LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TUTELA DEL PAESAGGIO - La cultura perduta del paesaggio un danno per turismo e beni storici
GIORGIO BERTONE*
Il Secolo XIX 11/08/2008

Di solito, per semplificare un discorso economico generale, si dice: se l`Italia non fosse nella Ue, starebbe come l`Argentina. Semplificazione per semplificazione: se l`Italia non avesse avuto la tradizione del Rinascimento sarebbe tutta come la periferia di Beirut.
Per dire che i beni artistici (palazzi, statue, templi, strade, quadri,etc...) di una delle pi grandi espressioni culturali dell`umanit non sono disgiunti dal paesaggio contemporaneo. In particolare: i paesaggi di Antonello, Piero, Bellini dai paesaggi
reali. Che , tra l`altro ci che volevano ritrovare i visitatori al tempo del Grand Tour e cercano di trovare quelli del tempo dell` inclusive tour. Spesso, invece, anche nelle lamentele sul degrado, si disgiungono i due momenti.
Sapientemente l`art.9 della Costituzione gi stabiliva l`interconnessione stretta tra beni storico-artistici e beni paesaggistici: La Repubblica tutela il paesaggio e il patrimonio storico-artistico della nazione. La Repubblica, cio lo Stato repubblicano, innanzitutto. Non gli Enti locali. La storia successiva , al contrario, storia di progressive deleghe e decentramenti e di ambiguit semantiche: che cosa vuol dire "ambiente", "Beni ambientali", "territorio"? Poi si tornati a "paesaggio", perch molto trendy, ma sostanzialmente riducendolo a "territorio", privo di storia.
Un freno alla disastrosa politica locale lo ha messo il Codice dei beni culturali e paesaggistici, voluto da Francesco Rutelli e approntato da Salvatore Settis, attuale presidente del Consiglio superiore dei beni culturali, avversato e contrastato ma sempre resistente e combattente nel degno solco di una altissima tradizione: Benedetto Croce (1922: prima legge sulla tutela del paesaggio, non a caso promossa da un filosofo e storico), Giuseppe
Galasso con la benedicenda legge che porta il suo nome (1985).
E un Codice che tenta di ridare forza alle demoralizzate e indebolite Soprintendenze: abbiamo bisogno di crociati e maratoneti dentro il paesaggio, non di funzionari sedentari e burocratizzati che mettono il visto a ci che scodella l`Ente locale. Nel chiederci per cos` in fondo il paesaggio, solo
gli artisti ci possono soccorrere. Non ultimo il poeta Andrea Zanzotto: Il paesaggio trovarsi di fronte a una grande offerta, a un immenso donativo, che corrisponde all`ampiezza dell`orizzonte. E come il respiro stesso della psiche, che imploderebbe in se stessa se non avesse questo riscontro.
Alle fascinose definizioni fa da contraltare un`aritmetica imbarazzante. Dal 1990 al 2005 il suolo libero consumato in Italia stato in media del 17,06%. In Valle D`Aosta il 9,31; in Liguria il 45,55%, primissima nella penisola, seguita a distanza dalla Calabria col 26%. Sempre nel 1950 il suolo libero era di 30 milioni di ettari, nel 2005 di 18 milioni. Ne sono stati persi dunque 12 milioni (l`intero Nord Italia ne misura llmilioni e 900
mila). E dal calcolo esclusa l`edilizia abusiva: fino al 10% nel Sud. Finora sono stati censiti due milioni di fabbricati, che non risultano al catasto, del tutto abusivi (fonte: "Agenzia del territorio": Il Sole 24 ore del 21,1.2008). Basta leggere "Gomorra" per capire che l`edilizia il pi grande business della mafia. S, vero, molti partiti del cemento, legali e no, trasversali, ma non simmetricamente, hanno determinato la storia materiale dell`Italia nel dopoguerra, specie nelle fasi di crisi
generale: il cemento costa poco, non comporta molta creativit, invenzioni, brevetti, ricerche, rischi. Rende subito. Maledettamente subito.
Intanto le Alpi, che occupano intorno ai 190 mila chilometri quadrati, hanno subito 87 mila chilometri di strade di montagna, tremila impianti di risalita, 10.000 chilometri di piste e una speculazione edilizia di edifici orrendi che ha fatto delle stazioni invernali le periferie di metropoli gi brutte e invivibili per conto loro. Tutto in nome di una monocultura dello sci di pista, con annessa neve artificiale (in buon parte proibita in Svizzera anche per ragioni energetiche). E ora la megaindustria
pistaiola non regge pi: intere piccole stazioni sono quasi abbandonate e i monti ridotti a cimiteri di piloni, tralicci e funi portanti.
Le coste italiane si sviluppano per 8.000 km, buona parte - soprattutto vicino ai porti, agli insedamenti, edifici, strade pi o meno abusivi su terreni demaniali - soggette a fortissima erosione. Ne sa qualcosa la Liguria con i suoi 55 km di spiagge
sminuzzate, morsicate, sfrangiate. E con porti per barche che servono come alibi per la speculazione terrestre. Le citt sono in espansione incontrollata, non solo da noi, s`intende. E un fenomeno globale.
Ma da noi i Comuni incassavano il 60% dall`Ici e dagli oneri di costruzione. Ora per fare cassa dove pensiamo che si rivolgeranno? Alla "slumizzazione" delle metropoli, come dicono i sociologi, e a piani regolatori fondati su una variantistica perpetua (e addirittura il baratto delle licenze da zona a zona), le amministrazioni fanno riparo spesso con l`assunzione delle "archistar", l`architetto famoso che diventa moda egli stesso e dunque brand, logo, garanzia per poter firmare un pezzettino di citt, un grattacielo-suppellettile, un museo, un negozio, o un`isola del Dubai come se fosse una T-shirt (F. La Cecla, "Contro l`architettura", appena uscito per Bollati Boringhieri).
Quanto ai colli italiani non c` che scegliere: dai 50 palazzi a sei piani dentro la necropoli punita di colle Tuvixeddu a Cagliari, al foglio 25 del mappale della Pineta di Arenzano (Il Secolo XIX, 21 aprile 2008), allo scempio dei colli toscani, il cuore del Rinascimento, alle esemplari villette di Montichiari
(controprova dell`impotenza del governo centrale), alle pale eoliche dietro il castello di Scansano. Poi si scopre, atterriti che, voil, nel 2008 avremo quasi tre milioni di turisti stranieri
in meno rispetto all`anno scorso (Ermanno Marocco, Il Secolo XIX, 30 luglio).
Cultura, arte, paesaggio, ospitalit, galateo, sono in stretto rapporto, come ci ha insegnato il Rinascimento. Sia al livello degli utenti: la spesa culturale media di una famiglia italiana, a parit di reddito, la met di quella di una famiglia inglese
(6% contro il 12). Sia sul piano delle politiche positive.
O negative: tra il 2009 e il 2011 i Beni culturali perderanno stanziamenti per 900 milioni, pi il taglio di 150 ai fondi per la tutela del paesaggio per turare i buchi neri dell`Ici. A questo punto sempre il poeta Zanzotto conclude in stile non propriamente
idillico, non da "galateo", insomma: Un bel paesaggio, una volta distrutto non torna pi e se durante la guerra c`erano i campi di sterminio, adesso siamo arrivati allo sterminio dei campi:
fatti che, apparentemente distanti tra loro, dipendono tuttavia dalla stessa mentalit.

* GIORGIO BERTONE ordinario di Letteratura Italiana all`Universit
di Genova.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news