LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - In vendita alla Noce i capannoni Gul larea sotto tutela dei Beni culturali
a.fras.
MERCOLED, 27 AGOSTO 2008 LA REPUBBLICA - Palermo

Le immobiliari: appetibili se cambia la destinazione duso.

La struttura potrebbe essere trasformata in un centro commerciale

I capannoni della storica azienda tessile Gul sono in vendita. Lazienda, entrata in crisi alla fine del 2006, cede definitivamente anche lultimo patrimonio storico, i capannoni di via Noce dove lepopea familiare ha preso il via alla fine dellOttocento ai tempi dei Florio. La vasta area da 5 mila metri quadrati, assieme al grande capannone a campata unica, gi sul mercato e varie agenzie immobiliari stanno cercando di vendere limmobile a grosse societ del settore.
Un compito non facile, visto che per riqualificare larea e il capannone occorrono investimenti che oscillano tra i 20 e i 30 milioni di euro, e quindi solo linteressamento di una grande societ immobiliare potrebbe portare a buon fine la vendita. Il tutto per rimettere in piedi la struttura, una volta cuore pulsante del tessile palermitano, da anni ormai abbandonata. Ma per fare rivivere larea occorre superare molti ostali burocratici. A partire dai vincoli nel piano regolatore (che destina la zona a scopo industriale), e da quelli della soprintendenza, che tutela la zona come centro storico e che non conceder alcuna modifica alla struttura portante dei capannoni, considerata dinteresse storico e industriale, e quindi non abbattibile.
Rimane cos incerto il futuro dellimmobile e dei cinquemila metri quadrati che lo circondano. Al momento, il capannone potrebbe essere destinato a centro commerciale, oppure a centro culturale, come avvenuto con i cantieri della Zisa. Sono queste le ipotesi pi probabili di utilizzo dellarea. Anche se rimane in piedi lopzione pi difficile, visto il lungo iter urbanistico e burocratico: quella di trasformare il capannone in abitazioni, realizzando mini appartamenti e loft allinterno della struttura.
Lunico modo per rendere davvero appetibile limmobile al mercato quella di fargli cambiare completamente destinazione duso, ma difficile riuscire ad avere lok da tutti gli enti coinvolti, Comune e soprintendenza in testa, dicono da unagenzia immobiliare che si occupata della vendita dei capannoni.
Di certo c che la soprintendenza ai Beni culturali ha gi avviato un dialogo con alcune agenzie immobiliari, tra le quali la Carlino Immobiliare, interessate a fare da mediatori. Non abbiamo ricevuto ancora alcuna proposta definitiva di progetto per quanto riguarda i capannoni Gul - dicono dalla soprintendenza - Comunque sappiamo che sono in corso delle operazioni immobiliari, siamo pronti a discutere nel merito qualsiasi iniziativa che punti a riqualificare la struttura.
Il capannone di via Noce potrebbe quindi cambiare presto proprietario, anche se negli anni scorsi pi volte stato tentato dagli stessi Gul di vendere la struttura, ma senza successo. Da tempo i capannoni della Noce sono in disuso, avendo lazienda trasferito tutta lattivit nello stabilimento di Carini. Anche questo messo in vendita dal liquidatore dopo il crac del 2006, con la concorrenza cinese che ha schiacciato lo storico marchio palermitano, facendo andare a casa 40 operai qualificati: Abbiamo gi contatti avviati con alcuni grandi gruppi per vendere la struttura industriale di Carini, speriamo, a breve, di chiudere come abbiamo gi fatto con i macchinari, dice il liquidatore Franco Rocca.
La messa in vendita del capannone industriale nel quartiere Noce lultima tappa dello smantellamento del marchio storico Gul, 120 anni di attivit nel settore del tessile e della produzione, in particolare del damascato. Nessuno, da settembre 2006, quando la famiglia ha messo in liquidazione limpresa, fino a oggi ha presentato un piano concreto per rilevare lattivit. Anzi, nei mesi scorsi sono stati ceduti definitivamente i macchinari, di alto livello, ad aziende tessili di Nuova Delhi e del Pakistan, per circa un milione di euro. Fallita invece la trattativa con la cordata egiziana, guidata dal vice presidente degli industriali dEgitto, Abdel El Sayed, che in un primo momento sembrava interessato a riaprire lattivit a Carini. Un progetto, quello degli egiziani, che poteva far rientrare al lavoro i 40 operai specializzati, rimasti tutti in cassa integrazione.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news