LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Lhangar salvo diventer parco
ROSSELLA LEONFORTE
MERCOLED, 27 AGOSTO 2008 LA REPUBBLICA - Palermo

La struttura costruita ad Augusta a inizio Novecento in cemento armato lunico reperto del genere rimasto al mondo, ormai testimonianza di una grande stagione dellingegneria.

Dopo tanti anni di abbandono limponente monumento stato messo in sicurezza e quanto prima sar restaurato.

Tra le ipotesi la realizzazione di un porticciolo turistico e lallestimento di spazi per mostre, incontri, spettacoli e appuntamenti sportivi



ossente e maestoso come un tempio greco, da quasi un secolo sovrasta la citt da unaltura: lhangar di Augusta, un interessante esempio dingegneria dinizio 900 e, a quanto pare, unico esemplare rimasto al mondo di hangar per dirigibili costruito in cemento armato. Un monumento straordinario che nel tempo ha ricevuto grandi apprezzamenti soprattutto a livello internazionale, ma che per decenni stato lasciato in stato di totale abbandono, nelle mani dei vandali. Per fortuna la situazione sta cambiando: alla fine dello scorso anno, infatti, sono stati avviati i lavori di messa in sicurezza, prodromo al restauro dellhangar con la sua grande porta a soffietto, tutta in ferro, un vero capolavoro dingegneria per dimensioni e tecnica di costruzione. Recentemente, inoltre, stato affidato lappalto per la progettazione del Parco del Mediterraneo, che prevede la risistemazione dellarea circostante dove sono stati ritrovati fra le sterpaglie una stele commemorativa e un anello di ancoraggio per dirigibili.
Comincia cos a prendere forma un sogno, allinizio accarezzato soltanto da pochi, primo fra tutti lingegner Tullio Marcon, memoria storica della marina militare ad Augusta, che ha dedicato gli ultimi anni della vita a cercare di convincere gli organi competenti ad occuparsi di un bene cos unico. Autore di diversi libri sulla storia militare di Augusta nelle diverse epoche, stato anche il fondatore del Museo della piazzaforte, ospitato presso il castello Svevo, attualmente chiuso per restauri, dove erano esposti cimeli di varie epoche da lui stesso raccolti.
Leredit morale dellingegner Marcon stata idealmente raccolta dallassociazione "Hangar Team Augusta", che continua a battersi per la salvaguardia e la riqualificazione del sito. Sebbene in stato di abbandono, nel 1987 lhangar stato dichiarato opera di alto interesse storico-monumentale dallassessorato regionale ai Beni culturali e attualmente in corso liter per inserirlo fra i beni tutelati dallUnesco. In questi anni, comunque, non sono mancati i riconoscimenti come nel 1989 a Londra in occasione di una mostra e di un convegno internazionale, Housing the Airship, sullepopea dei dirigibili e degli hangar. Leccezionalit della costruzione ha attratto perfino linteresse di un gruppo di studiosi dellUniversit giapponese di Nagoya, specializzati nel recupero di strutture in cemento, che tornano frequentemente ad Augusta per studiare lhangar nei minimi particolari. Lultima visita risale allo scorso luglio. Un riconoscimento che riempie dorgoglio i volontari di "Hangar Team Augusta" che aspirano ad ottenere laffidamento del parco. Fondatore e anima dellassociazione Gianni DAnna, da oltre un decennio promotore di numerose iniziative. Attraverso lassociazione non ha mai perduto occasione per portare avanti la sua battaglia, divulgando informazioni per sensibilizzare lopinione pubblica e richiamare lattenzione degli organi competenti.
Allinizio - ricorda - io e i pochi amici che mi seguivano eravamo chiamati "gli scemi dellhangar" e nessuno credeva che quel rudere potesse avere un futuro. Poco per volta invece abbiamo sconfitto le resistenze e superato gli ostacoli burocratici facendo apprezzare lhangar in Italia e allestero.
La costruzione delledificio, che ha dimensioni imponenti con i suoi 105 metri di lunghezza, 45 di larghezza e ben 37 di altezza, fu iniziata durante la prima guerra mondiale per la difesa aerea della zona strategica al centro del Mediterraneo, ma fu ultimata solo dopo la fine del conflitto. Nel 1920, comunque, lhangar faceva parte di unarticolata area militare che comprendeva caserme, cucine, officine e abitazioni per ufficiali e sottufficiali e fino al 1925, quando ricevette la visita di Vittorio Emanuele III, ospitava regolarmente dirigibili. Poi, negli anni successivi, perse la sua funzione, pur continuando a essere parte predominante del complesso progressivamente ampliato con la costruzione di un idroscalo nello specchio dacqua sottostante e di vari capannoni adibiti a officine e magazzini.
