LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le battaglie siciliane di Bassani ambientalista
SILVESTRO LIVOLSI
la Repubblica 31/08/2008

GIORGIO Bassani, lautore del "Giardino dei Finzi Contini", stato anche un agguerrito ambientalista: tra i fondatori di Italia Nostra, ha ricoperto la carica di presidente dellAssociazione, dal 1965 al 1980, sostenendo personalmente numerose battaglie ecologiste: parecchie delle quali, soprattutto negli anni Settanta, in Sicilia, dove venne spesso, in anni diversi e per diverse occasioni.
Nel 1970 il jaccuse sul cemento "a ridosso di abitati meravigliosi come Cefal e Patti"
La contestazione subita a Palermo dai politici locali e il Caravaggio in un deposito
Dallautostrada per Messina alla raffineria vicino Erice: le battaglie nellIsola sostenute dallautore de "Il giardino dei Finzi Contini"
A documentare limpegno di Bassani in difesa del patrimonio artistico e naturale dellItalia, il volume LItalia da salvare; una raccolta degli "scritti civili e di battaglie ambientali" dello scrittore ferrarese, curata dalla figlia Paola, e pubblicata da Einaudi nel 2005 (peraltro, con una foto di copertina che ritrae lautore davanti al tempio di Selinunte, nel 72).
Lattenzione di Bassani per la Sicilia si evince gi da un intervento del 1970, quando, esaminando i maggiori problemi del territorio italiano, inveisce contro quello che sta accadendo lungo la costa settentrionale dellisola, cio la scriteriata realizzazione di un lungo tratto autostradale: Che bisogno cera che lautostrada che congiunger Messina a Palermo fosse tracciata senza tenere il minimo conto dello straordinario valore paesistico dei luoghi che dovr attraversare? Sar costruita, come pare, a ridosso dei meravigliosi, ancora in gran parte indenni abitati che si chiamano Cefal, Milazzo, Patti, Capo dOrlando. Col risultato che a unaltra parte della costa italiana toccher la stessa sorte che gi toccata, nei decenni scorsi, a quella napoletana, a quella romagnola, a quella ferrarese. A poco serviranno le parole di Bassani. Ciononostante, nello stesso tempo e sempre in Sicilia, Italia Nostra, guidata dallo scrittore, lanciava una campagna di sensibilizzazione sul problema della creazione dei Parchi per tutelare le aree naturalistiche di interesse nazionale, proponendone uno da istituire nel territorio di Taormina (sembrerebbe ovvio che le pendici di Taormina fossero protette: la loro stessa bellezza le sottrae, con autorit, a qualunque pensiero speculativo. Ebbene no! Siamo andati sul posto e abbiamo dovuto sentire i discorsi del sindaco il quale ci ha sottoposto i conti del Comune; e allora il colle di Taormina, che di un patrimonio di valore veramente nazionale e internazionale, solo perch attira il turismo pi qualificato di ogni paese, dovrebbe servire a far raggiungere la parit al bilancio del Comune) e riusciva a far riconvertire un progetto di raffineria da costruire vicino a Erice.
Ma quella fondamentale e utilmente proficua fu la battaglia che Bassani condusse per ladeguamento del Museo regionale di Messina. Nel 1972 si rivolse con una lettera a Paolo Emilio Taviani, allora ministro per il Mezzogiorno, scrivendogli: Da tempo Italia Nostra denuncia che il patrimonio storico artistico della Sicilia in uno stato di abbandono ormai intollerabile e tale da far s che ogni giorno una parte di esso vada irrimediabilmente perduta. Tra le testimonianze di questa situazione vi lassurda vicenda del museo di Messina il cui patrimonio, che di grandissimo valore, giace nel mezzo di un prato da oltre sessantanni senza che si sia riusciti ad ottenere per esso una degna sistemazione.
