LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scavi di Pompei, l'ira di Bondi
Roma 28/8/2008

ROMA. Pompei, che una delle aree archeologiche pi importanti del mondo, stata lasciata in condizioni indescrivibili. L'immagine dell'Italia che ne ricavavano i turisti era straziante: lo dice il ministro dei Beni culturali Sandro Bondi in un'intervista a "Libero", a pi di un mese dalla sua visita nell'area con il nuovo commissario Renato Profili. E promette: In poco tempo l'area sar riportata in condizioni di piena efficienza. Pompei non sta crollando, anzi negli ultimi 15 anni migliorata nonostante l'insufficienza dei fondi: cos ventisei tra i massimi esperti mondiali di archeologia, docenti di Universit europee e americane, replicano, con una lettera, al ministro Bondi, chiedendo nuovi investimenti per l'area archeologica.
Al pari dell'emergenza rifiuti, fare degli scavi di Pompei un luogo dove misurare l'efficienza e la credibilit delle istituzioni, continuer a essere una delle priorit del governo Berlusconi, afferma inoltre il sottosegretario all'Economia, Nicola Cosentino, che ieri mattina, nel corso di una visita al complesso archeologico, ha incontrato il prefetto Renato Profili, dallo scorso 11 luglio commissario straordinario agli Scavi.
Il prefetto Profili - spiega il sottosegretario - mi ha messo al corrente dei progressi fatti sul piano della sicurezza e della lotta al degrado. Sono convinto che in tempi assai brevi gli scavi di Pompei torneranno a ricoprire un ruolo importante nell'economia della Campania, e dell'area Costiera e Vesuviana, in particolare.
Ma per poter tenere testa al programma che s' dato il ministro per i Beni e le Attivit culturali, e con lui l'intero esecutivo, necessario non abbassare la guardia, in presenza dei primi successi. Cominciando con l'assicurarsi - conclude Cosentino - che efficienza e legalit all'interno della cittadella archeologica non restino un fatto episodico, bens una costante sulla quale fare affidamento 365 giorni l'anno.
Intanto, mentre Catania e Palermo sono state tra le prime quattro mete preferite dagli italiani per le vacanze estive di quest'anno, Napoli risulta essere soltanto 11esima in graduatoria. A renderlo noto la societ Expedia, attiva nel settore del turismo e dei viaggi on line. Il bilancio, stilato dall'Osservatorio Travel Trendwatch sulla base dei dati relativi alle prenotazioni sul portale Expedia.it, vede primeggiare New York, soprattutto grazie ad un calo dei prezzi del biglietto legato alla svalutazione del dollaro. Secondo posto per Parigi, che vanta la qualifica di citt europea pi amata dagli italiani per le vacanze estive. Al terzo e al quarto posto invece sono le vacanze made in Italy, con Catania e Palermo come destinazioni pi gettonate. Seguono Londra, Barcellona, Lisbona Madrid e Los Angeles. Per ritrovare un'altra citt italiana bisogna slittare al decimo posto con Cagliari, all'11 esimo con Napoli o al 16esimo con Lameza Terme. Secondo l'Osservatorio le tendenze della prossima stagione confermeranno le citt statunitensi e le mete Baleari della zona mediterranea, dove alle Canarie e all'Egitto, si aggiungeranno destinazioni pi insolite, come le isole di Porto Santo nell'arcipelago di Madeira, l'isola di Gozo vicino a quella di Malta, Sfromboli in Sicilia e l'isola greca di Poros.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news