaco stesso come errata.
Posizione che all`epoca ho trovato giustificabile - continua Calatrava - in quanto a Venezia le barriere architettoniche sono ovunque. In seguito all`infittirsi dei pareri, proposi di cambiare radicalmente il progetto, ma questo avrebbe obbligato i committenti a ricominciare daccapo l`iter delle approvazioni
durato diversi anni.
Ma le proteste non si placano e investono altre presunte colpe quali le lungaggini e l`aumento dei prezzi. Come tutti sanno, la Legge Merloni che impone come vincitrice l`impresa che fa il prezzo pi basso un provvedimento inadeguato per qualsiasi costruzione di qualit, una modalit penalizzante di fronte alla quale, secondo Calatrava, il committente avrebbe dovuto imporre una preselezione in base al curriculum e le comprovate capacit tecniche dell`appaltatore. La stima preventiva dello studio di Calatrava stata di 4.535.000 curo, oggi largamente sorpassata,
la cifra quotata dalla ditta appaltatrice vincente Cignoni stata di 4.074.906 euro, addirittura pi bassa del preventivo. La direzione lavori stata del Comune.
Sottolinea Calatrava: La mancata inaugurazione mi rattrista soprattutto per le maestranze locali che hanno lavorato con amore e cura eccezionale. Il ponte slanciato e discreto nella forma, ha una campata di 94metri, larga quasi sei alla base e poco meno di 10 al centro. Il raggio di curvatura larghissimo disegnato
in acciaio, gli scalini e pavimento sono di vetro e pietra d`Istria, la pietra bianca tipica di Venezia, i parapetti sono in vetro, il corrimano in bronzo. Di notte, viene illuminato da
piccole fonti di luce.
Le motivazioni latenti dietro le polemiche, le boutades ingenerose dei critici, i tempi lunghi delle approvazioni, appaiono nella migliore delle ipotesi una sorta di auto protezione
che la citt (in questo caso Venezia, ma rimane vero per tante citt italiane) oppone, una sorta di resistenza inconscia al cambiamento.
Eppure, come ha affermato Calatrava: in una citt d`arte enormemente sollecitata da milioni di persone si fanno continuamente delle opere. Come ha dichiarato anche Cacciari, la citt in continua trasformazione, cambia comunque veste, sotto la spinta di una pressione enorme, e del tessuto originario non rimane quasi nulla.
Le cose si capiscono meglio dai dettagli, e Calatrava si dimostrauomo del suo tempo nella scelta, per esempio, dell`arco ribassato rispetto a quello di tutti gli altri ponti di Venezia.
Il raggio di curvatura larga rappresenta l`epoca contemporanea, realizzabile da quando sono disponibili certi ma teriali. Molta innovazione e integrazione di elementi passa anche dal colore e dai materiali. Se si guarda il lavoro nel centro storico di architetti quali Albini o Scarpa che hanno con cura enorme trasgredito il vocabolario moderno, realizzando lavori di una grande preziosit quale , per esempio, il Querini Stampalia. Se si osserva un`opera di Bellini su un cavalletto disegnato da Scarpa con i mezzi che avevano, lavorando con artigiani quali Morselletto e altri, quegli oggetti fanno parte di un insieme metafisico. Mi commuove sempre il profondo amore che trascende i
linguaggi. Venezia come tante altre citt, ha subito violenze quali quelle imposte da Napoleone che cala sulla citt come unabestia, ordinando la chiusura del terzo lato di Piazza San Marco copiando la loggia sansoviniana, intervenendo brutalmente dentro la sacralit del luogo, ma anche questo stato assorbito dalla trama della citt che ha una grande capacit di integrare
tutto, e oggi non lo nota pi nessuno.



news

22-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news