Lanno dopo, Bassani si rec direttamente nella citt, per constatare personalmente lo stato del museo, trovandovi peraltro, tra tante preziose opere darte, due tele di Caravaggio, una delle quali gli susciter un piacevole e profondo interesse: Non ero mai stato a Messina e non conoscevo naturalmente, ovviamente, neanche il museo di Messina e non sapevo - come molti italiani, del resto - che il museo di Messina ospita un quadro, anzi due quadri di Caravaggio. Sono venuto qui per vedere Antonello da Messina e mi sono trovato improvvisamente di fronte a questo quadro, La resurrezione di Lazzaro, che non conoscevo. Limpressione che ne ebbi fu straordinaria, folgorante. Il quadro appartiene allo stesso periodo della vicina Adorazione dei pastori; ma questo mi attrasse in modo particolare. Ne distinsi immediatamente, entrai in un rapporto simpatico, profondo, non soltanto col soggetto del quadro che parla di vita e di morte ma proprio col linguaggio, lesecuzione stessa del quadro.
Ad interessarlo proprio il tema de La resurrezione di Lazzaro, la sua "ideologia", il modo in cui Caravaggio mostra il rapporto tra luce e ombra, vita e morte attraverso le due figure di Cristo e Lazzaro, dipingendo Lazzaro che va verso la luce e la vita con passo dubbioso, quasi restio ad abbandonare loblio e la morte. Cosicch il messaggio della tela, dipinta da Caravaggio nel 1609, secondo Bassani era da accostare al dilemma amletico del famoso dramma che Shakespeare componeva nello stesso periodo. Ripercorrendo, infine, la sua visita alla citt dello stretto, Bassani concludeva: La Messina che Caravaggio conosceva non , ovviamente, la Messina di adesso. Fra la Messina che lui conobbe e quella di adesso si aperto un baratro, uno iato traumatico che ancora i messinesi ricordano vivissimamente, e gli italiani tutti. Il famigerato terremoto del 1908, che distrusse, in pratica, lintera citt. Tuttavia, la Messina di Caravaggio esiste ancora, sia pure ridotta a una specie di spettro, di larva. Eccola qua, in un deposito allaperto annesso al capannone in muratura, costruito subito dopo il terremoto, che ospita i capolavori immortali di Caravaggio insieme poi a molte altre testimonianze della pittura siciliana del Sei e del Settecento.
Parole dure, che denunciavano una mancanza di attenzione verso la custodia e la valorizzazione dei beni culturali nellisola e che hanno avuto un peso notevole, contribuiranno a far iniziare finalmente, alla fine degli anni Settanta, i lavori per rendere il museo messinese conforme ai criteri di moderna e razionale fruibilit delle opere possedute.
Sempre nel 1973, Bassani, si adopera in favore della salvaguardia delle isole Eolie, vessate da una pericolosa e avanzante speculazione edilizia che sta compromettendo fortemente paesaggio e coste delle isole, proponendo listituzione di un Parco naturale delle isole Eolie, per poter cos tutelare il territorio e il mare. Trova per unincomprensibile resistenza nelle istituzioni locali e nellatteggiamento della gente del posto. Relazionando, nello stesso anno, ad un corso residenziale di Italia Nostra a Ravenna, racconta i suoi giorni travagliati nelle isole, dove stato vittima di una feroce contestazione: Spesso, troppo spesso, il dovere ci chiama in citt dove abbiamo la sgradevole sensazione di essere capitati in territorio nemico. Ricordo manifestazioni (per esempio a Palermo) dove cera francamente da aver paura. Eravamo evidentemente considerati, dagli amministratori locali - grandi amici, costoro, di noti speculatori edilizi cittadini - come dei veri e propri nemici pubblici, rappresentanti, in terra cristiana, degli interessi del demonio. Ultimamente mi capitato di fare un semplice sopralluogo, come libero rappresentante della cultura, alle isole Eolie. Non cero mai stato, volevo rendermi conto. Ebbene, non appena sbarcato a Panarea fui aggredito, la parola, da qualche centinaio di indigeni, decisi, come gridavano, a buttarmi a mare. Ridicolo, grottesco, spettacolo! La gente berciava: "le isole Eolie agli eoliani!" Proprio come se le isole Eolie appartenessero soltanto a loro, e non, ovviamente, a tutti gli italiani.
Era una Sicilia da salvare quella che Bassani visitava e andava conoscendo in quegli anni Settanta di cementificazioni selvagge e affaristiche che deturpavano citt e campagne, dove le iene avevano prepotentemente e abbondantemente preso il posto dei gattopardi.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news