Durante la seconda guerra mondiale tutta larea fu al centro di violente battaglie ma, forse non a caso, le strutture militari, la rada e lantistante castello federiciano furono risparmiati. Infatti, finita la guerra, il complesso fu utilizzato come base dalla Boac (British overseas airways corporation), lallora compagnia aerea statale britannica. Successivamente, per tutti gli anni 50, larea continu a vivere come base militare e lhangar fu trasformato per accogliere gli alloggi e i circoli degli ufficiali e dei sottufficiali dellaviazione.
Aveva perso da tempo la sua funzione, i dirigibili erano relegati ad un passato alquanto remoto, ma lhangar e tutto quello che gli stava intorno erano ancora vivi, ricorda con commozione Alberto Amata, uno dei fondatori dellHangar team che, da figlio di un sottufficiale dellaviazione, cresciuto in una abitazione proprio a ridosso dellhangar. Poi, con la caduta dellinteresse dal punto di vista militare, segu labbandono ed il lento e inesorabile declino.
Appena pi giovane di altri miracoli dellingegneria quali la Torre Eiffel e del Tower Bridge, il ponte pi famoso di Londra di cui, orgogliosamente, sono ancora tenuti in bella mostra i motori per azionare il ponte levatoio, lhangar non ha avuto altrettanta fortuna: infatti i poderosi motori che azionavano le sue immense porte a soffietto sono stati smontati intorno agli anni Sessanta e caricati su un camion dellamministrazione militare per essere portati a Siracusa e da allora se ne sono perse le tracce. E le stesse porte fino a poco tempo fa hanno corso il rischio di essere dismesse.
Ormai comunque lhangar non pare correre grandi rischi poich il Comune ha ottenuto laffidamento dellarea e tutti i segnali sembrano prometterne la rivalutazione. Aperti restano invece gli interrogativi su tutta larea circostante. C, infatti, chi crede ancora nella vocazione industriale di Augusta e chi, al contrario, pensa che lo sviluppo industriale sia stato uno specchietto per le allodole che ha creato numerosi danni ambientali e auspica maggiore attenzione per lingente patrimonio culturale. Questi ultimi vorrebbero vedere rivalutata tutta larea circostante, anche oltre il parco. E, in realt, la zona gode di un fascino straordinario. La collina sulla quale si erge lhangar d proprio sul mare, sulla rada Megarese. Qui c chi pensa di realizzare un porto container e chi invece preferirebbe spingere la leva dello sviluppo turistico.
"Lidea - dice Gianni DAnna - sarebbe di realizzare un porticciolo turistico, a basso impatto ambientale, con pontili in legno, pronti ad ospitare le imbarcazioni dei visitatori che, attraverso un percorso pedonale di circa 500 metri, potrebbero raggiungere lhangar e vedere dallalto la rada col castello Svevo, la rimessa per gli idrovolanti e i forti spagnoli Garsia e Vittoria che fanno da sfondo. Inoltre, per i due forti, anche questi attualmente in restauro, lidea sarebbe di utilizzarli, luno come centro congressi e laltro come scuola di vela.
Naturalmente la rada dovrebbe essere ripulita dai relitti che la ingombrano, ma anche in questo caso un occhio di riguardo andrebbe riservato a un rimorchiatore dei primissimi anni del secolo scorso e a due dragamine in legno risalenti alla seconda guerra mondiale, attualmente in stato di totale abbandono, mentre meriterebbero sicuramente miglior sorte. E continuando sulla strada dei progetti, c chi pensa allhangar e al parco del Mediterraneo come luoghi ideali per ospitare mostre ed esposizioni e, perch no, anche concerti, spettacoli o appuntamenti sportivi. Le possibilit non mancano, compreso quella di far tornare i dirigibili. E in verit un paio di anni fa un dirigibile ricomparso. Era un dirigibile della Skycruise, una delle pi importanti compagnie internazionali di voli con dirigibile che ha manifestato il suo interesse a utilizzare lhangar e lo spazio antistante.



news

25-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news