LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il suolo della patria
Emiliani, Vittorio
L'Unit, 21 agosto 2008



Le iniziative bipartisan di Amato e Bassanini hanno un curioso precedente nella distrazione degli oneri di urbanizzazione.

In un lunghissimo intervento su queste colonne Franco Bassanini, pi volte ministro nei governi di centrosinistra, ha invitato quanti hanno a cuore le sorti del Paese a non tirarsi indietro, ma a dare un contributo bipartisan come lui sta dando in Francia nella commissione Attali creata da Sarkozy alle riforme.

Sempre che ve ne siano le condizioni, naturalmente. Per quanto riguarda la commissione voluta a Roma dal sindaco di destra Gianni Alemanno e presieduta da Giuliano Amato si fanno gi nomi di persone alle quali stato offerto di essere pensosi dei destini della patria comune. Stando al Corriere della Sera di ieri, si va dalleconomista Innocenzo Cipolletta allo scrittore dei lucchetti dellamore Federico Moccia, dai registi Gabriele Cuccino e Franco Zeffirelli a Pier Luigi Celli ex direttore generale della Rai, ora alla Luiss, e ad altri ancora (per ora non si hanno notizie di candidate al femminile).

Il selezionatore il presidente dellEurispes, Gian Mario Fara il quale secondo il giornale terr gran conto dei suggerimenti dello stesso Amato. Vedremo come evolver la singolare vicenda che, al momento, sembra soprattutto coprire il vuoto pneumatico dei programmi di un centrodestra arrivato in Campidoglio senza una strategia politico-amministrativa minimamente adeguata. Uno degli assessori di punta, Fabrizio Ghera (ai Lavori pubblici e, nientemeno, alle Periferie) noto per non aver mai aperto bocca, da oppositore, nellAula Giulio Cesare. Il suo primo discorso atteso come un evento epocale.

In questi stessi giorni il ministro e leader leghista Umberto Bossi si accorto che il governo nel quale autorevolmente siede aveva abolito lIci e quindi tolto ai Comuni una entrata che possedeva una sua sostanza federale. Poi ha detto (questa una regola berlusconiana assoluta) di essere stato frainteso e che il collega Calderoli sta lavorando ad una unificazione delle tasse sulla casa in modo da sostituire il gettito perduto delIci. In realt Calderoli sta utilizzando una proposta venuta dallAssociazione Nazionale Comuni Italiani (Anci), presieduta da Leonardo Domenici, sindaco di Firenze, con la quale ragionevolmente si chiedeva, e si chiede, che venga scorporata e assegnata ai Comuni quale imposta sostitutiva dellIci la quota di Irpef che riguarda la parte immobiliare e che, secondo il Sole 24 Ore frutterebbe circa 4 miliardi di euro lanno. Questo per dare allAnci quello che dellAnci, visto che il Pd sembra come assente nella comunicazione positiva.

Per turare le falle di bilancio aperte dai sempre minori trasferimenti statali i Comuni hanno per utilizzato a tutto spiano in questi ultimi sette anni, a partire dal 2001, un altro acceleratore oltre allIci: quello degli oneri di urbanizzazione pagati dai costruttori di nuove case, capannoni, ville, lottizzazioni, ecc..

Attenzione per : la legge n. 10, firmata dal ministro socialdemocratico [per la precisione, era repubblicano, del PRI di Ugo La Malfa - ndr] Piero Bucalossi (ahi, quanto rimpianto) nel 1977, prescriveva che quegli introiti andassero a far parte di un conto corrente vincolato presso le Tesorerie dei Comuni e che potessero essere destinati unicamente alla realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria (cio luce, gas, fognature, verde pubblico, e poi asili, scuole di vari ordine, cc. n.d.r.), al risanamento di complessi edilizi compresi nei centri storici, nonch alla acquisizione delle aree da espropriare per la realizzazione dei programmi pluriennali. Legge saggia e illuminata.

Malauguratamente, nel 2001 secondo la ricostruzione di alcuni esperti (come Sergio Brenna e Lodo Meneghetti) riportata nel meritorio sito di Edoardo Salzano eddyburg.it lallora ministro della Funzione pubblica, Franco Bassanini omise di riportare nel Testo Unico sulledilizia n. 380 quellarticolo 12 della legge Bucalossi e divenne dunque possibile per i Comuni destinare a spesa corrente (e non pi soltanto a spesa di investimento) gli introiti degli oneri di urbanizzazione.

Quando le Tesorerie comunali posero il quesito, nel 2004, al berlusconiano ministro Tremonti, questi fu ben lieto di rispondere, novello La Palisse, che se una norma non pi citata, evidentemente non vige pi.

E quindi nelle varie leggi finanziarie si diede ai Comuni libert di spingere sul pedale delledilizia comunque e dovunque lo si vede a occhio nudo girando lItalia pur di tirar su quegli euro che da Roma non arrivavano pi e rabberciare cos i bilanci.

Di pi: nelle regioni come la bella Toscana dove la Regione ha sub-delegato i Comuni a tutelare il paesaggio, gli Enti locali si trovarono in una mano lacceleratore del cemento & asfalto e nellaltra la difesa del paesaggio scegliendo molto spesso (come non capirli?) la prima soluzione. Mi dicono tuttavia che i primi segni di preoccupazione e di resipiscenza stanno affiorando, che in un recente convegno tenuto a Longiano (Forl-Cesena) da Italia Nostra regionale alcuni sindaci abbiano espresso serio allarme per il dilagare del cemento speculativo, mentre mancano alloggi economici. Ma siamo ai primi segnali.

Lultimo governo Prodi come ho potuto liberamente scrivere su questo giornale alcuni mesi fa ha proseguito sulla strada sbagliata inaugurata dal governo Amato (se non sbaglio) nel 2001 prorogando anzi fino al 2010 quella norma bestiale, come lhanno definita Brenna, Meneghetti e Salzano, la quale concorre poderosamente a massacrare il Belpaese. Norma che va benissimo a Silvio Berlusconi, nato immobiliarista e teorico della filosofia ciascuno padrone a casa sua che ha sfasciato lidea stessa di interesse generale o collettivo (orrore) in nome dei mille e mille interessi privati e di clan.

Questo mi tornato in mente pensando ai destini della Patria e vedendo poche sere fa su TV5Europe il servizio sul referendum proposto dai Verdi della Suisse Romande i quali proponevano una moratoria delle costruzioni essendoci troppo consumo di suolo agricolo o comunque libero. Problema assai pi drammatico in Italia. Che per anche il solo Paese a differenza di Gran Bretagna o Germania, per esempio dove non esiste alcuna legge in proposito e dove nemmeno se ne osa discutere, essendo troppo pensosi degli interessi privati e/o corporativi e assai poco di quelli pubblici. Per la commissione Amato attendiamo altri nomi e altre disponibilit di massima. Ricordate cosa disse il sempre acuminato Rino Formica a proposito dellAssemblea Nazionale del Psi voluta da Bettino Craxi a Verona?




news

21-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news